Buterin: il vero tema delle crypto è l’adozione, non gli ETF
Buterin: il vero tema delle crypto è l’adozione, non gli ETF
Criptovalute

Buterin: il vero tema delle crypto è l’adozione, non gli ETF

By Fabio Lugano - 31 Lug 2018

Chevron down
Ascolta qui
download

Read this article in the English version here.

Ethereum ieri ha compiuto tre anni. Il suo primo blocco è stato infatti minato il 30 luglio 2015, un’epoca che appare lontanissima, sia per i valori, sia per le evoluzioni, iniziate con il 2016 e legate soprattutto all’introduzione degli smart contract e all’adozione dei token ERC20 per la maggior parte delle ICO.

Questa cripto, ora scambiata attorno ai 450 dollari, valeva meno di 20 dollari sino al marzo 2017.

Quasi in coincidenza con la scadenza della terza candelina, il suo creatore, Vitalik Buterin, ha deciso di entrare nella discussione relativa agli ETF su bitcoin con un tweet:

“Penso che ci sia troppa enfasi sugli ETF di BTC/ETH/. Mentre non ci si occupa abbastanza di rendere semplice alla gente comprare 5 o 100 dollari in criptovalute tramite le carte di credito nei negozi. I primi, cioè gli Etf sono ottimi per far salire i prezzi, ma il secondo punto è molto più importante per arrivare a un’adozione reale”.

ETF crypto

Buterin mette in luce come il recente rally delle criptovalute, soprattutto di bitcoin, che lo ha rispedito sopra gli 8000 dollari, sia da imputarsi a fattori di carattere finanziario e speculativo, mentre l’elemento fondamentale nella costruzione del valore delle criptovalute è l’adozione di lungo periodo nell’economia reale.

Gli sviluppatori e l’ambiente, secondo Buterin, dovrebbero interessarsi maggiormente dell’uomo della strada e della sua economia fatta di piccoli acquisti, piuttosto che della creazione di strumenti elaborati per introdurlo nel mondo della finanza.

L’adozione reale però viene resa complessa da un altro problema, al centro dell’attenzione di Buterin: la scalabilità. Come sottolineato in una sua recente intervista con Tyler Cowen:

“La blockchain di Ethereum in questo momento può reggere 15 transazioni a secondo. Se volessimo trasporre le transazioni di Uber sulla blockchain avremmo circa 12 transazioni al secondo. Io penso che la possibilità di elaborare più transazioni al secondo sia importante e che questo possa accadere con lo sharding e con le altre innovazioni su cui stiamo lavorando”.

Insomma, Vitalik Buterin vuole una criptovaluta legata all’economia reale, non alla ulteriore finanziarizzazione del sistema.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.