HomeCriptovalutePanoramica delle criptovalute con le migliori e le peggiori performance del 2022

Panoramica delle criptovalute con le migliori e le peggiori performance del 2022

Il 2022 è stato un anno devastante per le performance generali delle criptovalute, soprattutto se si considera l’andamento del 2021. Dai massimi del novembre 2021, quando la maggior parte delle criptovalute più importanti ha raggiunto le massime valutazioni di tutti i tempi, le cose hanno iniziato a peggiorare in breve tempo e a gennaio dello stesso anno si poteva già vedere che stavamo entrando in un mercato orso.

Per questo motivo, quando diamo un’occhiata alle criptovalute con le migliori e le peggiori performance del 2022, non ci sono migliori performance, tranne una. Pertanto, quando si parla di migliori performance, in realtà si intende che le criptovalute hanno registrato le prestazioni meno negative tra le 30 criptovalute principali. Questo non dovrebbe sorprendere, poiché dopo aver raggiunto valutazioni così elevate in un periodo di tempo apparentemente molto breve, il calo era inevitabile, tuttavia questo tipo di calo è stato certamente una sorpresa. Le cose sono addirittura peggiorate quando il secondo exchange di crypto più grande, FTX, ha dichiarato bancarotta e la gente ha iniziato a mettere in discussione anche gli altri exchange. La maggior parte delle criptovalute spendeva centinaia di milioni di dollari in pubblicità e marketing, anche quando le criptovalute erano in forte difficoltà, e questo ha alimentato ulteriormente il crollo, dato che le credenze per questi exchange stavano crollando. 

Quali sono le criptovalute che hanno sofferto meno e quali quelle che hanno sofferto di più? Questa è la domanda a cui risponderemo oggi in questa panoramica del mercato delle crypto del 2022, dando un’occhiata alle 5 criptovalute con le migliori e le peggiori performance del 2022. Il seguente rapporto è stato redatto insieme al team analitico di investfox.com.

Le 5 criptovalute con le migliori performance

Non si sa cosa sia più sorprendente, se il fatto che solo una criptovaluta tra le prime 30 abbia registrato guadagni positivi lo scorso anno o il fatto che qualsiasi criptovaluta abbia mostrato risultati positivi. La criptovaluta in questione è OKB, mentre la crypto più vicina ad essa ha chiuso l’anno con una perdita dell’8,6%.

Considerando l’andamento dell’anno, questa perdita dell’8,6% può essere considerata positiva, poiché ci sono criptovalute che sono riuscite a perdere dieci volte di più. Diamo ora un’occhiata alle singole criptovalute che hanno registrato le migliori performance.

OKB +16,1%

okb

L’unica criptovaluta all’interno della top 30 che ha registrato guadagni nel 2022 è OKB. Si tratta di una criptovaluta nativa dell’exchange OKX, così come BNB lo è per Binance. Il motivo per cui OKB ha registrato questa crescita nel 2022 non è univoco e può essere attribuito semplicemente alla sua utilità per coloro che fanno trading su OKX exchange. 

Questa crescita non significa che OKB abbia avuto il miglior anno possibile, poiché ha avuto i suoi alti e bassi.

Dopo il primo crollo del mercato, OKB ha perso valore e quando UST, la popolare stablecoin del momento, ha perso il suo peg e ha trascinato con sé la moneta sorella Luna, anche OKB ha subito un duro colpo ed è scesa fino a $9. 

OKB ha avuto anche un picco di ribasso durante il crollo di FTX, in quanto le persone sono diventate scettiche nei confronti delle criptovalute gestite dagli exchange, ma da allora si è ripresa e alla chiusura del 2022, OKB scambiava a $26 e ha continuato la sua crescita anche nel 2023. 

Leo Token -8,6%

La seconda criptovaluta con la migliore performance del 2022 è LEO Token, che nonostante sia stato il secondo miglior token dell’anno scorso, è riuscito comunque a perdere l’8,6% del suo valore.

Questo ci fa capire quanto sia stato negativo l’anno per le criptovalute in generale, ma Leo Token può andare a testa alta, perché rispetto ad altri token le perdite subite sono nulla. 

Per chi non lo sapesse, LEO è un utility token creato da iFinex e viene utilizzato sulle piattaforme da loro gestite, come la piattaforma di crypto BitFinex. Proprio come per OKB, non c’è una ragione eccezionale per cui il token LEO non abbia subito perdite enormi, e il modo in cui il 2022 è andato per questo token è grazie all’utilità che porta e alla sua ampia gamma di utilizzo su tutte le piattaforme iFinex.

Una volta che FTX è crollato, anche LEO ha subito un colpo, proprio come OKB, ma subito dopo Bitfinex ha rilasciato al pubblico informazioni confermabili sulle proprie riserve, dimostrando di avere fondi e di non operare come FTX. Questo ha aiutato un po’ il token, che grazie a questo e alla sua utilità ha chiuso l’anno con una buona nota rispetto a quasi tutti gli altri token.

Tron -11%

tron

La terza criptovaluta con la migliore performance del 2022 è Tron, nota anche come TRX. Tron è una DAO completamente decentralizzata, che mira a favorire la piena decentralizzazione di internet con la tecnologia blockchain e le diverse dapp che operano su questa blockchain. 

Aver perso l’11% del suo valore nel 2022 non è niente di cui essere felici, ma considerando l’anno in generale, c’è un lato positivo. Dopo il crollo iniziale delle crypto all’inizio del 2022, Tron ha iniziato a crescere fino al 13 giugno, per poi crollare improvvisamente il 14 giugno. 

A questo punto Tron ha iniziato a seguire l’andamento generale del mercato ed è diventato piuttosto volatile, per poi subire un altro colpo quando FTX è crollato. Da allora, però, Tron ha iniziato a riprendere il ritmo e alla fine dell’anno ha registrato un’ascesa che è proseguita anche nel 2023. Attualmente Tron è ancora in crescita e solo quest’anno è già cresciuto del 14% circa.

Quant -13,7%

quant

Quant, che è la 30esima criptovaluta per capitalizzazione di mercato e che a stento è entrata in questa lista, è la quarta criptovaluta con la migliore performance del 2022.

Quest’anno è stato molto poco movimentato per Quant, il che ha fatto perdere valore alla criptovaluta, ma questo andamento poco movimentato l’ha anche aiutata a rimanere a galla e a non perdere molto di più. Quant è una rete che aiuta la digitalizzazione e la decentralizzazione delle imprese. 

Aiuta le banche e le altre imprese a passare alle criptovalute e a integrarle nelle loro operazioni. Fino all’ottobre 2022, Quant ha avuto un anno altalenante, con prezzi che salivano e scendevano, ma poi, una volta arrivato ottobre, i prezzi sono saliti, grazie ad alcune partnership che Quant ha acquisito, anche se poi hanno iniziato presto a scendere di nuovo, il che ha portato a un anno negativo in generale.

Tuttavia, alla fine dell’anno, Quant ha ricominciato a crescere e ha continuato a farlo anche nel 2023. 

Monero -23,8%

monero

L’ultima criptovaluta con la migliore performance della nostra lista è Monero, che nonostante sia il quinto token con la migliore performance all’interno della top 30, è riuscito comunque a perdere quasi un quarto del suo valore. 

Monero ha iniziato l’anno piuttosto bene, riuscendo a guadagnare la maggior parte del valore perso durante il crollo delle crypto di dicembre/inizio gennaio dell’anno precedente. 

Ma dopo aver raggiunto la valutazione più alta dell’anno alla fine di aprile, Monero ha iniziato a perdere rapidamente valore e in soli due mesi è riuscito a perdere più del 50% della sua valutazione. 

Da quel momento in poi, Monero ha iniziato ad andare su e giù ed è entrato in uno stato di volatilità.

Durante questo periodo è riuscita comunque a guadagnare un po’ di valore e a chiudere l’anno con una perdita del -23,3%. Per chi non lo sapesse, Monero è una criptovaluta che ha lo scopo di creare l’anonimato e le transazioni effettuate con questa crypto manterranno anonimi sia il mittente che il destinatario dei fondi.

Le 5 criptovalute con le peggiori performance

Passiamo ora alle criptovalute con le peggiori performance del 2022, dove la maggior parte delle criptovalute è riuscita a perdere più della metà del proprio valore. Considerando il fatto che il 2022 è stato un anno orribile per le criptovalute, i numeri che questi token hanno perso non dovrebbero essere così sorprendenti. Con Solana che ha perso più dell’80% del suo valore, questa lista è piena di token ben noti che rientrano nella top 30. Quindi, senza ulteriori indugi, diamo un’occhiata ai token che hanno registrato le peggiori performance lo scorso anno.

Solana -94%

solana

Dire che Solana ha avuto un anno negativo è dir poco. Un tempo acclamato come il killer di Ethereum, Solana ha avuto l’anno peggiore tra le principali criptovalute ed è stato causato da una combinazione di molti fattori diversi.

Il primo fattore che è entrato in gioco è stata l’inaffidabilità della rete durante la prima metà dell’anno, quando la rete di Solana è stata sovraccarica per diversi giorni alla settimana e le transazioni non sono andate a buon fine. 

Questo, unito al generale mercato ribassista in corso, ha fatto sì che Solana scendesse da $170 fino a $30, da aprile a giugno. 

Da quel momento in poi, Solana è rimasta intorno ai $30-40 e non ha potuto crescere, e uno dei motivi è stato l’aggiornamento di Ethereum e la rimozione del mining. Quando Ethereum è passato al protocollo proof-of-stake, uno degli assi che Solana aveva rispetto a Ethereum è venuto meno, e ha perso un bel po’ di utenti a favore di Ethereum. 

Ma a mettere il chiodo finale sulla bara di Solana, nel 2022, fu il crollo di FTX. FTX era uno dei principali detentori di Solana, e quando si è saputo delle malefatte di FTX e della spesa dei fondi dei clienti, Solana ha subito un duro colpo, e alcuni esperti hanno persino iniziato a suggerire che FTX stesse sostenendo il prezzo di questo token con le sue attività. Con tutto questo insieme, Solana è riuscita a perdere oltre il 94% del suo valore e ha chiuso l’anno con una quotazione di poco inferiore ai 10 dollari.

Avalanche -87,1%

avalanche

La seconda criptovaluta con la peggiore performance del 2022 è stata Avalanche, preda del mercato orso generale e del crollo di Terra Network. Avalanche è stato uno dei token con la crescita più rapida nel 2021 quando è riuscito a passare da $11 a $130 in 4 mesi, tuttavia, per quanto abbia avuto un’ottima ascesa, la caduta è stata ancora più dolorosa. 

All’inizio dell’anno, con l’arrivo dell’inverno crypto, Avalanche è entrata in uno stato di forte volatilità e i prezzi sono saliti e scesi. Ma il colpo più grande lo ha subito quando Terra Network e le sue due principali criptovalute UST e Luna hanno perso quasi tutto il loro valore, dato che Avalanche aveva stretti legami con questa rete. 

Durante questo periodo, Avalanche è scesa fino a una valutazione di $16, prima di riguadagnare un po’ di valore ad agosto, quando è stata scambiata a $30. Da quel momento in poi, però, ha iniziato a perdere nuovamente valore e ha chiuso l’anno con una valutazione di soli $16 e una perdita di poco superiore all’87%.

Polkadot -84,9%

polkadot

Un altro grande token che ha subito un duro colpo nel 2022 è stato quello di Polkadot. Proprio come tutti gli altri token di questa lista dei peggiori performer, Polkadot ha avuto una crescita massiccia nel 2021, quando il suo valore è cresciuto del 500% in un arco di 4 mesi, ma poi ha iniziato a scendere e ha iniziato l’anno su una nota molto negativa, riuscendo a perdere quasi il 50% del suo valore massimo in 2 mesi. 

Polkadot è una rete blockchain che permette a diverse reti e blockchain di comunicare tra loro e di scambiare dati ed effettuare transazioni. Il motivo per cui i prezzi sono scesi così tanto non può essere attribuito a un solo problema, ed è stato causato principalmente dal mercato orso e da altri importanti crolli di crypto avvenuti nel 2022. 

Il primo colpo subito è stato durante il crollo di Terra Network, quando il prezzo è passato da $23 a $6. Da quel momento in poi, il prezzo di Polkadot è rimasto in quell’intervallo di prezzo ed è stato scambiato a circa $5-6, fino a novembre. Da quel momento, il token ha subito un altro piccolo colpo a causa del crollo di FTX, e ha chiuso l’anno scambiando appena sopra i $4.

Cardano -81,3%

cardano

Cardano è l’unica criptovaluta nella lista delle peggiori criptovalute perdenti del 2022, che nonostante abbia perso oltre l’80% del suo valore, rimane ancora l’8° criptovaluta più grande del mercato. 

La ragione di questa caduta è il mercato orso generale e, a differenza di altre criptovalute qui presenti, Cardano è semplicemente diventato una vittima della caduta di Bitcoin. 

Cardano ha iniziato l’anno in perdita, passando da $1,35 a $1,13 in soli 10 giorni, ma poi ha iniziato a recuperare un po’ e in una settimana il prezzo è salito a $1,60. Ma da quel momento in poi ha iniziato a scendere e i prezzi sono passati da 1,60 a 0,80 dollari. 

Tuttavia, tra la fine di marzo e l’inizio di aprile, proprio come Bitcoin, Cardano si è ripreso un po’ e i prezzi sono saliti a $1,20. Questo è stato l’ultimo punto luminoso per Cardano nel 2022, poiché da lì ha iniziato a perdere valore per tutto l’anno scorso, senza avere alcun aumento significativo del prezzo, nemmeno per un po’. Cardano ha chiuso l’anno con una quotazione di $0,24 e una perdita di oltre l’80%.

Chainlink -71,5%

chainlink

Chainlink ha iniziato l’anno con una buona nota. Dopo il crollo dei prezzi dai massimi di maggio 2021, il 2022 è iniziato con una buona nota, con il prezzo che è passato da $19 a $27 nei primi 10 giorni dell’anno.

In seguito, Chainlink si è unito alla direzione del mercato e i prezzi hanno iniziato a scendere. In sole due settimane, dal 10 al 24 gennaio, il prezzo di Chainlink è sceso da $27 fino a $15. In seguito, i prezzi di Chainlink sono diventati volatili fino ad aprile, salendo e scendendo, ma senza riuscire a superare la resistenza di $20. 

Da aprile Chainlink ha iniziato a seguire la caduta di Bitcoin e a maggio era scambiato a $7. Essendo in un mercato orso difficile, Chainlink non è riuscito a riprendersi e da quel momento è stato scambiato in un intervallo di $5 – $7 e ha chiuso l’anno con un valore di $5,44.

Considerazioni finali

Come possiamo vedere dai soli numeri, è stato un anno catastrofico per le criptovalute. Con una sola criptovaluta tra le prime 30 che ha guadagnato valore l’anno scorso, è stato uno degli inverni crypto più duri di sempre e, a quanto pare, continuerà anche nel 2023. 

Questo crollo è ancora più grave se si considera la crescita che le crypto hanno avuto nel 2021 e quanto le cose si stavano mettendo bene. 

Abbiamo citato le criptovalute con le peggiori e le migliori performance in questo elenco, ma dobbiamo anche menzionare criptovalute come Ethereum, Bitcoin, XRP, Dogecoin e Matic, tutte all’interno della top 10 delle criptovalute. Ognuno di questi token ha perso tra il 50% e il 60% del proprio valore e ha segnato il peggior inverno delle crypto mai visto.

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze
Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS