Secondo la Tass, la Duma (il Parlamento della Russia) esaminerà tra gennaio e febbraio 2019 un nuovo progetto di legge sulla regolamentazione delle attività finanziarie digitali, tra cui le crypto.

Read this article in the English version here.

Lo ha annunciato il capo della Commissione della Duma sui mercati finanziari, Anatoly Aksakov, durante una conferenza stampa.

Aksakov ha dichiarato:

“La tanto attesa legge sugli asset finanziari digitali è in fase di approvazione. […] A giudicare dalle informazioni che ho, molto probabilmente avverrà a febbraio. […] Ho presentato questo disegno di legge alla Duma a fine dicembre. Abbiamo un piano per adottare questa legge entro il 15 febbraio e per lanciare un progetto pilota con circa 20 istituti di credito, mentre la Borsa di Mosca si sta preparando”.

In realtà, non si tratta solamente di una legge sugli asset finanziari digitali, ma è collegata anche ad altre due leggi sulla regolamentazione delle piattaforme di investimento e crowdfunding, ed alcune le modifiche al Codice Civile.

Russia progetto legge regolamentazione crypto

Già a maggio 2018, la Duma iniziò a prendere in considerazione un progetto di legge sugli asset finanziari digitali, ma questo fu poi rinviato ad un gruppo di deputati e di membri del Consiglio della Federazione guidato proprio da Aksakov.

Allora, il disegno di legge prevedeva di occuparsi solo di decidere quali transazioni i proprietari di asset finanziari digitali potevano effettuare (tra cui criptovalute e token) o di quali scambi autorizzare.

Invece, quello che dovrebbe essere approvato a febbraio dovrebbe introdurre anche una definizione legale di asset finanziari digitali, ed un nuovo tipo di contratto stipulato in forma elettronica, come nel caso degli smart contract.

Il disegno di legge, inoltre, definisce le principali differenze tra criptovalute e token in base alle caratteristiche dell’emittente e dei miner, oltre che in base allo scopo dell’asset.

Il presidente della Duma, Vyacheslav Volodin, ha anche esortato i legislatori a concentrarsi sull’economia digitale, inclusa quella riguardante le criptovalute, ed ha proposto la creazione di gruppi di lavoro di esperti, imprenditori e ricercatori per accelerare lo sviluppo di nuove regolamentazioni a riguardo.