Fift, il nuovo linguaggio di programmazione di Telegram per TON
Blockchain

Fift, il nuovo linguaggio di programmazione di Telegram per TON

By Matteo Gatti - 27 Mag 2019

Chevron down

Telegram, noto servizio di messaggistica istantanea, è al lavoro su un network chiamato Telegram Open Network (TON). Secondo alcune indiscrezioni Telegram avrebbe creato un nuovo linguaggio di programmazione per TON e il suo nome sarebbe Fift.

Read this article in the English version here.

TON network dovrebbe avere molte cose in comune con la rete Ethereum: ospiterà applicazioni decentralizzate. Questo progetto è avvolto nel mistero: da mesi non si hanno informazioni certe. Non c’è un whitepaper, non c’è codice sorgente e nemmeno un sito web ufficiale.

Nelle scorse ore è apparso in rete un documento dove si parla di questo nuovo linguaggio che sarebbe stato progettato specificamente per essere utilizzato per lo sviluppo e la gestione di smart contract. Verrà utilizzato anche per garantire l’interazione con TON Virtual Machine (TVM) e per migliorare le sue prestazioni.

Fift, il  linguaggio di Telegram Open Network (TON)

fift ton telegram
La prima pagina del documento che introduce Fift.

Studiando il documento è possibile trovare alcuni dettagli su Fift, comprese alcune nozioni di base ed operazioni specifiche per TON. E’ stato subito ridefinito come “smart contract language.”

Secondo il documento, questo linguaggio deriva dal già esistente Forth, linguaggio di programmazione di alto livello. È principalmente un interprete e possiede un’interfaccia a riga di comando che viene applicata in Telegram.

Codice sorgente su GitHub

Un paio di giorni fa su GitHub è comparso anche quello che pare essere un light client di TON. Stando al file readme il client, se correttamente configurato, si connette ad un full node della testnet. La testnet è attiva da qualche mese e diversi sviluppatori ci stanno lavorando. L’autenticità del repository GitHub non è stata confermata.

Un altro mistero riguarda il dominio test.ton.org che è stato registrato in modo protetto: non si può in alcun modo risalire a chi l’ha acquistato.

TON network dovrebbe arrivare nel Q3 del 2019 ed è uno dei progetti più attesi dalla community. Il progetto ha raccolto circa 1.7 miliardi di dollari nelle due ICO private tenutesi lo scorso anno.

Matteo Gatti
Matteo Gatti

Ingegnere informatico appassionato di tecnologia e di tutto ciò che vi ruota attorno. Segue con interesse il mondo delle criptovalute e lo sviluppo della tecnologia Blockchain. Scrive anche di Linux su LFFL.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.