Oggi torna a farsi notare Ripple. XRP è rimasta in sordina per molto tempo non in linea rispetto al resto del settore, congestionata tra i 28 e 33 centesimi di dollaro, ma la notizia che Coinbase inserirà nel suo paniere anche Ripple ha dato lo slancio rialzista che in queste ora sta facendo registrare un aumento del prezzo di +22% dai livelli di ieri mattina.

Read this article in the English version here.

Grafico XRP by Tradingview

È un rialzo che spinge il prezzo di Ripple (XRP) a ridosso dei 40 centesimi di dollaro, valori che non si registravano tra fine dicembre e inizio di gennaio.

Le notizie positive delle scorse settimane, quali partnership con istituzioni finanziarie, l’implementazione del protocollo Ripplenet e di xRapid non hanno avuto riflessi sul valore di Ripple. L’ultima notizia su Coinbase, invece, sembra aver dato il pretesto per far esplodere le quotazioni fino a 40 cent di dollaro, configurando Ripple come la criptovaluta con il miglior rialzo del prezzo di oggi tra le prime 100 quotate su Coinmarketcap.

Le novità su bitcoin (BTC)

Bitcoin, dopo aver rotto nei giorni scorsi i 6.000 dollari ed essersi spinto oltre i 7.000 tra domenica e lunedì, in queste prime ore di martedì supera di slancio gli 8.000 dollari.

Bitcoin sta trascinando tutto il settore. A differenza di quanto accadeva fino a lunedì mattina, nel pomeriggio sono arrivati segnali importanti per tutte le altcoin principali. In particolare Ethereum si è spinta oltre la soglia dei 200 dollari segnando un massimo a 205 dollari per poi iniziare le prese di beneficio che non hanno inficiato la tendenza rialzista.

È un movimento che inizia a stupire: è tornata prepotente la volatilità che non veniva registrata da molti mesi. Ad esempio, ieri BTC ha visto oscillazioni di prezzo di 3-400 dollari nel giro di pochi minuti, spingendo i prezzi da 7.800 dollari a ridosso degli 8.000 punti.

Fonte: COIN360.com

Anche le altre criptovalute evidenziano forti rialzi. Circa il 90% delle prime 100 oggi sono in territorio positivo con rialzi a doppia cifra. Bitcoin mette a segno un +15% su base giornaliera, così come Bitcoin Cash che si riporta con decisione oltre la soglia dei 400 dollari. Anche Ethereum con un rialzo del 12% non fa eccezione.

Tra le altre big con rialzi da segnalare c’è EOS che sale del 15% riportando le quotazioni ai livelli massimi del 2019 attorno ai 6,10 dollari.

La capitalizzazione con il movimento rialzista delle ultime ore si spinge oltre i 242 miliardi di dollari, evidenziando come in soli 5 giorni il market cap sia salito di circa 50 miliardi di dollari. A metà della scorsa settimana oscillava tra i 180 e i 190 miliardi di dollari.

La forte espressione di movimenti avviati nel fine settimana (non succedeva dal 2017 che i weekend fossero volatili e interessati da forti volumi), in sole 24 ore tra domenica e lunedì ha portato il market cap a salire di 28 miliardi.

Bitcoin guadagna quote di mercato e conferma il suo dominio attorno al 60%, livelli che non registrava da dicembre 2017.

I rialzi vigorosi delle ultime ore riportano Ethereum a ridosso del 10% della capitalizzazione, mentre recupera Ripple che dopo essersi poggiata sul 6% di dominance, oggi si riporta al 6,8%.

Gli scambi volumetrici giornalieri continuano ad aumentare con circa 100 miliardi di dollari nelle ultime 24 ore.

Grafico bitcoin by Tradingview

Il prezzo di oggi: Bitcoin (BTC)

Bitcoin rompe la barriera psicologica degli 8.000 dollari e si spinge in queste ultime ore a testare gli 8.170 dollari, un rialzo che ora inizia a far venire le vertigini perché, dai livelli di venerdì pomeriggio, i prezzi guadagnano oltre il 30%, spingendo al  110% il rialzo dai valori di fine marzo.

Nelle prossime ore potrebbero iniziare le prese di profitto da parte degli investitori che si erano posizionati al rialzo. La struttura, sotto l’aspetto tecnico, somiglia a quanto avvenuto nell’estate 2014, con un rialzo che in soli 2 mesi aveva toccato il 150%, per poi vedere un ritracciamento del 50%. Per questo in questa fase di mercato è consigliata la prudenza.

Una movimentazione spingere i prezzi a testare il supporto ora diventato resistenza dei 8.400-8.500 dollari. Basterebbe una spinta di circa il 5% dai valori attuali, che è assolutamente possibile considerando le dinamiche di questi giorni, ma sempre più pericolosa per la struttura che si sta formando.

Al ribasso, con una salita così repentina e verticale è difficile trovare livelli di supporto prossimi, rimangono i 5.500-5-600 dollari.

Grafico Ethereum by Tradingview

Il prezzo di oggi: Ethereum (ETH)

Il movimento rialzista delle ultime 24 ore spinge i prezzi a rivedere i livelli di metà novembre, una soglia sotto l’aspetto tecnico molto importante. Nelle prossime ore sarà importante seguire la dinamica rialzista che si sta sviluppando e confermando nelle ultime ore, ma anche la tenuta dei 200 dollari, supporto tecnico e psicologico, violato ieri con ottimi volumi.

In caso di mancanza di volumi i livelli di supporto da considerare sono i precedenti massimi tra i 180 e i 185 dollari. In caso di violazione il supporto su base bimestrale rimane i 155 dollari.

Al rialzo il prossimo step è a 220-225 dollari.

Previous articleBinance si ferma per un aggiornamento di sistema
Next articleEidoo: disponibile la stablecoin Ekon Gold
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo