Google ha investito 1,5 miliardi in società Blockchain
Google ha investito 1,5 miliardi in società Blockchain
Blockchain

Google ha investito 1,5 miliardi in società Blockchain

By Vincenzo Cacioppoli - 17 Ago 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Secondo un recente report della società di analisi specializzata blockdata Alphabet la società proprietaria di Google è quella che ha investito di più in aziende operanti sulla blockchain da settembre 2021 a giugno 2022.

Google ha investito in 4 società attive nella blockchain

Samsung secondo il rapporto sarebbe invece la società che ha investito in più progetti: 13, in cui avrebbe investito un importo di 969 milioni di dollari. Il rapporto ha raccolto dati da settembre 2021 a metà giugno 2022. Durante questo periodo, 40 aziende hanno fatto investimenti in aziende che operano nel settore blockchain/cripto. Dopo la società tedesca quella più attiva e UOB con sette investimenti, seguono Citigroup con sei e Goldman Sachs con cinque.

Alphabet che in passato ha spesso investito in progetti Blockchain e crypto, nell’ ultimo anno ha investito oltre 1,5 miliardi di dollari in quattro società blockchain e crittografiche, Fireblocks, Dapper Labs, Voltage e Digital Currency Group.

Dietro a Google la società che ha investito di più è risultata essere il fondo BlackRock, con oltre 1,17 miliardi di dollari investiti in tre società,Circle, FTX e Anchorage Digital.

In totale gli investimenti in questo periodo in Startup tecnologiche legate alla Blockchain e alle criptovalute ammontano ad oltre 6 miliardi di dollari. Il report non specifica nel dettaglio i singoli importi per ogni società e progetto.

Interessante poi l’aspetto che riguarda gli investimenti delle Banche,che sono aumentati in maniera considerevole, spesso proprio in società crypto, chiaro segnale che il sentimento delle banche verso il mondo crypto sta radicalmente cambiando. 

Il rapporto tra le banche e Bitcoin

Fino a qualche anno fa le principali banche d’affari consideravano bitcoin e le criptovalute come semplici prodotti speculativi senza alcun valore intrinseco. Ora invece sia Jp Morgan che Goldman Sachs di recente hanno creato prodotti di investimento per la loro clientela proprio sulle criptovalute. 

Ecco allora che non deve stupire se sia una banca, la United Overseas Bank, come detto la seconda società ad aver effettuato il maggior numero di investimenti in società Blockchain e crypto. Ma anche altre banche importanti come Commonwealth Bank of Australia, BNY Mellon e Morgan Stanley hanno tutte aumentato significativamente le loro partecipazioni nel settore crittografico, mentre Citigroup e Goldman Sachs hanno mantenuto più o meno le loro posizioni.

Per quanto riguarda invece i settori verso i quali questi investimenti sarebbero stati rivolti sicuramente le società impegnate in soluzioni legate ai token non fungibili (NFT) hanno fatto la parte del leone, con un totale di 19 aziende del settore, e molti di questi progetti erano legati ai settori del gioco, delle arti e dell’intrattenimento e della tecnologia di contabilità distribuita (DLT).

“La popolarità degli NFT può essere vista principalmente come una mossa opportunistica da parte delle società che cercano di capitalizzare le tendenze per soddisfare dove i loro clienti stanno effettuando transazioni. Piattaforme di avvio che raccolgono capitali Abilitare il commercio in un mondo decentralizzato sviluppando dove gli utenti possono acquistare e vendere NFT, tra cui terre virtuali, abbigliamento e altri articoli di marca”, 

si legge nel report di Blockdata.

Vincenzo Cacioppoli

Vincenzo è genovese di nascita ma milanese di adozione. E' laureato in scienze politiche. E' un giornalista, blogger, scrittore, esperto di marketing e digital advertising. Dopo una lunga esperienza nel marketing tradizionale, comincia attività con il web e il digital advertising nel 2011 fondando una società Le enfants. Da sempre appassionato di web e innovazione, nel 2018 approfondisce le tematiche legate alla blockchain e alle criptovalute. Trader indipendente in criptovalute dal marzo 2018, collabora con aziende del settore come content marketing specialist. Nel suo blog. mediateccando.blogspot.com, da tempo si occupa soprattutto di blockchain, che considera come la più grande innovazione tecnologia dopo Internet. A novembre è prevista l'uscita del suo primo libro sulla blockchain e il fintech.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.