Bitfinex: recuperati i bitcoin dell’attacco hack 2016 grazie al governo USA
Bitfinex: recuperati i bitcoin dell’attacco hack 2016 grazie al governo USA
Criptovalute

Bitfinex: recuperati i bitcoin dell’attacco hack 2016 grazie al governo USA

By Stefania Stimolo - 25 Feb 2019

Chevron down

Bitfinex, il famoso crypto-exchange, ha annunciato oggi di aver recuperato i 27.66270285 BTC persi illegalmente dopo l’attacco hack avvenuto ad agosto 2016, grazie alla collaborazione e l’indagine eseguita dal governo USA.

Read this article in the English version here.

Secondo il comunicato, i 27.7 bitcoin saranno convertiti in dollari americani e pagati ai titolari dei token RRT (Recovery Right Token).

Dopo l’attacco hacker avvenuto sulla piattaforma nel 2016, Bitfinex aveva cercato un metodo per gestire il tutto, generalizzando le perdite su tutti i conti e accreditando dei token BFX a tutti gli utenti, su un rapporto 1:1 con il dollaro americano.

Tutti i titolari di BFX potevano riscattare i propri token scambiandoli in azioni del capitale sociale di iFinex Inc. I token BFX ancora in circolazione sono stati poi convertiti nel token RRT come token dedicato al piano di recupero in riferimento alle perdite in attesa di rimborso.

Dunque, tutti i bitcoin finalmente recuperati saranno destinati in proporzione a tutti i titolari di RRT.

Il CFO di Bitfinex, Giancarlo Devasini, ha affermato:

Oltre due anni dopo l’attacco alla piattaforma Bitfinex, oggi vediamo i risultati di una strategia di risposta chiara e solida e gli sforzi del governo degli Stati Uniti. [Questo] Ci dà il grande piacere di essere in grado di rimborsare i nostri commercianti che sono stati fedeli a noi e hanno creduto in noi in un momento molto difficile. Desideriamo ringraziare le forze di polizia federali statunitensi per i loro continui sforzi volti a indagare sulla violazione della sicurezza e per il loro impegno a sequestrare e restituire beni rubati.

Continueremo ad assistere le forze dell’ordine con le loro richieste e, ancora una volta, estenderemo un invito aperto agli hacker, oa chiunque fornisca informazioni relative alla violazione, a contattare in qualsiasi modo si sentano più sicuri, per risolvere finalmente la situazione in un modo reciprocamente vantaggioso.

 

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo

Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.