Si aggravano le news relative a Bitcoin SV, che si riflettono sull’andamento del prezzo di oggi.

Read this article in the English version here.

Nel tardo pomeriggio di ieri Kraken, dopo aver lanciato un sondaggio tra i propri clienti, ha infatti deciso di delistare Bitcoin SV. Questo ha causato un ulteriore movimento al ribasso e anche oggi BSV scende dell’1% e, con i minimi di ieri pomeriggio, vede segnare una perdita di oltre il 46%, dimezzando il proprio valore in soli 15 giorni.

Grafico Bitcoin SV by Tradingview

Bitcoin SV il 4 di aprile ha visto l’ultimo massimo relativo poco sopra i 100 dollari. Oggi i prezzi oscillano a ridosso del supporto dei 55 dollari.

Dopo i forti rialzi e l’andamento in controtendenza di ieri, anche Bitcoin Cash oggi segna un ribasso del prezzo che supera il 2%, mantenendo comunque la 4° posizione in classifica. Tranne oggi, il rialzo degli ultimi due giorni è stato in gran parte un riflesso dell’aggravamento delle news relative a Bitcoin SV.

Tra le prime 15 criptovalute  in territorio positivo, torna a riprendersi la scena bitcoin, che mette a segno un rialzo del 2%. BTC è dietro solo a Monero, oggi a +4%.

Grafico Cardano by Tradingview

Le news di oggi su Cardano

Anche Cardano (ADA) nelle ultime ore ha confermato il rilascio dell’aggiornamento di Shelley che porta la blockchain alla versione 1.5. Questo aggiornamento consentirà al protocollo di Cardano di velocizzare i meccanismi di delega e incentivazione sulla stessa blockchain.

Il movimento di inizio mese, quando è stato confermato l’aggiornamento entro metà aprile, aveva portato i prezzi al rialzo fino a toccare i 10 centesimi di dollaro, valori che non si registravano dallo scorso inizio settembre 2018.

Per Cardano è confermato il testa e spalle ribassista che si è formato tra dicembre 2019 e gennaio 2019. I prezzi dopo lo scivolamento delle quotazioni tornate a 8 centesimi di dollaro, oggi non stanno beneficiando della notizia, confermando il detto “acquista sui rumors e vendi sulla notizia”, cosa che sembra stia avvenendo in queste ore. Cardano perde circa lo 0.3%, ma non è niente di preoccupante.

Fonte: COIN360.com

La capitalizzazione del mercato crypto

La capitalizzazione torna a spuntare i 175 miliardi di dollari, ma quello che emerge è la dominance di bitcoin che si riporta al 52,5%.

Bitcoin sino a poche settimane fa era arrivato a sfiorare il 50% di dominance. Il recupero in meno di 10 giorni del 2% di dominio vede aumentare la capitalizzazione di circa 4 miliardi di dollari e puntare nuovamente a 100 miliardi, livello abbandonato dal ribasso subito dalla seconda decade di novembre.

È un segnale positivo per quanto riguarda bitcoin che torna a primeggiare e a farsi rispettare in un contesto generale.

Rimanendo in tema dominance, Ripple continua a scivolare allontanandosi dalla soglia dell’8%, i livelli più bassi che non si registravano dallo scorso metà settembre: una debacle.

Grafico Ripple by Tradingview

Nonostante l’annuncio delle ultime ore circa il sistema Ripplenet, Ripple vive un movimento non positivo in un’ottica di medio lungo periodo. Dopo il rialzo della scorsa settimana che ha spinto i prezzi a 38 centesimi i prezzi sono scivolati sotto la resistenza della scorsa settimana pari a 32-33 centesimi, come anche specificato nella puntata di ieri di Crypto Focus su Le Fonti tv.

Ethereum, nonostante le difficoltà, continua ad aggrapparsi alla soglia del 10%.

Grafico bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC)

Bitcoin nelle ultime ore mette nuovamente testa oltre i 5.200 dollari che è un segnale decisamente importante che conferma la voglia di continuare a salire. Se questo trend rialzista proseguisse nei prossimi giorni sarebbe una dimostrazione di forza dei tori che hanno riportato volatilità e interesse nel bitcoin che si può riscontrare anche nei volumi sopra la media delle ultime settimane.

Un segnale positivo che troverà conferme con la tenuta dei 5.000 dollari. Nel caso di mancata conferma del supporto bisognerà attendersi ulteriori estensioni fino al test dei 4.800 o 4.500 dollari.

Sarebbe invece un segnale importante che riporterebbe nuovi acquisti un movimento che dai 5.230 dollari di queste ore arrivasse a 5.300 – 5.350 dollari.

Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Ethereum continua a stabilizzarsi intorno la soglia dei 165 dollari, soglia dove ondeggiano i prezzi da una settimana e senza dare opportune indicazioni dell’aspetto tecnico di breve periodo. ETH continua a confermare l’importanza del supporto o resistenza di breve periodo che coincide perfettamente con il precedente triplo massimo.

Nulla di invariato. Per Ethereum rimane importante la tenuta dei 155 dollari, altrimenti in caso di violazione vedrebbe attrarre il supporto successivo dei 135 dollari. Al rialzo è necessario il ritorno a 180-185 dollari.

Previous articleUn board per il delisting di Bitcoin Satoshi Vision
Next articleSvezia: il Governo ha adottato Bitcoin come moneta ufficiale
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo