Internet ha cambiato molti settori, da quello dei viaggi, allo shopping, ai servizi, ma uno di quelli maggiormente modificati dal web è relativo all’educazione.

Sino a meno di 30 anni fa ricevere un’educazione di qualità significava frequentare università costose, con spostamenti che richiedevano lunghi tempi o trasferimenti che non tutte le famiglie potevano permettersi.

Al giorno d’oggi è possibile frequentare corsi di università italiane o internazionali online con facilità, costi contenuti e, soprattutto, senza perdite di tempo accessorie.

Ora la blockchain porta l’evoluzione informatica ad un altro livello. Come può questa tecnologia influenzare il mondo dell’educazione? In linea di massima possono essere identificati cinque percorsi di implementazione:

 

a) Accettando pagamenti attraverso criptovalute. Ad esempio le università di Nicosia, il King’s College di New York e la Simon Fraser University del British Columbia, fra le altre, hanno iniziato ad accettare valute virtuali per il pagamento dei corsi.

Si tratta ancora di una frazione minima rispetto al totale, ma comunque in incremento. Il 2% degli studenti dell’Università di Nicosia paga le proprie rate in valute virtuali.

b) Lauree e certificati sulla blockchain. Uno dei problemi è anche legato alla certificazione dei titoli di studio una volta conseguiti, senza contattare direttamente le università di origine. In questo settore si stanno impegnando il Massachusetts Institute of Technology (MIT) e Learning Machine con il progetto Blockcherts per il salvataggio e la condivisione delle lauree. Altri progetti simili sono Gradbase e Stampery.

c) Il curriculum accademico elettronico. Importante è poi la condivisione non solo dei titoli ufficiali, ma anche di tutto il curriculum, comprendente campi di studio, pubblicazioni accademiche o semplicemente i vari voti. In questo settore sono in corso diversi progetti interessanti: Sony ed IBM si sono unite per permettere il salvataggio e la condivisione dei dati scolastici ed accademici tramite la blockchain. In questo caso la sfida è come caricare i dati sulla blockchain e come renderli disponibili a tutti. Inoltre, è nata una nuova ICO, Skillchain, che si pone come obiettivo quello di mettere su blockchain tutti i certificati e i c.v. proprio per garantire trasparenza e veridicità delle informazioni.

d) Un curriculum vitae di apprendimento. Non si finisce di imparare con gli studi ufficiali, ma si acquisiscono competenze durante tutta la propria carriera lavorativa. Progetti come Openbadges permettono di registrare e di farsi  riconoscere capacità lavorative e professionali acquisite durante la propria carriera lavorativa e quindi possiamo parlare come di un Linkedin distribuito.

e) Le piattaforme attualmente in uso per l’e-learning, come Coursera o come i corsi universitari online, sono basati su piattaforme centralizzate in cui l’intermediazione fra produttore e fruitore dei contenuti può essere elevata. AC3 si presenta come una piattaforma decentralizzata in cui invece domanda ed offerta si può incontrare in modo diretto ed immediato, senza costi aggiuntivi, in cui il token specifico è un puro Utility token necessario per l’accesso alla piattaforma e per il pagamento dei rispettivi corrispettivi.

Però la blockchain non è solo disintermediazione, distribuzione e risparmio nei costi, ma anche beneficenza che si esprime pure nell’educazione.

Una delle iniziative più interessanti, attivata dalla  comunità di Steem, è Edusteem, che si pone come obiettivo di fornire a cinque milioni di studenti in Nigeria gli strumenti educativi minimi, dalle penne ai libri, per poter ottenere un’educazione almeno di base.  Perchè la blockchain è anche una diversa visione del futuro, più solidale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here