HomeCriptovaluteL’exchange crypto FTX potrebbe riaprire? In aumento i token FTT dell’azienda

L’exchange crypto FTX potrebbe riaprire? In aumento i token FTT dell’azienda

FTX, l’exchange crypto crollato a novembre, sta valutando la possibilità di riaprire, secondo quanto si apprende dalle ultime fonti: alla notizia il prezzo del token nativo della piattaforma, FTT, è più che raddoppiato. 

Vediamo nei dettagli cosa sta succedendo. 

Il prezzo di FTT in aumento mentre l’exchange crypto FTX potrebbe essere rilanciato

Nonostante ora sia in bancarotta, a quanto pare l’exchange crypto FTX potrebbe riaprire in futuro, dato che anche i token FTT dell’azienda sono in aumento. Questo è quanto hanno dichiarato gli avvocati di Sullivan & Cromwell in un’udienza in tribunale mercoledì.

Anche se, una potenziale opzione discussa era quella di consentire ai creditori di FTX di convertire una parte delle loro partecipazioni in una quota in una borsa riaperta. In ogni caso, il prezzo di FTT è più che raddoppiato di prezzo in seguito alla notizia.

Andy Dietderich, l’avvocato capo di FTX, ha dichiarato alla corte che il riavvio dell’exchange crypto era una delle tante potenziali opzioni prese in considerazione per il futuro dell’azienda.

Se si intraprende questa strada, ha affermato Dietderich, il piano richiederebbe la raccolta di un capitale significativo. Inoltre, ha affermato che vi è stato un dibattito interno sul fatto che tale capitale debba provenire dalla proprietà FTX o dal capitale di terzi.

In particolare, Dietderich ha dichiarato quanto segue: 

“Ci sono possibilità che i clienti possano avere un’opzione per prendere parte dei loro proventi che altrimenti riceverebbero in contanti dalla proprietà e ricevere una sorta di interesse nell’exchange in futuro.” 

Tuttavia, l’avvocato ha sottolineato che la possibilità di riavviare FTX è una delle tante e qualsiasi decisione è tutt’altro che definitiva. Ci sono, infatti, tante opinioni in merito al modo in cui procedere nel caso FTX, tante quanti sono i professionisti coinvolti nella faccenda. 

Infine, gli avvocati di FTX hanno anche dichiarato alla corte di aver recuperato 7,3 miliardi di dollari in attività liquide dall’exchange crypto defunto, in aumento rispetto al conteggio di 1,9 miliardi di dollari di gennaio. Tuttavia, hanno aggiunto, FTX è ancora lontano da una distribuzione azionaria. 

Vale davvero la pena riavviare FTX? I commenti degli esperti 

Prima del crollo a novembre, FTX era stato uno dei più grandi attori nel settore delle criptovalute, con una presenza particolarmente importante nel trading di derivati. Quindi, una resurrezione era allettante, sia per John J. Ray, il nuovo CEO, il cui compito è massimizzare la quantità di denaro recuperata dai creditori, sia per i suoi ex clienti.

Tuttavia, alcune interviste con le persone delle principali società commerciali che una volta facevano affari con FTX sollevano dubbi sul fatto che ci sia davvero qualcosa che valga la pena riportare indietro. 

Mentre i problemi finanziari che alla fine hanno distrutto FTX sono diventati chiari alla fine del 2022, queste interviste chiariscono che il lato tecnico dell’exchange era debole sin dal suo inizio. 

Latenza tristemente elevata, bug nell’interfaccia di programmazione dell’applicazione (API) che i trader utilizzano per interfacciarsi con FTX e contrattempi di codifica hanno afflitto l’exchange, a quanto emerge dai commenti. 

Max Boonen, il fondatore di B2C2, uno dei market maker FTX più attivi, ha affermato quanto segue: 

“FTX era lento, incompleto, difettoso e codificato da persone che non l’avevano mai fatto prima.” 

Abraham Chaibi, co-fondatore di Dexterity Capital, un altro ex cliente, ha invece dichiarato: 

“La latenza di andata e ritorno su FTX, cioè il tempo impiegato da un cliente per sapere che la sua operazione era andata a buon fine nel registro degli ordini dell’exchange, era di circa 150 millisecondi in genere e da 600 a 800 millisecondi durante i periodi di maggiore affluenza.” 

Inoltre, Chaibi aveva dichiarato che: 

“La propagazione delle notifiche dei tuoi riempimenti è stata molto lenta su FTX. Se davvero volevi sapere prontamente che il tuo ordine era stato evaso, dovevi interrogare ripetutamente lo stato del tuo ordine ogni millisecondo.” 

Come sappiamo, la velocità è molto importante per i market maker come B2C2 e Dexterity, come loro lo sono per le aziende di cui un exchange crypto ha bisogno per prosperare, fornendo liquidità e acquistando essenzialmente da chiunque voglia vendere e vendendo a coloro che vogliono acquistare.

John J. Ray in merito al rilancio dell’exchange crypto FTX e del token FTT

A gennaio, il nuovo capo di FTX, John J. Ray, stava già esplorando la possibilità di riavviare l’exchange di criptovalute in bancarotta, secondo un’intervista che ha rilasciato al Wall Street Journal, la prima da quando è subentrato a FTX a novembre.

John J. Ray III, che in precedenza ha gestito la ristrutturazione di Enron, ha affermato che, nonostante le accuse di cattiva condotta criminale contro l’ex CEO Sam Bankman-Fried e altri dirigenti, i clienti hanno lodato la tecnologia di FTX e hanno affermato che potrebbe valere la pena rilanciare l’exchange: 

“Tutto è sul tavolo. Se c’è un percorso da seguire su questo, allora non solo lo esploreremo, lo faremo.”

La decisione dipenderà dal fatto che il riavvio dell’exchange internazionale di FTX recuperi di più per i clienti rispetto alla semplice liquidazione delle attività o alla vendita della piattaforma, ha continuato Ray. 

Nell’intervista, Ray ha anche etichettato i commenti di Bankman-Fried ai media e altrove come inutili. Bankman-Fried ha, infatti, affermato che FTX non aveva bisogno di presentare istanza di protezione dal fallimento secondo il Chapter 11 ed è stato critico nei confronti delle decisioni di Ray, il quale ha commentato: 

“Non abbiamo bisogno di dialogare con lui. Non ci ha detto niente che io non sappia già.” 

In un messaggio di testo al Journal, Bankman-Fried ha risposto: 

“Questo è un commento scioccante e schiacciante da parte di qualcuno che finge di preoccuparsi dei clienti.” 

Inoltre, in un tweet dopo la pubblicazione dell’articolo del WSJ, Bankman-Fried ha scritto di essere contento che il signor Ray stia finalmente pagando a parole per riattivare l’exchange  dopo mesi di repressione di tali sforzi. 

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS