La disputa tra Bitfinex e NYAG è ancora aperta. Tutto è iniziato nel 2018, quando la piattaforma di pagamento Crypto Capital ha subito il congelamento del conto che includeva 850 milioni di dollari di Bitfinex.

Per far fronte al rischio di liquidità in calo, Bitfinex ha guadagnato 900 milioni di dollari di linea di credito da Tether il 19 marzo 2019. NYAG ha denunciato Bitfinex e Tether per aver “danneggiato gli investitori”, sostenendo che “Bitfinex ha cercato di coprire una perdita apparente di 850 milioni di dollari con gli asset di Tether”.

Leggi qui il testo originale pubblicato su Medium.

Considerando la risposta di Bitfinex ci sono state evidenti controversie sull’identificazione di questioni specifiche tra le due parti.

NYAG ha assunto l’atteggiamento di “punizione in caso di dubbio”, ritenendo che i cambi di valuta crypto devono essere conformi alle leggi e ai regolamenti o altrimenti “sono sospetti di frode”.

Bitfinex, d’altra parte, ha suggerito che il caso dovrebbe essere trattato secondo il principio di “No Punishment in doubtful cases”, ritenendo che, come scambio registrato fuori dagli Stati Uniti, non dovrebbe essere trattato come un sospetto finché non ha violato le leggi ed è irragionevole aprirne un caso.

NYAG ha avuto problemi in quanto ha presentato un’accusa contro Bitfinex senza alcuna prova e ha chiesto all’azienda di dimostrare la propria innocenza per questioni sconosciute fornendo diversi documenti; ha assertivamente definito i fondi congelati di Bitfinex come “apparente perdita”, causando gravi danni alla reputazione e agli eventi di marketing della compagnia nonostante NYAG non avesse chiarito i fatti.

Bitfinex ha chiarito che gli 850 milioni di dollari non erano perdite, ma solo fondi congelati e Tether non aveva sottratto i loro fondi. Dato che le due società erano legate da un rapporto di prestito e credito, la loro azione non era illegale. I

l saldo di altre attività, come i fondi e i debiti a breve termine, di Tether erano sufficienti a coprire la circolazione di USDT e non ci sono stati problemi come eccessi o riserve insufficienti. Peraltro, aveva senso ed era necessario utilizzare altri tipi di asset come riserve.

Quello che la NYAG aveva fatto non era affatto convincente, sia dal punto di vista delle motivazioni che dei fatti. Pur avendo osservato norme e regolamenti pertinenti in corso d’opera, le misure adottate sembravano avere un ulteriore motivo

Nel 2018, quando il conto bancario di Crypto Capital è stato congelato dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, l’azienda offriva il servizio a più exchange di criptovalute, tra cui Bitfinex, Coinapult, QuadrigaCX e CEX.IO.

Di conseguenza, alcuni degli exchange sono andati in bancarotta o peggio e nessuno ne è stato responsabile. Tuttavia, la NYAG, che sapeva chiaramente da dove fosse nato il problema, ha iniziato ad accelerare la raccolta di informazioni sulle carenze nel finanziamento di questi exchange.

Durante questo periodo, Bitfinex ha cercato modi adeguati e legali per risolvere il problema di liquidità e ha ottenuto credito da Tether emettendo ulteriori USDT.

NYAG ha annunciato come Bitfinex fosse in grande perdita e che Tether avesse impropriamente usato i fondi dei clienti, suscitando il panico e la rabbia del pubblico, sostenendo che le due società erano sospettate di frode. In seguito, la NYAG è riuscita a vietare a Tether di prestare denaro a Bitfinex, cercando di mettere alle strette Bitfinex e Tether.

Il tutto sembrava essere un attacco preparato da più di un anno, con la NYAG come cacciatore che blocca il cibo e l’acqua della preda, aspettando con pazienza e lanciando un attacco mortale quando la preda cerca di bere incautamente.

È stato questo piano elaborato che ha suscitato la domanda sul fatto che l’incidente fosse accidentale o che la NYAG avesse uno scopo più profondo.

In realtà, ha avuto una motivazione sufficiente in quanto lo Stato di New York ha sempre voluto mettere l’industria crypto sotto controllo. Nel 2015, con il rilascio di BitLicense, le aziende interessate sono state obbligate a fornire alle autorità di regolamentazione un gran numero di dati sensibili relativi alle loro licenze commerciali e ai clienti, con la conseguente chiusura di numerose aziende crypto.

Alla fine del 2018, il NYDFS ha approvato due stablecoin, GUSD e PAX, in concorrenza con USDT, ma la portata e l’adozione delle due monete erano lontane dall’essere paragonabili all’USDT.

New York non era certamente disposta ad accettare questo fatto e voleva che le proprie stablecoin dominassero il mercato, il che si traduceva nel potere di influenzare le regole o addirittura di crearle. Pertanto, Tether (e Bitfinex), che erano incontrollabili e avevano guadagnato la più grande quota di mercato, si sono rivelati una minaccia per lo stato.

Una seconda motivazione è invisibile. La NYAG è in realtà un ufficio elettorale. Siccome i politici devono ottenere elogi dagli elettori per vincere le promozioni alle elezioni, devono raggiungere risultati per aggiungere splendore alla loro carriera.

Hanno bisogno di mostrare un profilo ambizioso e un impegno di lotta per i diritti pubblici al fine di far sentire ai cittadini la percezione di aver salvato la società dal nemico e di conseguenza essere lodati dai cittadini dal profondo del loro cuore. Il mondo delle criptovalute è un perfetto nemico pubblico: al di fuori del sistema finanziario tradizionale, con un’immagine strettamente legata alla speculazione e alla frode, l’atteggiamento del pubblico è confuso da misteri, dubbi e persino paura, e al contempo sono facili da attaccare sia nell’opinione pubblica che nei mezzi di attacco.

Pertanto le crypto sono l’obiettivo più appropriato per la burocrazia e pertanto è diventato vittima dei suoi interessi.

Sia a livello pubblico che privato, le autorità di regolamentazione hanno motivo di sbarazzarsi di Bitfinex e Tether. Ciò che mancava era un’arma che potesse creare qualcosa dal nulla in grado non solo di evitare restrizioni procedurali, ma anche di giustificare qualsiasi accusa, ottenere il favore del pubblico e iniziare ad agire senza alcuna prova, ed espandere le azioni con la stessa ragione, chiedendo all’altra parte di cooperare incondizionatamente. Tuttavia, è stato fatto riferimento alla legge Martin Act del 1921 e ha avuto inizio la storia all’inizio di questo articolo.

I fatti hanno dimostrato che le azioni hanno funzionato, colpendo duramente il business di Bitfinex e rovinando la reputazione dell’azienda. Una volta che la direzione della controversia è stata deviata, i media avrebbero fatto una copertura nella stessa direzione. Quando la controversia non è stata chiarita e il tribunale non si è pronunciato, i media hanno iniziato ad usare spesso parole come scandalo, perdita, frode, appropriazione indebita e USDT è inutile nei loro rapporti per descrivere Bitfinex e Tether, che si sono rivelati non mostrare alcuna prova di violazione delle leggi ed erano ancora in normale funzionamento.

Quello che vogliono vedere è che Bitfinex e Tether scompaiano immediatamente. Pertanto, essi hanno fatto ricorso non solo al potere pubblico, ma anche all’opinione pubblica. Non solo esercitano la loro forza di giorno, ma agiscono tranquillamente anche di notte. A quel tempo, il mondo intero credeva che Bitfinex fosse in pericolo e condannato.

Ma le cose non sono andate come previsto. Il 16 maggio, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha risposto all’udienza di Bitfinex e NYAG e ha approvato il divieto limitato nel tempo della NYAG, limitando il prestito di Bitfinex da parte di Tether ed esprimendo che le legittime attività commerciali tra Bitfinex e Tether possono continuare.

Bitfinex ha visto questa come una vittoria preliminare, considerando che, anche se il divieto fosse entrato in vigore, essi avevano il diritto di operare normalmente, e questa risposta ha dimostrato che la cosiddetta frode non esisteva. Tuttavia, poiché non erano in grado di ottenere il prestito da Tether, potrebbero trovarsi di fronte ad un potenziale rischio. Pertanto, hanno preso rapidamente una serie di decisioni, compresa la raccolta di fondi attraverso LEO, e hanno concepito completamente il modello economico di LEO, rendendo LEO un prodotto che collegava la maggior parte dei fondi correlati.

Le prospettive per Bitfinex sembravano muoversi in una direzione ottimistica, con un finanziamento di LEO di 1 miliardo di dollari in soli 10 giorni che era sufficiente per affrontare il problema attuale; NYAG non è riuscito a fermare le operazioni di Bitfinex, il divieto contro Tether sarebbe stato rimosso entro 90 giorni il più velocemente possibile, le preoccupazioni del mercato riguardo a USDT sono gradualmente scomparse, e USDT ha recuperato un vantaggio positivo rispetto al dollaro; Inoltre, l’incidente ha rivelato le riserve patrimoniali di Tether che hanno sostanzialmente confermato che la somma dei fondi e delle attività di Tether era sufficiente a coprire l’emissione di USDT, destando i precedenti sospetti circa le insufficienti riserve di Tether.

Questa non è stata la prima crisi di Bitfinex, l’azienda ha subito furti, sfide, critiche e attacchi, ma non è stata colpita da queste crisi e si è solo rafforzata. Il fattore più critico è stato che Bitfinex non ha fatto qualcosa di sbagliato né nel funzionamento né nell’uso dei fondi, rendendo quelle voci solo aria.

D’altra parte, Bitfinex ha preso le giuste misure durante il riacquisto e il trasferimento di azioni dopo l’emissione di obbligazioni e l’aggiunta di liquidità nel mercato crypto con Tether, affrontando i rischi e rendendo gli utenti soddisfatti. Infine, Bitfinex vanta un team snello ed efficiente che potrebbe mantenere stabili i profitti e premiare gli utenti con ritorni tangibili per la loro fiducia.

Di conseguenza, Bitfinex ha raggiunto un forte consenso dopo aver superato questa serie di crisi, costituendo le fondamenta della crypto community. Attualmente, Bitfinex è al primo posto tra tutti gli exchange ed è una piattaforma di trading riconosciuta che non elemosina clic. USDT ha da tempo occupato il 70% del mercato globale delle stablecoin con il supporto di quasi tutti gli exchange e la rete di accettazione distribuita composta da operatori over-the-counter in tutto il mondo.

LEO ha iniziato ad emergere come punto focale della controversia, affrontando diversi punti di vista, e molte persone hanno affermato di considerarlo come uno scherzo. Ma se non viene buttato giù, la maggior parte delle persone potrebbe cambiare il proprio punto di vista e iniziare a comprenderlo in un altro modo e riconoscerlo, consentendogli di svilupparsi in modo più prospero e addirittura raggiungere il successo malgrado le controversie.

Se la crisi del furto di Bitfinex nel 2016 è stata una tragedia, l’incidente di questa volta potrebbe trasformarsi in una commedia. Al momento, il protagonista non è Bitfinex, ma un clown che lavora duramente per svolgere il proprio ruolo, ma che alla fine lascia cadere i pantaloni sotto i calzini, pur rimanendo serio.