Dopo FTX gli utenti optano per l’auto-custodia: il crypto wallet Ledger
Dopo FTX gli utenti optano per l’auto-custodia: il crypto wallet Ledger
Criptovalute

Dopo FTX gli utenti optano per l’auto-custodia: il crypto wallet Ledger

By Alessia Pannone - 5 Gen 2023

Chevron down
Ascolta qui
download

Ledger è uno dei più importanti crypto wallet presenti nel mondo blockchain. Ed è a lui, fra gli altri, che gli utenti si sono rivolti in questo importante inverno crittografico. 

Il crollo di FTX e la conseguente azione di mercato hanno provocato grandi deflussi netti dagli exchange centralizzati, poiché molti utenti hanno spostato i propri fondi su portafogli personali, comunemente indicati anche come “portafogli non ospitati”. 

Inoltre, mentre la tendenza non era così pronunciata come suggerito da alcuni e probabilmente non segnalava un esodo di massa dagli exchange centralizzati (CEX), in realtà sempre più utenti stavano optando per l’auto-custodia e si rivolgevano ai protocolli DeFi per svolgere attività come trading e prestito. 

I volumi di Ledger impennati dopo il crollo di FTX 

Dopo il crollo di FTX, Ledger ha riscontrato alcuni problemi a causa dei massicci deflussi dagli exchange. L’azienda ha infatti riscontrato un utilizzo massiccio delle loro piattaforme e ha dovuto affrontare alcuni problemi di scalabilità. 

Ciò è quanto ha confermato su Twitter Charles Guillemet, Chief Technology Officer di Ledger. Guillemet ha infatti spiegato che la paura causata da FTX ha spinto un gran numero di utenti a prelevare le proprie criptovalute dagli exchange centralizzati, spostandole poi su Ledger. 

“Dopo il terremoto causato da FTX, c’è stato un massiccio deflusso dagli exchange verso soluzioni che offrono maggiore sicurezza e sovranità, come Ledger.”

Nello specifico, Ledger aveva segnalato i primi problemi con il proprio wallet intorno a inizio novembre. A causa dei server sovraccarichi, le prestazioni di Ledger Live risultavano pesantemente degradate. 

L’azienda, infatti, confermava di aver identificato problemi durante la connessione alla tab My Ledger, o nell’eseguire un Genuine Check, assicurando al tempo stesso che tutti i fondi dei clienti erano al sicuro. Il problema è stato tempestivamente risolto dopo circa un’ora. 

Così, nel giro di pochi giorni, Ledger ha assistito a volumi particolarmente alti. Il traffico è aumentato in modo significativo nel tempo, anche senza grandi eventi del settore. 

I grandi incidenti spingono sempre un gran numero di utenti ad utilizzare il servizio: Ledger ha infatti assistito a picchi di traffico anche a seguito del fallimento di Celsius e dell’hack di Solana.

Guillemet afferma che Ledger Live ha subito un carico insolito anche sul servizio per la gestione del dispositivo, probabilmente da attribuire agli utenti che aggiornano il proprio hardware wallet dopo lungo tempo, oppure utilizzano un nuovo dispositivo per la prima volta. 

Josef Tětek, dirigente dell’azienda di hardware wallet Trezor, aveva sfruttato l’occasione per sottolineare l’importanza di gestire autonomamente i propri crypto-asset: 

“L’unico modo per evitare questi incidenti è comprendere che l’auto custodia è una necessità. Non è un’opzione, ma una vera necessità.”

Nonostante l’auto custodia non sia esente da rischi, molti nel settore crypto, fra cui Paolo Ardoino, Chief Technology Officer di Tether e Bitfinex, raccomandano agli utenti di conservare le proprie criptovalute all’interno di dispositivi di cold storage.

Aumento dei flussi verso i crypto wallet: perché? Il rapporto di Chainalysis 

L’aumento dei flussi dai CEX ai portafogli personali è quasi sempre una conseguenza dell’estrema volatilità del mercato o del calo dei prezzi. 

Tuttavia, ciò che ha separato quest’ultima istanza dalle precedenti è stato il fatto che, questa volta, il denaro istituzionale ha guidato la carica. 

Che si tratti di individui con grandi partecipazioni, investitori nativi di criptovalute o attori della finanza tradizionale, l’analisi delle dimensioni delle transazioni suggerisce che i grandi detentori stanno aprendo la strada nei movimenti di fondi dai servizi centralizzati ai portafogli personali. 

Ciò solleva nuove domande su come l’industria possa attrezzare al meglio gli investitori istituzionali per custodire le proprie criptovalute e utilizzare la DeFi in sicurezza. 

Gli utenti di solito spostano le criptovalute dai CEX ai portafogli personali quando il mercato è turbolento, inclusi i nuovi utenti istituzionali. Infatti, solitamente ogni picco importante coincide con un periodo di volatilità del mercato e un calo dei prezzi delle attività, spesso con un’unica causa identificabile.

Ad ogni modo, il movimento di fondi da un CEX a un portafoglio personale può significare diverse cose. Molti suggerirebbero che segnali il fatto che gli utenti sono preoccupati per la solvibilità del loro CEX e stanno spostando i loro fondi su un portafoglio personale che controllano direttamente per assicurarsi di non perdere l’accesso ai propri fondi. 

Questo è probabilmente vero in molti casi. In altri, gli utenti potrebbero solo spostare i fondi su un portafoglio personale per poi spostarli nuovamente su un altro CEX o su un protocollo DeFi. Infatti, entrambe queste opzioni consentirebbero loro di continuare a fare trading o eseguire altre transazioni, come contribuire a un prestito. 

Indipendentemente dalle motivazioni specifiche, il comportamento è vero: la maggior parte dei picchi nei flussi CEX-portafoglio personale sono innescati dalla volatilità del mercato. Tuttavia, ciò che è cambiato è la composizione degli utenti che portano questi prelievi guidati dalla crisi ai portafogli personali.
La tendenza non è perfettamente lineare, ma nel complesso e nel tempo, i fondi istituzionali hanno costituito una quota maggiore di movimenti dalle borse centralizzate ai portafogli personali. Ciò si verifica per i flussi CEX-portafoglio personale in generale, e non solo nei periodi di attività elevata o nelle condizioni di mercato volatili.

Nel complesso, con l’aumento dell’adozione istituzionale, questi investitori hanno assunto un ruolo sempre più importante nel movimento di fondi dai CEX ai portafogli personali.

I crypto wallet, tra cui Ledger, hanno bassa esposizione ad attività illecite: vediamo perché 

Molti credono che i portafogli personali rappresentino un rischio significativo di attività illecite, probabilmente a causa del fatto che, a livello tecnico, la loro capacità di effettuare transazioni non può essere ostacolata da terze parti. 

Alcuni legislatori e regolatori hanno citato questo rischio come motivo per imporre norme di conformità più severe sulle transazioni che coinvolgono portafogli personali. Tuttavia, l’attività del portafoglio personale può essere monitorata sulla blockchain e i dati mostrano che in realtà questi hanno una bassa esposizione ad attività illecite.

Dal 2020 ad oggi, infatti, meno dell’1% di tutti i fondi trasferiti nei portafogli personali proviene da indirizzi associati ad attività illecite. Inoltre, la maggior parte del volume delle transazioni che coinvolgono portafogli personali comporta lo spostamento di fondi verso o in uscita da un exchange centralizzato.

Ma, in che modo i portafogli personali possono servire meglio la loro crescente base di utenti di investitori istituzionali e consentire loro di perseguire le strategie di investimento desiderate senza compromettere i loro fondi? 

Sicuramente, consentendo un supporto per più blockchain in modo che gli investitori possano accedere a quante più risorse possibili da un prodotto portafoglio. Poi, con anteprime delle transazioni che consentono agli utenti di vedere esattamente cosa accadrà se eseguono una transazione specifica, firmano un contratto o si connettono a un protocollo. 

In più, con migliori processi e strumenti di gestione delle chiavi private, strumenti di conformità integrati e velocità di transazione più elevate.

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.