HomeBlockchainRegolamentazioneElizabeth Warren, seguita dai Democratici al Senato, rafforza le regole sul capitale...

Elizabeth Warren, seguita dai Democratici al Senato, rafforza le regole sul capitale per le banche

La senatrice Elizabeth Warren e altri due senatori democratici stanno facendo pressioni sulle autorità di regolamentazione delle banche per standard patrimoniali più severi, dopo il crollo della Silicon Valley Bank e della Signature Bank. 

Nello specifico, Warren, insieme al senatore Richard Blumenthal e a Tammy Duckworth, sostiene l’adozione del quadro di Basilea III per aumentare la quantità e la qualità del capitale detenuto dalle organizzazioni bancarie statunitensi.

Elizabeth Warren in merito alle regole sul capitale delle banche 

Come anticipato sopra, i Democratici del Senato stanno facendo pressione sui regolatori bancari federali per inasprire i requisiti patrimoniali delle banche. Tutto ciò a seguito di audizioni congressuali consecutive in cui i funzionari hanno testimoniato sui fallimenti della Silicon Valley Bank e Signature Bank. 

La senatrice Elizabeth Warren, D-Mass., membro della commissione del Senato per le banche, l’edilizia abitativa e gli affari urbani, sta guidando gli appelli per rafforzare le regole sul capitale per le banche allineandosi al quadro internazionale Basilea III”.

Warren, insieme al Sens. Richard Blumenthal, D-Conn., e Tammy Duckworth, D. -Ill., ha scritto in una lettera datata mercoledì quanto segue: 

“Scriviamo per esortarvi a seguire la definizione di solidi requisiti patrimoniali che proteggano i consumatori e i contribuenti e preservino la sicurezza e la solidità del nostro sistema bancario.” 

La lettera è stata inviata al vicepresidente della Federal Reserve per la supervisione Michael Barr, al presidente della Federal Deposit Insurance Corp. Martin Gruenberg e al controllore ad interim della valuta Michael Hsu. Barr. 

Quest’ultimo, in particolare, sta conducendo una revisione completa del fallimento della SVB e insieme a Gruenberg hanno entrambi testimoniato in audizioni davanti ai legislatori del Senato e della Camera questa settimana.

Nella lettera, i legislatori hanno incolpato i lobbisti e alcuni repubblicani per gli sforzi durante l’amministrazione Trump per allentare i requisiti patrimoniali stabiliti dopo la crisi finanziaria del 2008. 

Inoltre, hanno anche affermato che i legislatori del GOP stavano spingendo le autorità di regolamentazione per evitare standard patrimoniali più elevati nei giorni precedenti i fallimenti bancari. 

Elizabeth Warren spinge per la normativa Basilea III 

In una lettera del 3 marzo al presidente della Fed Jerome Powell, dieci parlamentari repubblicani della commissione bancaria del Senato hanno definito “infondato” il suggerimento di Barr di aumentare i requisiti patrimoniali. 

Vediamo che SVB è crollato diversi giorni dopo aver inviato la lettera. I legislatori hanno anche messo in guardia contro quello che hanno chiamato “rotazione del settore” che incolpa i fallimenti bancari sulla supervisione delle agenzie di regolamentazione, piuttosto che sulle normative bancarie permissive.

A tal proposito, i legislatori hanno scritto quanto segue: 

“Questi funzionari del settore hanno ragione sul fatto che i fallimenti delle autorità di regolamentazione bancaria sono una parte fondamentale del motivo per cui Signature e SVB hanno fallito, ma ciò non elimina la necessità di forti requisiti patrimoniali.” 

I senatori hanno anche indicato la decisione della Fed del marzo 2020 di semplificare le regole sul capitale per le grandi banche come prova di un ritiro dei regolamenti. Nell’ambito dello “stress capital buffer” implementato all’epoca, i requisiti patrimoniali per le imprese bancarie sono determinati annualmente sulla base di stress test di vigilanza.

In conclusione, Warren, Blumenthal e Duckworth stanno spingendo affinché le autorità di regolamentazione attuino pienamente Basilea III, cioè una serie di standard normativi internazionali per le banche che aumenterebbero sia la quantità che la qualità del capitale detenuto dalle organizzazioni bancarie statunitensi. 

La Fed ha anche proposto regole per standardizzare i requisiti minimi di liquidità per le grandi imprese bancarie attive a livello internazionale ai sensi di Basilea III.

Basilea III: di cosa si tratta? 

Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria (BCBS), di cui gli Stati Uniti sono membri partecipanti, ha sviluppato standard patrimoniali regolamentari internazionali attraverso una serie di accordi sul capitale e relative pubblicazioni, che sono collettivamente in vigore dal 1988.

Basilea III è un insieme completo di misure di riforma, sviluppato dal CBVB, per rafforzare la regolamentazione, la supervisione e la gestione del rischio del settore bancario. Le misure comprendono sia la liquidità che le riforme del capitale.

In particolare, nel luglio 2013, il Federal Reserve Board ha finalizzato una norma per l’attuazione delle regole sul capitale di Basilea III negli Stati Uniti, un pacchetto di riforme normative sviluppato dal BCBS. 

L’ampio pacchetto di riforme è concepito per contribuire a garantire che le banche mantengano solide posizioni patrimoniali che consentiranno loro di continuare a concedere prestiti a famiglie e imprese meritevoli di credito, anche dopo perdite impreviste e durante gravi recessioni economiche.

Questa regola finale aumenta sia la quantità che la qualità del capitale detenuto dalle organizzazioni bancarie statunitensi. Il Consiglio ha inoltre pubblicato la Guida di riferimento per le organizzazioni bancarie comunitarie, che ha lo scopo di aiutare le organizzazioni bancarie piccole e non complesse a navigare nella regola finale e identificare i cambiamenti più rilevanti per loro.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS