Il CEO di Ripple ottimista riguardo alla causa SEC contro XRP: sarà risolta entro la metà di quest’anno
Il CEO di Ripple ottimista riguardo alla causa SEC contro XRP: sarà risolta entro la metà di quest’anno
Criptovalute

Il CEO di Ripple ottimista riguardo alla causa SEC contro XRP: sarà risolta entro la metà di quest’anno

By Alessia Pannone - 20 Gen 2023

Chevron down
Ascolta qui
download

Nelle ultime ore, Il CEO di Ripple ha dichiarato di essere ottimista riguardo alla causa legale della SEC contro XRP. In particolare, ha affermato di sentirsi molto bene rispetto a dove la sua società è rispetto alla legge e ai fatti. 

Ricordiamo che la disputa legale in corso tra SEC e Ripple è iniziata nel dicembre 2020, quando la SEC ha avviato un’azione legale contro Ripple. Nello specifico, la SEC sosteneva che Ripple avesse raccolto $1,3 miliardi offrendo la criptovaluta nativa di Ripple, XRP, come titoli non registrati.

SEC contro XRP, parla il CEO di Ripple Brad Garlinghouse

Come anticipato, il CEO di Ripple, Brad Garlinghouse, ha affermato di essere ottimista sul fatto che la causa della Securities and Exchange Commission (SEC) contro XRP sarà sicuramente risolta nel 2023. 

Garlinghouse ha condiviso la sua opinione sulla causa intentata dalla Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense per la vendita di XRP in un’intervista con CNBC mercoledì al World Economic Forum di Davos, in Svizzera.

Notando che i giudici ci metteranno tutto il tempo che vorranno, Garlinghouse ha dichiarato: 

“Siamo ottimisti sul fatto che questo sarà sicuramente risolto nel 2023, e forse nella prima metà. Quindi vedremo come andrà a finire da qui. Ma mi sento molto bene su dove siamo rispetto alla legge e ai fatti.” 

In merito alla causa, Ripple ha sostenuto che XRP non è una sicurezza. Inoltre, sia la SEC che Ripple hanno presentato la loro ultima serie di memorie nel dicembre dello scorso anno, chiedendo un giudizio sommario sul caso.

Il CEO di Ripple ha detto che si aspetta che arrivi una sentenza nei prossimi mesi a una cifra, aggiungendo che non si aspetta che Ripple si accordi con l’autorità di regolamentazione dei titoli.

Garlinghouse, inoltre, ha sottolineato: 

“Abbiamo sempre detto che ci piacerebbe accontentarci, ma richiede una cosa molto importante, e cioè che, in prospettiva, sia chiaro che XRP non è una sicurezza. La SEC e Gary Gensler hanno affermato apertamente di considerare quasi tutte le criptovalute come una sicurezza. E quindi questo lascia pochissimo spazio nel diagramma di Venn per l’assestamento.” 

L’importanza per Ripple dell’esito della causa SEC contro XRP 

Il Presidente della SEC, Gary Gensler, ha affermato in diverse occasioni che il Bitcoin è una merce, ma la maggior parte degli altri token crittografici sono titoli. Da parte sua, il CEO di Ripple, ben sapendo quanto sia importante il significato dell’esito della causa Ripple, ha affermato: 

“Qualcosa che ho sentito ripetutamente qui a Davos è quanto sia importante questo, non solo per Ripple, ma anche, davvero, per l’intera industria delle criptovalute negli Stati Uniti.”

Inoltre, Garlinghouse ha sottolineato l’importanza del fatto che, al di fuori degli Stati Uniti, le criptovalute sono ancora fiorenti, così come lo è Ripple. Dunque, il suo suggerimento è quello di doversi assicurare di continuare a coinvolgere anche le autorità di regolamentazione non statunitensi. 

In una discussione separata con la CNBC, invece, Garlinghouse ha affermato

“Fin dall’inizio, ho pensato che fosse molto chiaro che i fatti erano dalla nostra parte, che la legge era dalla nostra parte, e penso che come avete visto questo gioco, come avete visto i documenti in tribunale, il giudice certamente sta ascoltando le nostre argomentazioni.” 

Le dichiarazioni di Gary Gensler in merito al Bitcoin come merce 

Il Presidente della SEC Gary Gensler ha precedentemente chiarito la sua posizione sulle criptovalute, in particolare sul Bitcoin, in un’intervista con il conduttore di Mad Money Jim Cramer su CNBC. 

Nello specifico, Gensler sostiene che quella delle criptovalute sia una classe di asset altamente speculativa. Infatti, il presidente della SEC ha prontamente citato alti e bassi di questa asset class speculativa. Spiegando che quando le persone investono in Bitcoin e centinaia di altri token crittografici sperano in un ritorno, proprio come quando investono in altri asset finanziari, che sono titoli. 

I sostenitori di Bitcoin, ovviamente, hanno accolto con favore il chiarimento di Gensler. Il gestore delle risorse digitali Eric Weiss, infatti, aveva dichiarato: 

“Gensler è il secondo presidente consecutivo della SEC a dichiarare che il Bitcoin è una merce, rendendo quasi impossibile che questa classificazione venga modificata in futuro. Davvero molto significativo.”

A quel punto, anche il CEO pro-bitcoin di MicroStrategy, Michael Saylor, ha commentato: 

“Bitcoin è una merce, essenziale per qualsiasi attività di riserva del tesoro. Ciò consente a politici, agenzie, governi e istituzioni di supportare Bitcoin come risorsa tecnologica e digitale per far crescere l’economia ed estendere i diritti di proprietà e la libertà a tutti.”

Non è un caso che la società di software quotata al Nasdaq ha accumulato ben 129.218 Bitcoin per la sua tesoreria aziendale.

La disputa tra SEC e CFTC per l’autorità sui mercati delle criptovalute 

La questione di quale agenzia federale dovrebbe regolamentare il mercato delle criptovalute ha guadagnato molta attenzione di recente. Come sappiamo, il presidente della SEC degli Stati Uniti Gary Gensler ha affermato che la maggior parte dei token crittografici sono titoli e dovrebbero rientrare nell’ambito della sua agenzia. 

D’altra parte, molte persone e legislatori ritengono che dovrebbe essere il Commodity Futures Trading Commission (CFTC) a regolare il settore crypto. Inoltre, l’anno scorso, al Congresso sono stati presentati tre progetti di legge per rendere la CFTC il regolatore dei mercati delle criptovalute.

In particolare, in questo caso il presidente della SEC sostiene che quando le persone raccolgono denaro devono rivelare varie informazioni, ed è così che i mercati funzionano al meglio. Dunque, la SEC è molto brava in questo, in quanto, sostiene Gensler, è ciò che fa. 

Nel frattempo, la CFTC ha chiesto al Congresso l’autorità sul mercato delle criptovalute. Il presidente della CFTC, Rostin Behnam, ha spiegato la scorsa settimana che, poiché la CFTC è un’autorità di regolamentazione dei derivati, attualmente non supervisiona i mercati a pronti. 

Pertanto, ha chiesto al Congresso autorità in contanti, in modo che possano entrare nel mercato dei Bitcoin Cash, nel mercato degli Ether cash e negli altri mercati dei token delle materie prime digitali.

Alessia Pannone

Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.