HomeBlockchainRegolamentazioneLa Francia è pronta alla regolamentazione del mondo crypto, manca solo l’approvazione...

La Francia è pronta alla regolamentazione del mondo crypto, manca solo l’approvazione del Presidente Macron

La Francia è stata all’avanguardia nella regolamentazione delle crypto, con una serie di iniziative nell’ultimo periodo, volte a reprimere le attività illecite nello spazio degli asset digitali. 

L’ultimo sviluppo di questa tendenza è l’approvazione di una nuova serie di norme per le società di criptovalute, volte a rafforzare la sorveglianza e a prevenire le frodi.

La proposta della Francia per la regolamentazione del settore crypto

Le nuove norme sono state approvate dai legislatori francesi il 22 dicembre 2021 e attendono ora la firma del Presidente Emmanuel Macron per diventare legge. 

Una volta firmate, le norme si applicheranno a tutte le società che operano in Francia e che forniscono servizi di criptovaluta, come gli exchange e i depositari.

Una delle disposizioni chiave della nuova normativa è l’obbligo per le società di criptovalute di registrarsi presso l’autorità di regolamentazione finanziaria francese, l’Autorité des Marchés Financiers (AMF). 

Ciò consentirà all’AMF di monitorare più da vicino le attività di queste aziende e di prendere provvedimenti contro quelle che si impegnano in pratiche illegali o non etiche.

Un altro aspetto importante delle nuove norme è l’obbligo per le società di criptovaluta di implementare rigorose procedure di conoscenza del cliente (KYC) e antiriciclaggio (AML).

Ciò contribuirà a impedire che i criminali utilizzino le criptovalute per riciclare denaro o finanziare attività terroristiche.

Le società di criptovalute dovranno inoltre ottenere una licenza dall’AMF prima di offrire nuovi prodotti o servizi di criptovaluta. In questo modo si garantirà che solo le aziende affidabili e rispettabili siano in grado di operare nel mercato francese degli asset digitali.

Le nuove norme fanno parte di un più ampio sforzo del governo francese per promuovere lo sviluppo di un’industria delle criptovalute sostenibile e responsabile nel Paese. 

Questo è in linea con iniziative simili di altri governi in tutto il mondo, che riconoscono i potenziali benefici della tecnologia blockchain, pur riconoscendone i rischi.

Le nuove regole aiuteranno l’intera industria a prosperare 

I governi di tutto il mondo stanno quindi cercando di capire come regolamentare le criptovalute in modo da bilanciare i potenziali benefici con i rischi. Alcuni Paesi, come la Cina, hanno adottato un approccio rigido e hanno vietato del tutto le criptovalute.

Altri, come gli Stati Uniti e il Giappone, hanno implementato regolamenti più sfumati che cercano di mitigare i rischi pur consentendo l’innovazione e la crescita del settore.

L’approccio della Francia si colloca a metà strada. Le nuove norme sono state concepite per garantire che le società di criptovalute operino in modo responsabile e trasparente, promuovendo al contempo l’innovazione e la concorrenza nel mercato degli asset digitali.

Un potenziale svantaggio delle nuove norme è che potrebbero scoraggiare alcune società di criptovalute dall’operare in Francia. 

L’onere normativo aggiuntivo e i costi associati alla conformità potrebbero essere un deterrente per le startup e le imprese più piccole che non dispongono delle risorse dei grandi operatori del settore.

Tuttavia, è anche possibile che le nuove norme possano attirare in Francia società di criptovalute più rinomate e consolidate, che cercano di operare in una giurisdizione con un quadro normativo chiaro e stabile. 

In ogni caso, è chiaro che il mercato degli asset digitali si sta evolvendo rapidamente e i governi di tutto il mondo dovranno continuare ad adattare i loro approcci normativi per tenere il passo con questa evoluzione. 

La mossa della Francia di inasprire le regole sulle criptovalute per i nuovi operatori è solo un esempio di questo processo in corso, e sarà interessante vedere come altri Paesi risponderanno nei prossimi anni.

Inoltre, le nuove norme dovrebbero contribuire ad aumentare la trasparenza e la responsabilità nel mercato degli asset digitali, il che potrebbe a sua volta favorire una maggiore fiducia tra i consumatori e le imprese. 

Allo stesso tempo, è importante che le autorità di regolamentazione trovino un equilibrio tra la promozione dell’innovazione e la protezione dei consumatori. 

Regolamenti troppo onerosi potrebbero soffocare la crescita del settore delle criptovalute e dissuadere gli imprenditori dall’entrare nel mercato.  

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS