XBTO lancia Stablehouse, la clearing house per stablecoin
Blockchain

XBTO lancia Stablehouse, la clearing house per stablecoin

By Marco Cavicchioli - 5 Feb 2019

Chevron down

XBTO presenta oggi Stablehouse, una clearing house per stablecoin. Stablehouse funziona sulla base del modello delle classiche camere di compensazione, dette anche clearing house, e consente agli utenti di scambiarsi stablecoin in modo efficiente, sicuro, a prezzo di mercato, e con una commissione fissa.

Read this article in the English version here.

Stablehouse è un’iniziativa sostenuta da XBTO e Phil Potter, ex Chief Strategy Officer di Bitfinex e Tether. La direzione spetterà a Philippe Bekhazi, fondatore di XBTO, come CEO ad interim, mentre il comitato consultivo comprende anche i veterani del settore David Namdar, socio fondatore di Galaxy Digital, e Samson Mow, Chief Strategy Officer  di Blockstream.

La piattaforma sarà centralizzata, abilitata all’utilizzo di API, e faciliterà lo scambio efficiente di stablecoin tra le quali Tether dollar (USDT), Gemini dollar (GUSD), Paxos (PAX), TrueUSD (TUSD), USD Circle (USDC ) e Dai. In futuro saranno aggiunte altre valute.

L’obiettivo è quello di fornire l’infrastruttura affinché le stablecoin raggiungano la massa critica di utilizzo, affrontando questioni chiave come la liquidità, la stabilità e l’accessibilità.

Infatti il team di fondatori ritiene che vi sia un vuoto nell’ecosistema crypto: la realizzazione di questa infrastruttura per le stablecoin dovrebbe consentire ai mercati crypto di maturare in termini di liquidità e stabilità.

La piattaforma attualmente è ancora in fase di sviluppo, ed una volta attiva fungerà da controparte centrale di compensazione (“CCP”), consentendo agli utenti e agli exchange di scambiare in modo sicuro le stablecoin.

La sede sarà ubicata alle Bermuda pertanto sarà applica la normativa dell’Autorità monetaria di Bermuda, il cosiddetto Bermuda Digital Asset Business Act.

Il CEO Philippe Bekhazi ha dichiarato:

“Il mercato stablecoin al momento è inefficiente e presenta vari stablecoin diversi, con gli utenti che hanno bisogno di negoziare più volte con diverse parti per scambiare uno stablecoin con un altro. Stablehouse affronterà questo problema fungendo da piattaforma centralizzata che offre agli emittenti, ai titolari e agli exchange certezza sull’accesso e la liquidità, creando una maggiore fiducia per investitori, sviluppatori e commercianti. Riteniamo che il 2019 sarà un anno cruciale per il mercato dello stablecoin e, a sua volta, per l’intero mercato degli asset digitali, e Stablehouse costituirà una parte fondamentale dell’infrastruttura portando al mercato un’innovazione continua”.

David Burt, Premier delle Bermuda, ha commentato:

“Siamo felici di vedere che Stablehouse ha scelto Bermuda come sua principale sede commerciale. Attendiamo con impazienza che Stablehouse diventi un partecipante a pieno titolo dell’ecosistema delle Bermuda dopo aver ottenuto l’approvazione regolamentare da parte dell’Autorità monetaria delle Bermuda”.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.