Volumi criptovalute ai minimi annui, 50 crypto in rosso
Trading

Volumi criptovalute ai minimi annui, 50 crypto in rosso

By Federico Izzi - 29 Ott 2018

Chevron down

Dopo giorni di altalena attorno alla parità, l’apertura della settimana mette tutti d’accordo con i volumi delle criptovalute ai minimi annui e il segno rosso che colpisce tutte le prime 50 criptovalute listate su Coinmarketcap.

Read this article in the English version here.

Solamente Maker (MKR), al 21smo posto con oltre 460 milioni di dollari di capitalizzazione, riesce a spuntare un segno verde, salendo poco oltre l’1% dai livelli di ieri pomeriggio. Tra le big preoccupano gli scivoloni di Litecoin (LTC), Tron (TRX) ed Ethereum Classic (ETC), tutte oltre il -5%. Quasi tutte le altre tornano a testare i supporti delle ultime due settimane.

I volumi di scambio rimangono molto bassi. La giornata di ieri, domenica 28 ottobre, ha registrato il secondo giorno con meno volumi dell’anno. Per la seconda domenica consecutiva, gli operatori hanno preferito dedicarsi ad altro. Solamente l’aumento della tensione di queste prime ore della settimana riesce a riportare il volume totale degli scambi oltre i 10 miliardi di dollari nelle ultime 24 ore.

La capitalizzazione totale rimane poco sopra i $200 miliardi, con bitcoin che recupera la soglia di mercato sopra il 54%, mentre ethereum e ripple rimangono sotto il 10%.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

La scivolata di queste ultime ore riporta i prezzi sotto la soglia dei 6400 dollari, valori vicini al test della trendline leggermente rialzista presente da fine giugno, che sinora ha respinto ogni zampata al ribasso.

La violazione del supporto dei $6400 trova il prossimo pavimento attorno ai $6200. Sotto questi livelli torneranno a far tremare i fatidici supporti dei $6000 e poi, quello che deciderà le eventuali sorti di medio/lungo periodo, attorno a $5800.

Per ritrovare validi motivi di acquisto è necessario recuperare prima i 6800 e poi i 7400 dollari.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

I prezzi si rituffano a testare i 190 dollari, soglia delicata e spartiacque dell’attuale ciclo mensile iniziato dai minimi annuali di metà settembre. L’incertezza dei giorni scorsi, con prezzi che per più giorni hanno oscillato in un ristretto range di 5-10 dollari, ha fatto emergere una preoccupante voglia di nuovi acquisti.

Tecnicamente la struttura mensile inizia ad indebolirsi ed un affondo sotto i 190 dollari aprirebbe spazio per rivedere i minimi di settembre. La desiderata voglia di riscatto dei Tori non è arrivata. E’ oramai chiara la strategia di lasciare la prima mossa agli altri. Di questo passo, però, il passare del tempo favorirà gli attacchi ribassisti che sfruttano i bassi volumi.    

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.