Guerra Russia-Ucraina, 50 cyber gruppi già schierati
Guerra Russia-Ucraina, 50 cyber gruppi già schierati
News dal Mondo

Guerra Russia-Ucraina, 50 cyber gruppi già schierati

By Vincenzo Cacioppoli - 9 Mar 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Quando la Russia ha invaso l’Ucraina, è iniziata una guerra cosiddetta ibrida, e cioè un guerra basata non solo sugli scontri militari convenzionali, ma basata molto di più su un mix di strategia militare convenzionale e una guerra digitale o cibernetica, che ha visto gruppi di esperti cyber e di hacker, schierarsi.

La guerra cyber

Microsoft ha affermato che il suo Threat Intelligence Center (MSTIC) ha rilevato “attacchi informatici distruttivi diretti contro l’infrastruttura digitale dell’Ucraina” poche ore prima del primo lancio di missili o movimento di carri armati il ​​24 febbraio. Come dire che prima ancora che scattasse l’invasione sul campo si sarebbero già verificati i primi attacchi di quella che viene definita la guerra cibernetica.

Secondo gli esperti di sicurezza informatica di Microsoft da allora ci sarebbero  stati oltre cento attacchi informatici, in varie forme. Ma il loro effetto è stato per ora principalmente psicologico. Probabilmente da adesso in avanti la guerra a colpi di attacchi cibernetici è destinata inevitabilmente a salire di intensità e di gravità.

gruppi cyber Russia-Ucraina
Ci sono 50 gruppi cyber già schierati nella guerra Russia Ucraina

I gruppi cyber coinvolti nella guerra Russia-Ucraina

Sarebbero circa 50 i gruppi cibernetici impegnati attualmente nel conflitto, di questi circa 14 sarebbero quelli russi o comunque dalla parte di Putin, secondo i dati raccolti dal sito specializzato CyberKnow.

Dr Danny Steed, Docente di Cyber ​​Security presso la Cranfield University in Inghilterra, afferma che il conflitto in Ucraina potrebbe rappresentare una sorta di test per le prossime future guerre cibernetiche: 

“La Russia sperimenta da tempo i mezzi informatici per molestare le nazioni dell’Europa orientale – dall’Estonia nel 2007, alla Georgia nel 2008 e, naturalmente, all’Ucraina dal 2014. Mentre la Russia ha ambizioni specifiche per l’Ucraina in particolare, la storia del modo in cui la Russia utilizza il cyber si è sviluppato lentamente nel corso di più di 15 anni.”

Secondo un funzionario ucraino della sicurezza informatica, sarebbero più di 400.000 il numero delle persone che si sono offerte volontarie per aiutare il governo ucraino grazie al cosiddetto crowdsourcing, ad utilizzare mezzi digitali per danneggiare o rallentare l’avanzata russa.

Altri gruppi di hacker, tra cui il celeberrimo Anonymous e i Cyber ​​Partisans bielorussi, sono da tempo sul campo impegnati per cercare grazie ai mezzi informatici di hackerare siti istituzionali e militari russi per sostenere la resistenza dell’Ucraina.

“Finora abbiamo raccolto dettagli su 150 incidenti informatici, inclusi eventi informativi o di propaganda, e stiamo iniziando a fare le nostre osservazioni”, 

ha affermato Martin Schulze, un esperto di sicurezza informatica presso l’Istituto tedesco per gli affari internazionali e la sicurezza (SWP).

“Il primo è che dobbiamo ancora vedere il tipo di cosa che le persone temono di più in una guerra informatica”.

Secondo gli esperti in questo momento la guerra cybernetica sembra privilegiare l’Ucraina, malgrado la Russia stesse preparandosi su questo campo già da mesi, cosa che rafforzerebbe la tesi secondo cui l’attacco all’Ucraina fosse già stato pianificato e deciso da tempo.

 

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.