La news sul G20 hanno dato una scossa al mercato crypto. I volumi ritornati ad inizio della settimana hanno accompagnato un movimento rialzista che si è fatto più importante alle 16 UTC + 2, in concomitanza con la chiusura del G20 dei ministri delle finanze che si sono pronunciati in merito a una regolamentazione rispetto al settore delle criptovalute, aggiungendo poco rispetto allo scorso G20 in Argentina.

Read this article in the English version here.

Fonte: COIN360.com

La news di una presa di posizione innocua sotto certi aspetti da parte dei ministri delle finanze è stata motivo di reazione da parte del settore delle criptovalute. Poco dopo la chiusura della riunione, bitcoin è balzato oltre gli 8.000 dollari.

Grafico Litecoin by Tradingview

In queste ore il 70% delle criptovalute è in territorio positivo. Battistrada è Litecoin con un rialzo del 10%, uno dei maggiori rialzi su base giornaliera e che sembra trascinare un po’ tutto il settore. Litecoin cerca di stabilizzarsi oltre i 130 dollari, livelli che non si registravano da maggio 2018.

Bitcoin, Ethereum e Ripple sono tutte in territorio positivo.

Tra le migliori di giornata risalta Aurora (AOA) in 34° posizione e Fantom (FTM) in 92° posizione, che salgono oltre il 70%. Maximine Coin (MXM) in 68° posizione, continua a salire +34% anche oggi. Il suo prezzo vola oltre i 6 centesimi.

Riguardo la capitalizzazione è ora a 255 miliardi di dollari con quota di mercato di bitcoin a 55,5%. Restano invariate le quote di Ethereum e Ripple.

Grafico bitcoin by Tradingview

Bitcoin (BTC)

Bitcoin dopo aver provato a spingersi oltre la soglia degli 8.000 dollari nella giornata di ieri, ora torna a testare la soglia dei 7.900 dollari. Sotto l’aspetto tecnico nelle prossime ore e giorni va seguita con attenzione la possibilità di un ipotetico testa e spalle ribassista che potrebbe figurarsi nel caso che BTC non riesca a rompere con decisione area 8.250 dollari.

Al ribasso rimane decisiva e critica la soglia dei 7.500 dollari In caso di violazioni bitcoin non si deve spingere al di sotto dei 7.200 dollari.

Grafico Ethereum by Tradingview

Ethereum (ETH)

Ethereum è tornato a oscillare a quota 245 dollari. Per avere segnali rialzisti ETH deve recuperare i 265 dollari. La struttura è differente ma anche Ethereum rischia uno “sporco” testa e spalle se non riesce a spingersi sopra la soglia dei 265 dollari nei prossimi giorni.

La struttura rimane rialzista ma è importante mantenersi sopra i 235 dollari. Una violazione al ribasso attirerebbe la speculazione verso i 200 dollari.

Previous articleBank of England: “le crypto hanno un enorme potenziale”
Next articleCresce il numero di ATM bitcoin: oltre 300 nuove installazioni a maggio
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo