Nelle Filippine le banche installano ATM per criptovalute
Criptovalute

Nelle Filippine le banche installano ATM per criptovalute

By Fabio Lugano - 11 Feb 2019

Chevron down

La Union Bank of Philippines sta lanciando il suo primo ATM per criptovalute, Automatic Teller Machine, in grado di permettere ai suoi clienti di ritirare o versare crypto, il tutto come parte di una sperimentazione sulla materia. Questo sarà anche il primo ATM del genere nelle Filippine.

Read this article in the English version here.

Tutto questo viene fatto in collaborazione con la Bangko Sentral ng Pilipinas (BSP), la Banca Centrale di Manila, che ha permesso e segue le sperimentazioni nel settore effettuate da parte delle aziende di credito locali.

La Banca Centrale vuole seguire le preferenze dei clienti del servizio bancario, fornendo degli strumenti chiari ed efficienti per trasformare le crypto in Pesos filippini e viceversa.

La Banca centrale ha emesso una circolare, la 944, già dal febbraio del 2017 con la quale si regolano i pagamenti ed i trasferimenti di denaro in valute virtuali.

L’arcipelago ha un forte flusso di emigrazione con oltre 2,2 milioni di concittadini che lavorano all’estero e che quindi hanno necessità di effettuare rimesse alle famiglie in modo efficiente e poco costoso, e le criptovalute, come bitcoin, si prestano in modo molto efficiente alla soddisfazione di questi bisogni.

Non si tratta di cifre di poca importanza per l’economia filippina, dato che si parla di 28,2 miliardi di dollari nel 2018, con una crescita del 4,3% rispetto all’anno precedente.

Secondo la normativa locale che regola le valute virtuali, gli exchange ed i sistemi di pagamento collegati possono operare, ma devono registrarsi presso la banca centrale come tutte le altre società che si occupano di trasferimenti di denaro, per finalità di tutela della clientela e per mettere in atto la normativa AML/KYC necessaria.

Questa mossa di installare ATM crypto nelle Filippine può anche essere vista come finalizzata al recupero di redditività dell’istituto bancario che, nello scorso esercizio, ha visto un calo dei propri utili del 13,1% rispetto al 2017 a causa di un incremento dei costi operativi e per l’applicazione di normative contabili più stringenti.

Secondo Edwin Bautista, CEO di Union Bank, nel 2019 giungerà a compimento la trasformazione dell’istituto bancario in senso digitale, con l’apertura dei nuovi ATM per criptovalute nelle Filippine e l’introduzione di nuovi servizi digitali online.

Con questa scelta si apre anche un nuovo fronte nei rapporti fra criptovalute e sistema bancario che, se applicato adeguatamente, potrebbe migliorare le redditività del sistema creditizio.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.