Guest post in partnership con Money20/20 Europe

Le tecnologie emergenti e il ritmo dell’innovazione stanno guidando i cambiamenti in tutto il settore bancario ad un ritmo senza precedenti. Dall’Asia all’Europa, dagli Stati Uniti all’Africa, dall’Australia al Medio Oriente, i consumatori non solo adottano sempre più spesso il digitale, ma la maggior parte di loro lo richiede.

Read this article in the English version here.

Se da un lato è inevitabile il movimento verso la nostra capacità di fare le operazioni bancarie ovunque, il percorso verso tale trasformazione varia da una regione all’altra – e diversi modelli si sono evoluti all’interno di ogni area geografica. Sebbene alcune banche concorrenti stiano cercando di andare avanti da sole, come nel caso di Starling e Monzo, le quali sfruttano entrambe le tecnologie e i dati per fornire offerte esclusivamente digitali focalizzate sulle mutevoli esigenze dei consumatori, le banche tradizionali sono alle prese con il modo migliore per evolvere: alcune scelgono di creare una nuova banca digitale separata per fare appello ai nuovi dati demografici (come nel caso di Standard Chartered a Hong Kong), mentre altre scelgono di ricostruire e fare rebranding.

La difficoltà di queste ultime è ovvia: l’esperienza digitale dipende dalla capacità di aggiornare/migliorare il sistema legacy core. Indipendentemente dal percorso intrapreso, resta il fatto che il passaggio al digitale si estende oltre lo spostamento delle transazioni da analogico, a Internet, a mobile come parte di un aggiornamento tecnologico a livello superficiale. Diventare digitale è una trasformazione completa che richiede una modifica del DNA della banca.

Questo è il nuovo standard dell’evoluzione trasformativa del modello di business nell’ambito dei servizi finanziari. A differenza della cultura “move fast and break things” (muoviti velocemente e rompi molte cose) della Silicon Valley, l’innovazione, per essere efficace e sostenibile, deve essere ponderata e disciplinata. Questo nuovo modo di pensare deve essere integrato nella cultura aziendale, con un impegno costante dall’alto verso il basso, rimanendo con i piedi per terra. Portare nuovi prodotti e servizi sul mercato richiederà la volontà di fare molti tentativi ed errori, la tolleranza ad accettare il fallimento e l’apertura all’apprendimento. “Quanto siamo aperti?” diventa non solo una questione di capacità tecniche, ma anche una questione di cultura e di sopravvivenza.

Quanto è grande la nostra area tecnica?

Anche se potrebbe sembrare banale, le banche del futuro saranno sempre più gestite dalla tecnologia. Sempre più consumatori inizieranno ad adottare i prodotti e i servizi digitali di grandi aziende tecnologiche leader come Apple e Amazon e si aspettano la stessa esperienza senza soluzione di continuità anche nel settore bancario.

Nella nuova era digitale, in cui le persone trascorrono più tempo che mai sui loro dispositivi mobili, in cui il traffico pedonale al dettaglio è diminuito, in cui i clienti non visitano più le filiali bancarie, i consumatori preferiscono fare le operazioni bancarie comodamente a casa loro o nel corso della giornata, quando e come vogliono. Il mobile banking è rapidamente diventato una necessità invece che una piacevole soluzione, le esperienze finanziarie previste dalle nostre applicazioni sono passate dal riportare il passato al prevedere il futuro. Per competere, le istituzioni finanziarie devono reinventarsi nel contesto della nostra vita quotidiana, della nostra routine, dei nostri bisogni, dei nostri desideri e del loro impatto sul nostro futuro.

Esaminare i budget tecnologici aziendali può aiutare a far luce sulla direzione nella quale alcune delle banche si stanno ristrutturando – e se stanno spendendo per sopravvivere, o se stanno spendendo per evolvere. Ad esempio, il budget tecnologico di J.P. Morgan crescerà fino a 11,5 miliardi di dollari, molti dei quali sono destinati ad investimenti strategici, come l’esplorazione del quantum computing e lo sviluppo di nuovi prodotti al dettaglio.

Nel 2020 apriranno anche un campus fintech a Palo Alto, il che dimostra ulteriormente il loro impegno nell’apprendere e sfruttare le piattaforme tecnologiche che influenzano gran parte delle attività dei loro clienti. Nel frattempo, il budget tecnologico della Bank of America si dice che sia di 10 miliardi di dollari, di cui un terzo sarà destinato a “nuovi investimenti di iniziativa”. Le banche non stanno prendendo alla leggera le minacce al loro modello di business. Le loro abitudini di spesa lo dimostrano.

Open banking e la nascita delle super app

Fino a poco tempo fa, i dati finanziari di un consumatore erano conservati a livello centrale all’interno del rispettivo istituto finanziario. Ma anche questo ha iniziato a cambiare con l’implementazione di varie iniziative di Open Banking che si sono evolute nell’ultimo decennio e lanciate negli ultimi anni in tutto il mondo. È ormai evidente che il futuro del settore bancario sarà guidato da modelli di business aperti e API. Un rapido sguardo a ciò che è accaduto ci dà un’idea di dove si dirigono le banche.


Da quando l’Open Banking Implementation Entity (OBIE) ha lanciato due delle quattro release come parte della propria roadmap, ogni mese vengono effettuate oltre venti milioni di chiamate API per la raccolta dati. Nell’ultimo mese, i maggiori beneficiari del cambio di conto sono state le banche come HSBC, Santander e Nationwide, insieme a FinTech come Monzo, Starling e Revolut.

Negli Stati Uniti, anche se i cambiamenti regolamentari sono probabilmente molto distanti, è inevitabile che emerga un modello più aperto, dato che grandi player del settore tecnologico come Google, Apple, Amazon e Facebook si stanno dedicando ai pagamenti e ad altre attività, come nel caso della nuova iniziativa Apple Card di Apple, in collaborazione con Goldman Sachs. Anche se non è all’avanguardia come vorrebbero alcuni operatori bancari, Apple sta mettendo il suo timbro nello spazio dei pagamenti dichiarando: “Creato da Apple, non da una banca” nella sua campagna di lancio. Con grande dispiacere dei banchieri, questo probabilmente risuonerà con i consumatori più di quanto vorrebbero.

Nel frattempo, la comparsa di modelli di super app in Oriente da parte di giganti tecnologici come Alibaba e Tencent ha offerto ai consumatori un nuovo modo di far uso di servizi bancari, soprattutto nel settore dei pagamenti. Le banche concorrenti come MYbank e WeBank (sostenute rispettivamente da Alibaba e Tencent) sono cresciute notevolmente negli ultimi anni. Allo stesso tempo, la consociata di Alibaba, Ant Financial, si sta espandendo rapidamente al di fuori del suo mercato interno, la Cina, seguendo una strategia volta a servire l’enorme mercato dei turisti cinesi che sono abituati alla piattaforma AliPay. La super app è collegata a più di 200 istituzioni, tra cui oltre 100 banche, 60 assicuratori e 40 società di gestione patrimoniale e di intermediazione mobiliare.

È ancora troppo presto per giudicare se i grandi sforzi di disaggregazione hanno avuto successo o meno. Migliaia di startup del settore fintech hanno conquistato quote di mercato nelle principali aree di ricavo e le banche che collaborano e che investono in esse non hanno rallentato la marcia e l’impatto dell’ecosistema fintech.

Il passaggio a un sistema bancario aperto e gli sforzi su larga scala delle piattaforme tecnologiche dominanti non faranno che esacerbare i problemi che le banche si trovano ad affrontare. La tecnologia continuerà a consentire nuove proposte di valore che non sono mai state previste. Questo servirà a ristabilire l’intimità e la fiducia dei clienti agendo come un CFO personale per i clienti in ogni ambito della vita. I vincitori saranno quelli in grado di creare risparmi e ricchezza a lungo termine, ottimizzare le spese e costruire intuizioni più proattive e personalizzate che vanno oltre i servizi finanziari tradizionali. La riunificazione è per noi un’opportunità per reinventare – non per costruire sulla base del passato – e per seminare modelli di business futuri.

In un mondo in cui i cittadini cinesi con conti bancari cinesi possono condurre tutta la loro vita sulle super app Alipay e WeChat mentre gli stranieri pagano in contanti: il 47% dei consumatori americani continua a scrivere assegni, in un mondo cui le persone in Africa possono pagare e ottenere microprestiti sui loro telefoni cellulari in un istante – la risposta all’antica domanda sulla terra promessa: “Siamo arrivati?” è purtroppo “No, non ancora”. Come ha scritto Chris Skinner nel suo libro Digital Human: “Il nuovo mondo è un mondo di relazioni transitorie, impegni a breve termine e tutto ciò che è sempre online. Tuttavia, il sistema finanziario è costruito per le relazioni a vita, l’impegno a lungo termine, e tutto ciò che è fuori dagli schemi”. Se vogliamo che il settore prosperi in un nuovo ambiente in cui vige la concorrenza delle imprese tecnologiche globali, dobbiamo sfruttare le dimensioni e la fiducia delle banche già presenti sul mercato e la flessibilità e il focus delle startup tecnologiche.  

È giunto il momento di abbracciare modelli di attività bancarie aperte o le banche cesseranno di esistere.

***

Unisciti a Money20/20 Europe il prossimo giugno ad Amsterdam, mentre ci immergiamo ulteriormente nelle storie e tendenze che stanno cambiando il gioco, portando avanti la comunità globale dei servizi finanziari, dei pagamenti e di FinTech. Per saperne di più su Money20/20 Agenda and Stories, clicca sui link qui sotto.

Money20/20 Stories

Agenda