Il parere di Swissquote su Neftlix e i tassi della Fed
Il parere di Swissquote su Neftlix e i tassi della Fed
Criptovalute

Il parere di Swissquote su Neftlix e i tassi della Fed

By Guest post - 20 Gen 2023

Chevron down
Ascolta qui
download

Analisi di Swissquote

Netflix ha aggiunto quasi 7,7 milioni di nuovi abbonati nell’ultimo trimestre, contro solo i circa 4,5 milioni previsti dal mercato. Harry e Meghan, tra gli altri spettacoli popolari nel quarto trimestre, hanno chiaramente funzionato. La quota è aumentata di quasi il 10% nel trading after hours.

Perché non di più? Perché l’utile per azione ha ampiamente mancato le stime a causa di una perdita relativa al debito denominato in euro, poiché l’euro ha registrato un rialzo del 10% da ottobre alla fine dell’anno. Ma il margine di profitto dell’azienda ha comunque superato le aspettative degli analisti.

I risultati sono stati un sollievo per Netflix, che alla chiusura di ieri era scambiato in ribasso di oltre il 3%. 

Probabilmente vedremo la ripresa estendersi a $350 per azione (i livelli scambiati prima del secondo grande crollo dello scorso anno, ad aprile) anche se quelli prima del crollo dello scorso gennaio, circa $500 per azione, sembrano un sogno lontano. Soprattutto considerando che il rally azionario di inizio anno è destinato a svanire lentamente.

L’S&P500 è stato scambiato al ribasso per il terzo giorno consecutivo, non essendo riuscito a superare una zona di resistenza molto critica, sopra il livello 4000, dove la media mobile a 200 e il limite del trend ribassista del 2022 hanno impedito agli investitori di estendere il rally verso un nuovo movimento rialzista senza alcuna motivazione di rilievo né a livello aziendale nè macroeconomico.

In questo senso, P&G non è stata fortunata come Netflix. Le vendite sono diminuite del 6% nel quarto trimestre, dopo aver aumentato i prezzi del 10%. Gli aumenti di prezzo per i prodotti P&G potrebbero aver raggiunto un punto critico in cui i clienti non sono più disposti a pagare.

La Fed, i tassi e l’inflazione

La Federal Reserve (Fed) non sembra arretrare sull’aumento dei tassi – nonostante l’allentamento dell’inflazione e della business activity – e i suoi funzionari continuano a ripetere che i tassi aumenteranno e rimarranno elevati per molto tempo. 

Le principali banche e istituzioni concordano sul fatto che gli Stati Uniti si trovano ad affrontare una lieve recessione. Nel frattempo, le cifre sull’occupazione negli Stati Uniti continuano a sembrare abbastanza solide da giustificare ulteriori aumenti dei tassi da parte della Fed. 

Ieri, le richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti sono scese sotto i 200.000 per la prima volta dallo scorso settembre, attenuando la notizia che Microsoft e Amazon hanno eliminato insieme 28.000 posti di lavoro. Dove finiscano queste persone è un vero mistero…

E se tutto ciò non bastasse, ieri gli Stati Uniti hanno raggiunto il tetto del debito iniziando così a utilizzare misure speciali per evitare un default nei pagamenti. 

Il dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti sta modificando gli investimenti in due fondi gestiti dal governo per i pensionati, una mossa che libererà denaro sufficiente per consentire al governo degli Stati Uniti di pagare le proprie spese fino a giugno. Poi si vedrà.Per ora non ci sono segnali di accordo tra i repubblicani e l’amministrazione Biden. Biden non vuole tagliare le spese.

Nel settore valutario, il Dollar Index rimane sotto pressione. Il dollaro-yen è ben impostato nonostante i dati mostrano che l’inflazione in Giappone ha toccato il 4% a dicembre, come previsto. L’EUR/USD rimane al di sotto del livello di 1,08, mentre il Cable continua a flirtare con il livello di 1,24. L’euro-sterlina è scesa ai livelli di 50 e 100-DMA a seguito di una sterlina sorprendentemente più forte questa settimana. 

La forza della sterlina è il risultato di una crescita salariale quasi record e di un’inflazione superiore al 10%. Ma se chiedi al signor Bailey, due mesi di rallentamento dell’inflazione sono “l’inizio di un segnale che è stato girato l’angolo. 

È chiaramente eccessivamente ottimista quando si pensa che l’inflazione in Gran Bretagna sia ancora superiore al 10%. Peggio ancora, l’indice English Breakfast di Bloomberg è in media del 20% più alto rispetto allo scorso anno, poiché le bustine di tè costano il 10% in più, burro e  uova sono il 30% più costosi, mentre i prezzi del latte sono aumentati del 50%! 

O il signor Bailey non fa colazione come il cittadino inglese medio, o semplicemente il suo stipendio non equivale allo stipendio medio di un inglese…Tuttavia, si prevede che la Bank of England (BoE) possa alzare i tassi di interesse di 50 punti base nella prossima riunione politica e tale aspettativa sta supportando la sterlina.

Nell’Eurozona, tuttavia, Christine Lagarde sembra molto più con i piedi per terra. Accetta che l’inflazione intorno al 9% sia ancora “troppo alta” per l’Europa e che la Banca centrale europea (BCE) debba continuare a combatterla con ulteriori aumenti dei tassi. Una visione condivisa anche da Thomas Jordan della Banca nazionale svizzera (BNS). 

Probabilmente sono necessari ulteriori aumenti in Svizzera, ha affermato, anche se l’inflazione è relativamente bassa del 2,8%. Una politica più restrittiva della BNS, combinata con il divario di inflazione tra la Svizzera e gli Stati Uniti, sosterrebbe un ulteriore movimento al ribasso del dollaro-franco a 0,90.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.