Tornano le vendite nel mercato delle criptovalute
Trading

Tornano le vendite nel mercato delle criptovalute

By Federico Izzi - 30 Nov 2018

Chevron down

Dopo due giorni di rialzi consistenti, oggi tornano le vendite nel mercato delle criptovalute.

Read this article in the English version here.

Come sempre, dopo un periodo di rialzo, è normale che ci sia un ribasso: bisogna quindi prendere atto che il ritracciamento c’è e non deve tornare a preoccupare, ma deve far alzare comunque l’attenzione sul contesto generale dei mercati crypto.

Tra le prime 30 criptovalute per capitalizzazione che troviamo su Coinmarketcap, queste sono tutte in rosso: il ribasso medio è di oltre il 6 %. L’unica che si distingue è Zcash (ZEC) che sta beneficiando del listing di ieri sull’exchange Coinbase Pro.

La capitalizzazione totale del mercato crypto torna a scendere, in linea con i ribassi di oltre il 6%: dai 140 miliardi di ieri, oggi siamo poco sopra i 130 miliardi.

Ma, come dicevamo, il ribasso attuale non deve preoccupare più di tanto: quando ci sono in due giorni rimbalzi del 20% – Tron (TRX) in 3 giorni è salita addirittura del 50% – osservare movimenti del 6% può fare effetto e far tornare il timore delle pressione delle vendite. In realtà, quello che dovrebbe preoccupare è se i prezzi tornassero sotto i livelli di guardia.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

Seguendo il ragionamento, il livello di guardia sarebbe 4000 dollari che, oltre ad essere un supporto tecnico, è soprattutto anche un livello psicologico. Il livello di bitcoin da monitorare sono i minimi di 3600 dollari raggiunti martedì scorso.

Nel caso di un ulteriore affondo durante il weekend sotto i 4000 dollari e poi 3600, questo farebbe tornare decisamente le vendite, segnale ovviamente molto negativo che farebbe testare anche la soglia psicologica dei 3000 dollari.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

Ethereum, dopo un rimbalzo poco oltre i 120 dollari, ora si trova a 110 dollari. Si tratta di un ribasso che non preoccupa perché la soglia di supporto psicologico è di 100 dollari che per ora è stato contenuto.

Dai massimi di metà gennaio ETH ha perso il 90% e in un contesto così negativo è bene continuare ad avere prudenza e non anticipare. Certo è che questi sono livelli che stimolano a comprare a prezzi scontati, però il contesto generale degli ultimi mesi non supportano grandi acquisti: i volumi rimangono interessanti ma è un segnale che capiremo nelle prossime settimane.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.