L’exchange crypto Huobi lascia l’Australia: “mercato troppo competitivo”
L’exchange crypto Huobi lascia l’Australia: “mercato troppo competitivo”
Criptovalute

L’exchange crypto Huobi lascia l’Australia: “mercato troppo competitivo”

By Fabio Lugano - 25 Feb 2019

Chevron down

Con una comunicazione su Twitter, il team di Huobi Australia ha annunciato ieri di lasciare il continente, vista la chiusura della filiale locale dell’exchange crypto a partire dal 26 febbraio.

Read this article in the English version here.

Da quella data, le transazioni sulla piattaforma cesseranno e la società ha anche deciso di abbandonare la pratica di iscrizione all’AUSTRAC, l’ente di controllo del Paese, necessaria per poter operare anche con valute fiat.

La chiusura è stata decisa dopo soli 8 mesi dal lancio dell’exchange crypto, avvenuta sotto forma di una joint venture fra Huobi Group e Blockchain Global, team governativo che si occupa dello sviluppo della blockchain in Australia.

Naturalmente, la piattaforma globale continuerà ad operare ed a fornire i servizi di assistenza anche per i clienti australiani.

Ovviamente le ragioni principali della chiusura sono state il cambiamento delle condizioni generali del settore crypto, il forte calo nelle capitalizzazioni delle principali valute e il calo dei volumi transati.

exchange crypto Huobi Australia lascia

Un exchange crypto ogni 100mila australiani

AUSTRAC, ente di controllo responsabile in materia, la scorsa estate ha ricevuto 246 domande per l’apertura di exchange fiat in un Paese con neppure 25 milioni di abitanti.

Si tratta di un exchange ogni 100mila abitanti, per cui c’è da attendersi una serie di chiusure dei progetti meno competitivi.

Il team di Huobi, guidato da Adrian Harrison, esperto del settore monetario con 20 anni di esperienza ed affiancato da Jack Zhang come controller, dovrà trovare una diversa collocazione.

Huobi già a dicembre aveva già iniziato un processo di “ottimizzazione” dello staff, come riportato dal South China Morning Post, eufemismo che sta a significare una riduzione del personale, sempre dovuto ad un cambiamento della situazione competitiva e di mercato.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.