KuCoin perde Mazars e il consenso della DNB
KuCoin perde Mazars e il consenso della DNB
Criptovalute

KuCoin perde Mazars e il consenso della DNB

By George Michael Belardinelli - 19 Dic 2022

Chevron down
Ascolta qui
download

KuCoin viene scaricata sia da Mazars che dalla Banca Centrale dei Paesi Bassi, De Nederlandsche Bank (DNB) che afferma come la società stia operando illegalmente. 

La classifica dei principali exchange di crypto subisce modifiche giornaliere e con essa ancora più repentini sono gli aggiornamenti circa l’audit nel settore. 

Molte società di criptovalute dopo il crollo di FTX che ha portato a perdite per milioni di utenti e tra le varie conseguenze all’arresto del fondatore Sam Bankman-Fried sono corse ai ripari ingaggiando società di revisioni che verificassero e certificassero i collaterali delle società in garanzia. 

KuCoin, è attualmente il terzo più grande exchange crypto ed ha sede alle Seychelles e per il ruolo e la posizione ricoperta è tra le società che sono corse a dare mandato a Mazars (una società di revisione francese). 

L’audit d’oltralpe aveva certificato che KuCoin aveva sovracollateralizzato Bitcoin, Ether, USDT e USDC. 

La riserva dell’oro digitale per la piattaforma crypto era collateralizzata al 101%, La stablecoin USDT al 102%, USDC al 101% ed Ether al 100%. 

Il rapporto era stato fornito il 26 novembre e la Proof of Reserve era stata approvata in pieno da Mazars. 

Mazars lascia l’exchange KuCoin

Le cose nel mondo crypto cambiano velocemente ed è così che la componente paura è rientrata in gioco e Mazars Group, ha sospeso “momentaneamente” i rapporti con i suoi assistiti del mondo crypto ovvero KuCoin, Crypto.com e Binance.

Mazars ai microfoni della CNBC aveva commentato così la decisione:

“Abbiamo messo in pausa la sua attivita’ relativa ai rapporti sulla prova delle riserve per entità nel settore delle criptovalute a causa delle preoccupazioni riguardanti il modo in cui questi rapporti sono compresi dal pubblico. Sono prodotti in conformità con gli standard […] ma non costituiscono una garanzia o un parere di revisione.

Invece, riportano risultati limitati basati sulle procedure applicate in un preciso momento”.

Le brutte notizie si sa non arrivano mai sole ed è così che giovedì scorso la Banca Centrale dei Paesi Bassi è intervenuta su KuCoin. 

Secondo la De Nederlandsche Bank KuCoin operava illegalmente affermando:

“La società di criptovalute offriva servizi illegalmente e offriva illegalmente wallet di custodia ai clienti”.

KuCoin non naviga in buone acque e nel frattempo Binance, orfano anch’esso di Mazars ha specificato che

“Mazars ha indicato che la pausa con i clienti del settore delle criptovalute è temporanea”.

Il 7 dicembre la società di revisione francese aveva pubblicato un rapporto di cinque pagine sulla Proof of Reserve ma è stato poi rimosso dal sito dell’exchange.

Il rapporto riguardava solo il collaterale sui Bitcoin e non le altre attivita’ creditizie, in merito Changpeng Zhao, ha sottolineato come Binance non abbia debito alcuno e come i soldi dei clienti siano in rapporto di tutela uno ad uno.

CZ alla CNBC ha dichiarato:

“Binance sta lavorando con alcune società di revisione e sono molte quelle che sono spaventate di lavorare nel settore crypto. Ci sono societa’ che hanno fatto attivita’ di revisione per FTX e si sono rovinate perche’ hanno dato la loro approvazione, ma non so come abbiano condotto le revisioni. Le revisioni non rivelano ogni problema. Molte di queste aziende non sanno come effettuare le revisioni nel settore crypto”. 

George Michael Belardinelli

Ex Corporate manager presso Carifac Spa e successivamente Veneto Banca Scpa, blogger e Rhumière, negli anni si appassiona alla filosofia e alle opportunità che l'innovazione e i mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione, in fissa con il metaverso e la realtà aumentata

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.