Ripple annuncia la partnership con ProprHome: la rivoluzione del settore immobiliare
Ripple annuncia la partnership con ProprHome: la rivoluzione del settore immobiliare
Blockchain

Ripple annuncia la partnership con ProprHome: la rivoluzione del settore immobiliare

By Alessia Pannone - 7 Nov 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

Ripple, leader nelle soluzioni blockchain e crittografiche, ha annunciato una nuova partnership con ProprHome, un mercato immobiliare abilitato alla blockchain, per creare un modo rinnovato di acquistare, vendere e affittare proprietà.

La partnership, che sfrutterà XRP Ledger, la blockchain di livello 1 open source, attraverso un’utility NFT, fornirà transazioni più rapide, affidabili ed efficienti dal punto di vista energetico e migliorerà l’esperienza di acquisto per i potenziali acquirenti.

Nello specifico, Ripple, PropHome e XRP Ledger hanno caratteristiche e scopo comune: efficienza, rapidità e trasparenza. Infatti, l’obiettivo della partnership è quello di rivoluzionare il livello di coinvolgimento nel processo tipicamente noioso di acquisto, vendita e affitto di case.

Ripple e PropHome: ecco cosa c’è da sapere 

Ripple ha annunciato la collaborazione con ProprHome e quest’ultima spiega quali saranno le differenze e cosa cambierà d’ora in poi. Come già anticipato, PropHome è un mercato immobiliare abilitato alla blockchain, il quale vuole ulteriormente rinnovare il modo di acquistare, vendere e affittare proprietà in Portogallo

Tutto questo attraverso un’utilità NFT che sarà coniata sulla blockchain veloce ed efficiente dal punto di vista energetico per la tokenizzazione di asset, registro XRP. 

Nello specifico, la velocità e l’affidabilità di XRP Ledger per facilitare le NFT immobiliari semplificheranno ulteriormente il modo in cui i clienti immobiliari comunicano con i loro agenti, programmano le visite, fanno offerte e tanto altro. 

Più di tutto, dal momento in cui la collaborazione sarà attiva i clienti acquisiranno loro il controllo sull’offerta e sul processo di accettazione in una transazione immobiliare. 

Con il mercato competitivo in Portogallo, la professionalità di un agente nel fornire la migliore esperienza al cliente dovrebbe essere un fattore decisivo. Il sistema basato sul merito di ProprHome mira a risolvere questo problema, offrendo una visione più approfondita ai clienti che cercano i professionisti più adatti.

Infatti, attraverso l’utility NFT di ProprHome e grazie alla partnership con Ripple, il mercato abilitato alla blockchain offrirà diversi tipi di token. Prima di tutto, token di utilità per certificati di proprietà digitale (DOC). 

I DOC vengono emessi quando si affitta o si acquista una proprietà utilizzando ProprHome.

I clienti riceveranno un token DOC che potranno utilizzare per dimostrare il diritto d’uso per una particolare proprietà, aggirando così il lungo e macchinoso processo di verifica e approvazione delle onboarding. 

Il piano di ProprHome per quest’area del business cercherà di consentire ulteriormente a questi token di migliorare il controllo e la gestione delle varie fasi del processo. I token DOC offriranno anche agli acquirenti domestici la possibilità di connettersi a vari servizi, inclusi servizi pubblici come elettricità, banda larga dell’acqua, telecomunicazioni e intrattenimento domestico.

Poi, token di reputazione: la piattaforma ProprHome avrà il proprio token nativo, Propr (PRP), una “valuta di reputazione” che agenti, sviluppatori e proprietari potranno guadagnare e scambiare per ulteriore esposizione. 

I token PRP verranno utilizzati per incentivare un’esperienza immobiliare positiva, premiando i partecipanti sulla piattaforma con token per buone pratiche, come prezzi competitivi. Inoltre, attireranno efficacemente l’interesse dei clienti per massimizzare l’esperienza di ricerca di una casa.

Perchè ProprHome si è affidato alla tecnologia blockchain? 

Generalmente, la fase dell’offerta può essere un processo difficile e stressante per tutte le parti coinvolte in un acquisto. Per risolvere il problema,  ProprHome si è rivolto alla tecnologia blockchain, come XRP Ledger, per aggiungere trasparenza, offerte attendibili e fiducia tra i clienti e l’industria, rafforzando così il processo di transazione. 

Registrando pubblicamente tutte le offerte su XRP Ledger, ProprHome è in grado di fornire dati trasparenti e immutabili a tutte le parti e garantire un’esperienza di offerta più equa e produttiva.

Inoltre, ProprHome si è preoccupato di istruire i suoi utenti a proposito delle nuove tecnologie utilizzate: blockchain, NFT e Ripple. Infatti, ha creato il progetto “Customer Education–ProprHome”. 

Quest’ultimo è stato progettato per educare e consentire ai clienti di prendere decisioni più informate attraverso contenuti ricchi, funzionali e generati dalla community. Infatti, ProprHome si propone di guidare l’utente attraverso delle mini lezioni, prima di coniare un NFT. 

Anche i vantaggi per la comunità saranno associati a questa NFT e serviranno da prezioso timbro di qualificazione per arricchire ulteriormente la qualità del piombo fornita dalla piattaforma.

John McCoy, CEO di ProprHome, a seguito dell’annuncio della partnership con Ripple ha affermato:

“ProprHome e il nostro partner, Ripple, condividono la stessa visione della tokenizzazione degli asset con utilità funzionale. Vediamo il potenziale di un mercato immobiliare online che sfrutta la tecnologia blockchain per migliorare notevolmente le interazioni immobiliari.
Confidiamo nell’affidabilità di XRP Ledger da oltre dieci anni per fungere da nostra blockchain preferita per le sue capacità di tokenizzazione e regolamento”.

Ripple a favore della sostenibilità: la moneta verde 

Prima di avviare la collaborazione con PropHome, Ripple si era già distinta per le sue azioni in merito alla sostenibilità del pianeta. Infatti, la criptovaluta, operante su una rete open source, viene definita anche come “la moneta verde”, per la sua efficienza dal punto di vista energetico. Comunemente Ripple viene descritta come una moneta alternativa per l’energia che sfrutta. 

Questo perché il suo token XRP è uno di un numero crescente di monete digitali che utilizza molta meno energia nella convalida delle transazioni, rispetto a Bitcoin per esempio.  

Anche le transazioni XRP vengono confermate in pochi secondi con un costo contenuto rispetto a Bitcoin, che può richiedere molti minuti con costi di transazione elevati. Il token XRP può essere definito come una moneta ecologica grazie a come è stato progettato pensando alla sostenibilità.

Infatti, secondo il sito web di Ripple, XRP è circa 57,000 volte più efficiente dal punto di vista energetico rispetto a BTC. Contrariamente ad altri blockchain che utilizzano il proof-of-work, XRP Ledger conferma le transazioni attraverso un meccanismo unico di consenso e punta a diventare carbon neutral nei prossimi anni.

Attraverso il Ripple Protocol Consensus Algorithm (RPCA), almeno l’80% dei validatori globali della rete deve approvare una transazione prima che venga aggiunta al registro XRP.

Negli anni Ripple si è sempre distinto dalle altre criptovalute per la sua tecnologia innovativa. L’azienda si definisce un fornitore di soluzioni di pagamento, a causa del suo obiettivo principale sull’utilizzo della criptovaluta per consentire pagamenti transfrontalieri.

Oltre al token XRP, che risolve il problema ambientale essendo efficiente dal punto di vista energetico, risolve i problemi transfrontalieri attraverso la sua rete RippleNet.

Ripple e l’obiettivo sulla sostenibilità del pianeta entro il 2030 

Già l’anno scorso Ripple aveva dato modo di parlare di sé in merito alla sostenibilità. Infatti, aveva aggiunto la sua voce al pool di sostenibilità delle criptovalute in corso, con l’annuncio che mira a raggiungere il numero zero di emissioni di carbonio entro il 2030. Inoltre, ha collaborato con vari leader della sostenibilità per raggiungere tale obiettivo.

Nel tweet dello scorso 15 maggio, Ripple (XPR) descriveva una serie di aspetti della sua strategia ambientale. Ciò includeva un elenco dei loro partner, che già annovera tra loro la Bill & Melinda Gates Foundation, Mercy Corps, Mojaloop Foundation e l’Institute for Business and Social Impact.

Complessivamente, Ripple ha partner di organizzazioni non governative (ONG) in più di ottanta paesi. Ora, i leader della sostenibilità come la Renewable Energy Buyers Alliance (REBA), la Energy Web Foundation e Watershed si sono uniti ai loro ranghi.
Inoltre, Ripple aveva anche mosso le sue preoccupazioni in merito agli unbanked, affermando: 

“Il nostro attuale sistema finanziario globale non soddisfa le esigenze di 1.7 miliardi di persone senza banca. Le risorse digitali e la tecnologia di registro distribuito (DLT) hanno il potenziale per trasformare il modo in cui le popolazioni prive di banche e sottobanche accedono ai servizi finanziari di base e inviano e ricevono denaro oltre confine, rendendolo più accessibile, conveniente e sicuro”. 

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.