La Financial Security Commission delle Mauritius ha pubblicato lo scorso lunedì delle linee guida per la regolamentazione applicabile alle aziende che intendono lanciare le proprie STO, ovvero le Security Token Offering.

Read this article in the English version here.

Secondo il report, la regolamentazione racchiude i requisiti legali applicabili ai progetti STO che potranno procedere solo dopo l’approvazione preventiva da parte della FSC.

A tal proposito il documento recita come segue:

“Quando le STO sono condotte all’interno o dalle Mauritius verso l’esterno, l’offerta di tali Security Tokens sarà soggetta al Securities Act 2005 e alle eventuali Regolamentazioni o norme emanate dal FSC, ivi incluso il requisito per un prospetto e la sua applicabilità”.

Inoltre, la FSC classifica i security token come la rappresentazione digitale dei titoli, così come definita dalla Securities Act del 2005, comprensivi cioè di diritti economici o di proprietà in relazione alla società che li emette durante il periodo di STO effettuando la propria raccolta fondi.

Esclusi dall’approvazione legale preventiva sono, invece, tutte le offerte di titoli dedicate a particolari categorie come investitori e fondi definiti “sofisticati” o “esperti”, o per schemi di investimento professionali.

Inoltre, nel documento si chiarisce l’obbligo di possesso della licenza a procedere per chiunque voglia concludere transazioni che coinvolgono i security tokens, oltre all’osservanza di un’adeguata diligenza da condurre riguardo alle STO, comprensiva di obbligo di divulgazione.

Infine, il documento definisce la natura dei security tokens come ad “alto rischio” e in merito agli investimenti suggerisce come segue:

La FSC esorta tutti i potenziali investitori a accertarsi appieno dei rischi connessi prima di impegnare qualsiasi fondo per l’investimento in security token. Inoltre, la FSC informa gli investitori che qualsiasi investimento in security token è a proprio rischio e che non sono protetti da alcun accordo di compensazione legale nelle Mauritius.”

Previous articleAnalisi Trading: EOS sale del 6%
Next articleInfocoin: un crypto aperitivo a tema blockchain
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.