Read this article in the English version here.

In un comunicato, la Commonwealth Bank of Australia (CBA), una della quattro banche sistemiche australiane, annuncia di aver ottenuto il mandato dal World Bank Group, ente internazionale controparte del Fondo Monetario Internazionale, impegnato nel sostenimento degli investimenti internazionali contro la povertà e per lo sviluppo.

Il mandato sarebbe per per l’emissione di titoli obbligazionari che verranno creati, trasferiti e gestiti tramite la blockchain.

Il titolo sarà denominato in dollari australiani, chiamato “Kangaroo bond” ed è definito come “bond-i Blockchain Offered New Debt Instrument”, nuovo strumento di debito su blockchain.

E’ stato sviluppato da CBA in collaborazione con una comunità di investitori fra cui Northern Trust, QBE, e la Treasury Corporation of Victoria. Una volta lanciato, il titolo sarà emesso e distribuito su una piattaforma blockchain gestita dalla World Bank dalla CBA presso le proprie sedi di Washington e di Sydney.

La blockchain per la realizzazione dello strumento finanziario è una versione privata di Ethereum il cui ampio uso, ormai consolidato nel tempo, è in grado di fornire la sicurezza e l’efficienza necessarie.

Comunque, è previsto un auditing indipendente sulla sicurezza e inviolabilità della piattaforma che, secondo l’accordo raggiunto, sarà effettuata dalla Microsoft, mentre lo studio legale King & Wood Mallesons ha agito come consulente giuridico.

La CBA ha agito fin dal 2009 come gestore di numerose emissioni in AUD della World Bank, portando quindi avanti una partnership di lungo termine con l’ente internazionale.

Inoltre, è all’avanguardia nell’emissione di titoli legati alla blockchain, già sperimentati come prototipo con la Queensland Treasury Corp., ente finanziario dello Stato del Queensland.

Sophie Gilder, responsabile del laboratorio per l’innovazione e la blockchain della CBA, ha affermato: “Sappiamo che la blockchain ha il potenziale di rivoluzionare i servizi ed i mercati finanziari, e questo è un passo significativo verso il futuro. Collaborando con la Banca Mondiale abbiamo trovato soluzioni tecniche e legali per fare di queste transazioni innovative una realtà- Questo progetto solidifica ulteriormente la posizione di avanguardia della CBA nella tecnologia blockchain e siamo soddisfatti di poterla usare nelle partnership con i nostri clienti”.

La World Bank emette 50-60 miliardi di dollari annui in titoli di credito a sostegno della propria missione per lo sviluppo ed una loro conversione anche parziale sulla blockchain significherà un notevole cambiamento nella gestione dei mercati finanziari internazionali.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here