banner
Il crypto wallet hardware nascosto nella SIM dello smartphone
Il crypto wallet hardware nascosto nella SIM dello smartphone
Blockchain

Il crypto wallet hardware nascosto nella SIM dello smartphone

By Marco Cavicchioli - 6 Mar 2019

Chevron down

VaultTel ha presentato un nuovo crypto wallet hardware molto particolare per smartphone. Si tratta infatti di una card che si può conservare nell’alloggiamento della SIM.

Read this article in the English version here.

Oltre alla scheda Intellichip VaultTel è necessaria un’apposita app per utilizzarla e può sfruttare i dispositivi di autenticazione dello smartphone come protezione. Inoltre, questo tipo di hardware wallet utilizza una crittografia di livello militare, l’Advanced Encryption Standard (AES) per mantenere al sicuro le chiavi private.

Grazie alla funzione di autenticazione biometrica solo il proprietario del telefono ha l’autorizzazione a trasferire i fondi conservati nel wallet, inoltre, secondo la società che lo commercializza, nessuno spyware o trojan può registrarne l’attività perchè questo wallet hardware non utilizza le risorse del sistema.

L’hardware wallet per smartphone dispone anche di funzionalità aggiuntive come la possibilità di limitare l’accesso al wallet a un singolo dispositivo o il “geolock” per limitare l’accesso a una determinata area geografica.

La scheda può essere inserita nello slot per le schede SIM degli smartphone Android dual-SIM, oppure può essere utilizzata con un apposito accessorio su quelli con IOS.

Per ora il prodotto è stato lanciato sul mercato americano, e dovrebbe essere reso disponibile a breve anche nei paesi europei.

È anche possibile effettuare il backup del wallet utilizzando altri chip VaultTel (cosa consigliata).

Il problema della conservazione delle chiavi private dei wallet di criptovalute è sempre più importante, e la conservazione su supporto fisico è sempre più diffusa.

Tuttavia la conservazione fisica porta con sè alcuni problemi che iniziative come questa propongono di risolvere con soluzioni innovative.

Ovviamente non è conveniente conservare le chiavi private solamente in un dispositivo come questo, perchè in caso di furto o smarrimento dello smartphone potrebbe non essere possibile riuscire a recuperarle: è per questo che si consiglia comunque un backup su un altro supporto fisico conservato magari in un luogo molto sicuro.

Il vantaggio di una soluzione come questa è sicuramente la portabilità. Se il grado di sicurezza garantito è elevato, allora con un buon backup questa appare davvero come una soluzione interessante.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.