HomeCriptovalute2023 CMC Crypto Playbook: Trend del 2023 - Dagli exchange centralizzati ai...

2023 CMC Crypto Playbook: Trend del 2023 – Dagli exchange centralizzati ai wallet non-custodial a cura di Trust Wallet

Nota: Queste informazioni sono state raccolte attraverso sondaggi condotti tra gli utenti di Trust Wallet.

La fine del 2022 ha portato alla ribalta il movimento “non le tue chiavi, non le tue crypto” su una scala che il mondo crypto non ha mai visto prima. Poiché abbiamo visto sempre più grandi istituzioni di criptovalute crollare, interrompendo i prelievi e dichiarando bancarotta, gli utenti di crypto stanno sperimentando in tempo reale gli effetti di ciò che può accadere quando si affidano le proprie chiavi a un’entità centralizzata.

Mentre il 2022 si sta concludendo con uno scossone alle fondamenta dei mercati delle crypto, l’instabilità ha anche dato agli appassionati crypto la possibilità di conoscere meglio i potenziali benefici dell’auto-custodia. Come può il mercato delle criptovalute arrivare al 2023 più forte e consapevole, applicando le lezioni che ha imparato faticosamente riguardo agli exchange centralizzati? Dove andranno a depositare le loro monete i trader crypto?

Ci sono due indicazioni principali che emergono dall’osservazione del comportamento degli utenti di Trust Wallet.

Indicazione 1: gli utenti di Trust Wallet si stanno spostando dalle soluzioni di custodia a quelle non-custodial

Il 43% degli utenti di Trust Wallet intervistati custodisce ancora una parte considerevole delle proprie criptovalute in exchange centralizzati. Tuttavia, il restante 57% degli utenti custodisce autonomamente la maggior parte dei propri asset su Trust Wallet.

wallet non-custodial

Principali fattori contribuenti:

Visti i recenti avvenimenti nell’industria crypto, gli utenti degli exchange centralizzati hanno perso fiducia e stanno riprendendo il controllo delle loro criptovalute adottando soluzioni che permettono loro di avere la completa proprietà dei loro asset.

Questo trend è alimentato dai vantaggi che derivano dalla vera proprietà e sta portando a maggiori incentivi per la custodia delle criptovalute in portafogli decentralizzati a caldo o a freddo.

Le conseguenze del crollo di FTX sono molto spiacevoli, ma evidenziano anche il motivo per cui gli utenti di criptovalute hanno più urgenza che mai di spostare i loro fondi da exchange o depositi centralizzati a portafogli non depositati dove hanno il pieno controllo delle loro chiavi private. 

In effetti, Trust Wallet ha registrato un aumento del 140% degli utenti attivi nei primi giorni dell’incidente FTX e continua a registrare un aumento di utenti attivi di settimana in settimana dopo l’incidente.

Indicazione 2: i nuovi utenti di Trust Wallet cercano di adottare una soluzione di portafoglio unica per tutte le loro esigenze di crypto

I nuovi utenti che hanno iniziato a usare Trust Wallet nel 2022 preferiscono usare un solo portafoglio per tutte le loro attività legate alle crypto. Naturalmente, i portafogli con un’ampia copertura multi-catena saranno in una posizione migliore per soddisfare le richieste degli utenti che sono alla ricerca di una soluzione facile da usare che consenta loro di gestire i propri asset su più reti blockchain in un unico luogo.

Principali fattori contribuenti:

È chiaro che il futuro delle crypto è multi-catena. Gli utenti non vogliono dover gestire più portafogli per poter interagire con diverse blockchain e avere piena utilità sui propri asset. 

Al contrario, cercano esperienze di portafoglio senza soluzione di continuità che consentano loro di fare tutto ciò in un unico posto. Vogliono soprattutto custodire e gestire i loro asset crypto da tutti i principali ecosistemi blockchain. 

Vogliono anche essere in grado di scambiare i loro asset su diverse catene, connettersi alle dApp su diversi ecosistemi, archiviare e scambiare NFT su più catene e fare staking di diverse criptovalute in un unico portafoglio dove possono facilmente tracciare e avere visibilità su tutti i loro asset.

Conclusioni

È chiaro che esiste un bisogno fondamentale di soluzioni di self-custody. Tuttavia, per raggiungere un’adozione di massa è necessario che gli operatori del settore lavorino insieme per superare le sfide principali. 

Ciò consentirà di rafforzare la proprietà degli asset digitali e l’accessibilità al Web3 da parte di tutti.

Ciò include la fornitura di un’infrastruttura sicura e scalabile che sia facile da usare. Al momento, siamo ancora nella fase in cui dobbiamo leggere il livello del codice, il che significa che la soluzione non è ancora pronta. 

Gli utenti devono essere relativamente istruiti in materia di crypto per potersi sentire a proprio agio con i wallet non-custodial. Inoltre, per sviluppare ulteriormente l’industria, i fornitori di portafogli dovrebbero concentrare i loro sforzi sull’offerta di un valore reale per gli utenti, consentendo l’utilità delle criptovalute in modi diversi.

Infine, ma non meno importante, dovremmo lavorare a stretto contatto come industria per fornire la giusta formazione sul Web3. Dovremmo concentrarci sull’educazione su una scala più ampia che vada oltre i nostri utenti – dobbiamo accettare la sfida di mostrare i vantaggi delle criptovalute alle autorità di regolamentazione e ad altri stakeholder per metterci reciprocamente in grado di realizzare la missione del Web3.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS