Revolut: 3.500 nuovi posti di lavoro
Fintech

Revolut: 3.500 nuovi posti di lavoro

By Marco Cavicchioli - 30 Set 2019

Chevron down

Revolut nei prossimi anni creerà 3.500 nuovi posti di lavoro. 

È quanto rivela Reuters che riferisce di un piano dell’azienda britannica per espandersi in 24 nuovi mercati grazie a un nuovo accordo globale addirittura con Visa. 

Sia l’accordo con Visa che il piano di espansione fanno presagire un notevole incremento degli utenti nel prossimo futuro per la banca digitale che offre anche servizi legati alle criptovalute. Da qui la necessità di strutturarsi molto di più rispetto alla condizione attuale che conta 1.500 dipendenti circa, e di cercare altre figure professionali da assumere. 

L’amministratore delegato e fondatore, Nikolay Storonsky, ha dichiarato: 

“Siamo circa 1.500 persone ora e entro l’estate del prossimo anno prevediamo di essere circa 5.000”. 

Ha inoltre affermato che, secondo le previsioni, il numero dei clienti nel prossimo anno potrebbe raddoppiare o addirittura triplicare. 

Revolut è cresciuta a ritmo molto sostenuto dal suo lancio nel luglio 2015, e ora vanta già oltre 8 milioni di clienti. L’obiettivo, grazie all’accordo con Visa, è quello di espandersi entro fine anno dai suoi attuali mercati di Europa e Australia in otto nuovi paesi tra cui Brasile, Giappone, Russia e Stati Uniti. 

Il prossimo anno sarà la volta dell’Asia e dell’America Latina, in cui oltretutto le criptovalute si stanno diffondendo molto velocemente. Tuttavia per poter procedere con il piano saranno necessarie alcune autorizzazioni normative.

Storonsky ha anche rivelato che il cliente medio di Revolut detiene circa 1.000 euro nel suo conto, tanto che il saldo totale dei depositi della banca è di circa 8 miliardi di euro, pari a circa 8,74 miliardi di dollari. 

Questa cifra, che può apparire consistente, in realtà è ancora minuscola se confrontata con quella di colossi come ad esempio HSBC e JPMorgan, che vantano depositi per diversi trilioni di dollari.

L’accordo con Visa non è esclusivo, ma prevede che almeno il 75% delle carte Revolut avranno il marchio Visa, anziché quello di concorrenti come ad esempio Mastercard.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.