Read this article in the English version here.

Il primo mercato di scambio di crypto al mondo in termini di volumi, OKEx, ha unito le forze con MSX, il braccio FinTech della Borsa di Malta, per lanciare un nuovo exchange di security token, che punta a diventare il leader del suo settore nell’isola blockchain.

La partnership, riferisce OKEx in un comunicato sul suo sito, è stata ufficializzata oggi con la firma di Memorandum of Understanding (MoU) a La Valletta, capitale di Malta. Entrambe le società si impegnano a finalizzare una joint venture che vedrà la luce a breve, entro il terzo trimestre di quest’anno.

La neonata piattaforma di scambio di token si chiamerà OKMSX e sfrutterà l’esperienza nel mercato degli asset digitali di OKEx e quella di 26 anni della Borsa di Malta come mercato regolamentato.

Pietra miliare nello sviluppo economico di Malta”

L’obiettivo finale di OKMSX, che secondo i rappresentanti di OKEx diventerà una “pietra miliare nello sviluppo economico di Malta”, è quello di offrire alla clientela mondiale una piattaforma di token di qualità entro il primo trimestre dell’anno prossimo.

Sull’accordo storico è intervenuto Tim Byun, Chief Risk Officer e Head of Government Relations di OKEx: “Malta sta prendendo le redini del processo di regolamentazione della tecnologia blockchain, diventando un epicentro di ICO e criptovalute disciplinate da un quadro giuridico”.

Questa joint venture è la dimostrazione della fiducia che riponiamo nel governo di Malta e del nostro impegno a offrire ai clienti in tutto il mondo un sistema di trading sulla blockchain che sia efficiente, sicuro e trasparente”.

Secondo Joseph Portelli, Chairman della Borsa di Malta, il paese membro dell’Unione Europea “sta per diventare un centro di eccellenza all’interno del panorama dell’innovazione digitale globale. Siamo entusiasti di collaborare con OKEx, un leader nel settore delle valute digitali, per sfruttare la nostra esperienza nel campo della compliance legale e della regolamentazione di mercato, per fare da apripista nell’industria dei security token”.

Previous articleIn Russia nessuna penalizzazione per il mining
Next articlePer la prima volta le fee ETH superano quelle di BTC
Daniele Chicca
Laureato in lingue e letterature straniere all'Università di Bologna, con un anno da undergraduate presso la UCL di Londra. Giornalista professionista dal 2007, si è con il tempo specializzato in finanza, economia e politica. Dopo tre anni presso il desk di Reuters a Milano, ha lavorato per diverse testate, contribuendo tra le altre cose a portare a un incremento del traffico progressivo sul sito Wall Street Italia e offrendo servizi di vario genere da inviato per Radio Rai e per le agenzie stampa AGI e TMNews (ex Apcom). Al momento è responsabile della redazione, della linea editoriale e del coordinamento di un importante sito di informazione economica e finanziaria