Resona Bank ha deciso di lasciare Ripple a partire dal prossimo il 13 maggio. L’annuncio arriva solo dopo poche settimane la decisione di diverse banche giapponesi di usare il sistema Money Tap per pagamenti senza contanti e per piccoli trasferimenti, in collaborazione con xCurrent di Ripple.

Read this article in the English version here.

“In merito all’annullamento della cooperazione con l’applicazione di rimessa “Money Tap”, data di cancellazione della cooperazione: lunedì 13 maggio 2019”.

Come possiamo leggere nel comunicato, il servizio verrà chiuso il prossimo 13 maggio 2019, cancellando di fatto la cooperazione con il servizio Money Tap.

Per il momento non ci sono ulteriori chiarimenti in merito, quindi non si sanno ancora le motivazioni di questa cancellazione improvvisa.

Si tratta senz’altro di una notizia controcorrente dato che diverse banche stanno continuando ad adottare il sistema di pagamento di Ripple, dimostrando di dare supporto a questa tecnologia.

Lo scopo di Ripple, infatti, è quella di creare sempre più partnership e collaborazioni per implementare la propria tecnologia in più campi possibili e di conseguenza diventare un punto di riferimento nel settore dei pagamenti istantanei e transnazionali.

Come anche Stellar Lumens, infatti, anche l’obiettivo e core business di Ripple è quello di diventare la blockchain delle banche, elemento che suscita molto scetticismo nei crypto-adopter più massimalisti, visto che di fatto Ripple è un ledger centralizzato che collabora forse con il nemico numero 1 di Bitcoin: le banche.

Di recente Ripple aveva annunciato la collaborazione all’interno dell’associazione INATBA per favorire l’educazione e la regolamentazione dell’ecosistema delle criptovalute e della blockchain. Questa notizia aveva scatenato non poco scalpore visto che in INATBA era entrata anche a far parte Swift, competitor di Ripple almeno nelle intenzioni di quest’ultima.

Previous articleFireWall.X: un firewall per gli smart contract EOS
Next articleICC: l’adozione blockchain arriva a McDonald e Amazon
Alfredo de Candia
Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.