Cina: il Yuan digitale
Cina: il Yuan digitale
Fintech

Cina: il Yuan digitale

By George Michael Belardinelli - 12 Dic 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

La Cina è da sempre uno Stato che fa del rigore e del controllo i cardini dell’esercizio del potere al punto da esser spesso additato come regime e non come repubblica ma con il Yuan digitale ha alzato ancora il livello. 

Il progetto del Yuan digitale in Cina

Il Paese punta a sostituire lo Yuan cartaceo con il suo omologo digitale ma questa operazione ha fatto storcere il naso ai cinesi e alla comunità internazionale che hanno sollevato preoccupazioni riguardo l’ingerenza eccessiva del governo sulle informazioni personali dei cittadini. 

La volontà di Pechino di virare con decisione verso questo processo di sostituzione è figlia dello strapotere del dollaro e dell’opportunità che hanno dimostrato di saper offrire le criptovalute in ambito geopolitico. 

La guerra in Ucraina ha messo a nudo l’inefficacia delle sanzioni internazionali con la mass adoption delle valute digitali che sono state un efficace strumento di elusione della punizione inflitta alla Russia dal resto del mondo. 

Le criptovalute potrebbero consentire transazioni senza la necessità di intermediari o il supporto di SWIFT. In effetti, il commercio tra rublo russo e Bitcoin è aumentato vertiginosamente da quando è stata imposta la disconnessione della Russia dal sistema di messaggistica di pagamento

La Cina ha vietato le criptovalute e la blockchain decentralizzata, decidendo invece di sviluppare lo yuan digitale, che è sostenuto dalla sua banca centrale. Memorizzato in un portafoglio digitale anziché in un conto bancario, mira a sostituire il contante in circolazione, ma fornisce anche al governo livelli senza precedenti di informazioni personali.

Il yuan digitale avrà un impatto globale significativo, in quanto creerà il più ampio database di transazioni finanziarie regolamentate centralmente.

Gli analisti concordano sul fatto che l’approccio del governo cinese alle tecnologie digitali è ampio e inteso a raggiungere il suo obiettivo di diventare il leader mondiale del settore, mentre la tecnologia stessa è diventata sempre più un’arena chiave nella sua corsa contro gli Stati Uniti.

La tecnologia finanziaria decentralizzata non è ancora in grado di replicare le dimensioni e l’efficienza di SWIFT.

Nei suoi sforzi per ridurre la dipendenza dal sistema finanziario dominato dal dollaro USA, la Cina sta ora tentando di utilizzare la sua posizione commerciale e stimolare la fatturazione nello yuan digitale.

Se le nazioni stabiliscono accordi multiswap tra loro, il regolamento delle transazioni da parte delle banche commerciali e delle banche centrali diventerà superfluo. Non sarà necessario passare attraverso il dollaro USA, le istituzioni americane o persino la rete SWIFT questo processo tuttavia è molto lento io yuan non è pronto per una riforma totale a breve.

Sebbene il ritmo di aumento della percentuale di riserve in valuta estera denominate in yuan sembri ampio, ha poca influenza rispetto al tasso di crescita delle riserve denominate in dollari. Il dollaro USA rappresenta quasi il 62% delle riserve totali di valuta estera, mentre lo yuan solo il 2%.

Hong Kong, in qualità di super connettore tra la Cina continentale e i mercati esteri, è destinata a svolgere un ruolo cruciale nell’uso di e-CNY negli accordi commerciali globali con “anonimato gestito” incorporato nella moneta virtuale per dissipare le preoccupazioni sul tracciamento delle informazioni personali. Zhang Tianyuan riporta da Hong Kong.

Project mBridge: Connecting Economies Through CBDC (Central Bank Digital Currency) è co-guidato da quattro organizzazioni, tra cui la People’s Bank of China e l’Autorità monetaria di Hong Kong. È progettato per consentire alle quattro giurisdizioni – Cina continentale, HKSAR, Thailandia ed Emirati Arabi Uniti – di regolare pagamenti stabili ed efficienti in valore reale con le loro valute digitali convenzionali in operazioni transfrontaliere.

Lo yuan digitale, che è stato testato sulla piattaforma Project mBridge dal 15 agosto al 23 settembre, è stato lo yuan più ampiamente emesso e utilizzato attivamente in transazioni del valore di oltre 171 milioni di HK$ (21,9 milioni di dollari) e che hanno comportato 160 pagamenti che hanno utilizzato le CBDC per il regolamento incrociato commerci di frontiera, secondo un rapporto della Banca dei regolamenti internazionali.

Colin Pou Hak-wan, direttore esecutivo dell’infrastruttura finanziaria presso l’HKMA – la banca centrale de facto di Hong Kong – ha affermato:

“La piattaforma di prova mBridge, che mira a sviluppare un sistema in grado di supportare l’intero processo di regolamento del commercio internazionale in transazioni all’ingrosso, ha convalidato la proposta secondo cui una valuta digitale della banca centrale può aumentare sostanzialmente la velocità dei pagamenti transfrontalieri da più giorni a quasi tempo reale riducendo i costi. Il progetto di prova ha alleviato i dolori nel regolare i pagamenti transfrontalieri, compresi i costi elevati, la bassa velocità e le complessità operative. Garantisce che le politiche, la conformità normativa e i meccanismi di privacy siano adeguatamente integrati”. 

George Michael Belardinelli

Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.