Xrapid di Ripple (XRP) e il confronto con Libra di Facebook
Xrapid di Ripple (XRP) e il confronto con Libra di Facebook
Altcoin

Xrapid di Ripple (XRP) e il confronto con Libra di Facebook

By Michele Porta - 4 Lug 2019

Chevron down

Il capo del settore bancario di Ripple, Marjan Delatinne, ha recentemente affermato che l’azienda ha già 20 importanti clienti che utilizzano il servizio XRapid basato su XRP. E non sembra temere la possibile concorrenza di di Libra di Facebook nel futuro.

Read this article in the English version here.

Xrapid per velocizzare i pagamenti internazionali

In una nuova intervista con Global Trader Review, Delatinne sottolinea il caso di utilizzo di xRapid e l’impatto che potrebbe avere sulle transazioni internazionali, specialmente nei paesi in cui è più lento e più costoso trasferire capitali.

“XRapid è diventato attivo lo scorso ottobre, quindi è un prodotto nuovo, ma abbiamo già più di 20 istituzioni finanziarie che lo utilizzano Ciò che è evidente è che le banche regionali e i fornitori di servizi di pagamento sono affamati di cambiamento. Essi cercano di ottenere un vantaggio competitivo. Questo è il vero obiettivo: fornire un’esperienza in tempo reale in termini di pagamenti transfrontalieri. Per alcuni valute, ad esempio il peso messicano e il peso filippino, una transazione richiede attualmente da tre a quattro giorni perché il processo sottostante è ancora abbastanza arcaico”.

Finora 13 aziende hanno dichiarato pubblicamente che stanno usando o stanno pianificando di adottare xRapid di Ripple (XRP).

Un approccio diverso fra Ripple e Libra

Delatinne ha poi affrontato il discorso Libra di Facebook e dell’eventuale competizione fra XRP e la criptovaluta di Zuckerberg.

Delatinne crede che il gigante dei social media abbia portato maggiore credibilità nello spazio delle criptovalute ma che stia seguendo un approccio diverso da quello di Ripple.

“Naturalmente, al momento, Libra non esiste nemmeno. È solo un semplice whitepaper. Facebook ha iniziato con una visione ben precisa che probabilmente si evolverà nel tempo. Quello che per ora possiamo capire è che il loro approccio non è quello di lavorare con i player del settore finanziario. Zuckerberg vorrebbe trasformare completamente il settore finanziario classico e portare un’esperienza completamente diversa. Il nostro approccio è diverso: stiamo lavorando con l’attuale sistema finanziario. Collaboriamo felicemente con le banche, con i fornitori di servizi di pagamento e con le autorità di regolamentazione”.

Michele Porta
Michele Porta

Ingegnere informatico. Da sempre appassionato di tecnologia, hardware e software. Entra nel mondo delle criptovalute negli ultimi anni imparando a fare trading e studiando gli aspetti tecnologici e implementativi delle principali crypto sul mercato. Spera in un futuro privo di contanti e basato sulla sicurezza garantita dalla blockchain.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.