Il Ministro francese per gli affari digitali ha affermato di essere favorevole alle donazioni in criptovalute per la ricostruzione di Notre-Dame di Parigi, Francia.

Read this article in the English version here.

Il governo ha già lanciato un sito ufficiale per raccogliere denaro per la ricostruzione della cattedrale, ma al momento sul sito non c’è modo di effettuare donazioni in bitcoin o altre criptovalute. Questo sito però è stato realizzato di fretta, in un giorno solo, e quindi non è nella sua versione definitiva.

Durante una conferenza stampa a margine del summit della settimana della Blockchain di Parigi, il ministro ha dichiarato:

“Non sono sicuro che tutte le piattaforme crypto siano in grado di farlo, ma comunque siamo aperti alla discussione. Le persone dovrebbero essere in grado di fare donazioni attraverso qualsiasi mezzo vogliano usare”. 

Cédric O ha poi aggiunto che si potrebbero applicare alle donazioni in criptovalute le stesse condizioni che si applicano ora a quelle in valuta fiat, ovvero che non ci devono essere commissioni, le informazioni devono essere raccolte per le detrazioni fiscali, e il denaro deve essere raccolto attraverso le organizzazioni ufficialmente autorizzate ed elencate sul sito.

Francia: le donazioni in bitcoin sono già possibili

Qualcosa di molto simile in realtà lo stanno già facendo Helperbit e Aidcoin, grazie ad un’iniziativa lanciata da Eidoo che di fatto rispetta già le regole citate dal ministro. Quindi, ad esempio, sarebbe sufficiente aggiungere questa iniziativa a quelle pubblicate sul sito francese per far sì che possano essere effettuate ufficialmente anche donazioni in criptovalute.

Inoltre, il sito web del governo è progettato per piccole donazioni, mentre invece non ci sono limiti a quelle in criptovalute.

Il Presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che la cattedrale sarà ricostruita in soli cinque anni, mentre il ministro della Cultura Franck Riester ha riferito che fino ad oggi sono già stati raccolti oltre 900 milioni di dollari.

L’organizzazione indipendente senza fini di lucro Fondation du Patrimoine ha affermato che oggi è ancora troppo presto per stimare il reale costo del danno e della ristrutturazione.