Guida al mining Zcash
Mining

Guida al mining Zcash

By Fabio Lugano - 22 Lug 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Zcash è una criptovaluta nota per la caratteristica di offrire un alto livello di anonimità. La crypto utilizza il sistema zksnarks per assicurare che le informazioni essenziali sulle transazioni siano accuratamente codificate.

L’algoritmo alla base di Zcash si chiama Equinash, di tipo Proof Of Work, ma con una una codifica definita Asymmetric memory hard che crea un collo di bottiglia a livello di RAM pensato per evitare lo sviluppo di macchine ASIC, cioè con circuiti integrati creati ad hoc per risolvere questo tipo di problemi.

Le comunità crypto non amano le macchine ASIC in quanto, pur se efficienti, sono specificamente dedicate al mining e quindi conducono a una progressiva centralizzazione del token stesso.

Quindi, tradizionalmente, le macchine preferite per la creazione di questa moneta sono state le GPU/CPU.

Quali le ragioni per dedicarsi al mining Zcash?

Ecco alcuni buoni motivi:

  • Il mining Zcash può permettere il finanziamento di macchine e hardware più complessi;
  • Zcash è facilmente scambiabile su numerosi mercati;
  • E’un sistema semplice per entrare nel mercato di Zcash in modo più conveniente e meno rischioso rispetto agli acquisti sul mercato, spesso estremamente volatile;
  • Pur essendo stato molto volatile ha una capitalizzazione superiore ai 600 milioni e un suo valore comunque rilevante.

I passaggi essenziali per poter effettuare il mining di Zcash sono:

  • Una macchina adeguata;
  • Downloadare e settare il software relativo;
  • Aderire eventualmente a una pool.

Il mining Zcash è molto diffuso e popolare perché può essere svolto con una varietà di processori, da AMD e Nvidia, anche se il primo è più profittevole se utilizzato per Ethereum.

In generale i software più diffusi, per i vari hardware, sono:

Per facilitare le attività di mining è poi utile aderire ad una mining pool, scelta che permette di unire le capacità computative per aumentare le possibilità di minare un blocco, in cambio di una piccola percentuale di quanto ottenuto.

Per Zcash i principali pool sono:

  • Nanopool (commissione 1%);
  • Flypool, (commissione 1%, pagamento minimo 0,001 Zcash);
  • Dwarfpool (0,01 Zcash di commissione minima).

Aderire ad una mining pool può aumentare le probabilità, ma nello stesso tempo può anche aumentare il consumo energetico complessivo, quindi occorre stare attenti.

Tutto il processo di download del software e il suo settaggio può essere fatto in poco più di una ventina di minuti.

Non c’è bisogno di scaricare l’intera blockchain e il risultato del mining può essere salvato direttamente su un wallet o perfino su un exchange.

Una guida completa al mining di Zcash può essere trovata su Github, ZEC produce un blocco ogni 2,5 minuti e ogni blocco ha un premio consistente in 10 monete.

Recentemente si è assistito a una crescita di hashrate in Zcash, cioè di potenza applicata al mining (da Bitinfocharts):

Naturalmente questo ha portato a un parallelo aumento della difficoltà, in tal modo il rendimento del mining, a parità di macchinario impiegato, si è molto ridotto nell’arco degli ultimi quattro mesi.

Certo, ritorno economico potrebbe calare molto più rapidamente di quanto si è portati a pensare.

In generale un buon suggerimento è affidarsi ai siti online, come whattomine, che stimano il rendimento presunto del vostro investimento, considerando anche il costo energetico.

Per concludere, anche se Zcash nasce resistente all’ASIC, Bitmain è riuscito a superare queste difficoltà e è riuscito a  produrre un ASIC; il modello S9 Mini, in grado di minare ZEC.

Questo ha portato una discussione accesa all’interno della comunità, ma pare che l’orientamento non sia più così rigido contro gli hardware dedicati per cui potremmo vedere una crescita di questo tipo di macchine in futuro.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.