HomeCriptovaluteCrypto news: Gemini minaccia Genesis per il mancato pagamento di $630 milioni

Crypto news: Gemini minaccia Genesis per il mancato pagamento di $630 milioni

Le ultime crypto news destano preoccupazioni per l’entità di DCG Genesis, minacciata di essere citata in giudizio da Gemini per il mancato pagamento da $630 milioni. 

Inoltre, Gemini ha affermato di star lavorando con Genesis, DCG e creditori per fornire tolleranza a DCG al fine di evitare un default. 

Di seguito tutti i dettagli. 

L’exchange crypto Gemini attacca Genisis: cosa succede?

Come anticipato, Digital Currency Group (DCG) ha mancato un pagamento di $630 milioni dovuto a Gemini la scorsa settimana. 

A quel punto, il CEO di Gemini Cameron Winklevoss ha minacciato di citare in giudizio il CEO di DCG Barry Silbert e DCG per il rimborso di un prestito di $900 milioni. 

Tutto ciò dopo che Genesis, un’entità DCG, ha presentato istanza di fallimento del Capitolo 11, tra accuse di fondi misti e controversie in corso sui rimborsi del prestito. 

D’altra parte, la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha accusato entrambe le società di vendere titoli non registrati attraverso il loro programma Earn.

Dunque, Gemini e DCG sono in discussione e, se non viene raggiunto un accordo, Gemini e altre parti stanno proponendo un piano di riorganizzazione modificato con Genesis che non richiede l’approvazione di DCG, ha dichiarato Gemini in un aggiornamento sul suo sito: 

“La considerazione si baserà in parte sul fatto che le parti ritengano che DCG si impegnerà in trattative in buona fede su un accordo consensuale.” 

Nel frattempo, Gemini si sta preparando a presentare un reclamo chiedendo il ritorno di oltre 1,1 miliardi di dollari in risorse digitali da Genesis per i suoi oltre 200.000 utenti Earn.

Alla fine della scorsa settimana, gli avvocati di Genesis hanno presentato una richiesta al tribunale fallimentare del distretto meridionale di New York per una proroga del loro tempo concesso per presentare un piano del capitolo 11 e sollecitare le accettazioni.

Se il tribunale lo approva, avranno tempo fino al 27 agosto per presentare un piano e fino al 26 ottobre perché venga accettato. Secondo una dichiarazione del tribunale di gennaio, Genesis deve oltre 3,5 miliardi di dollari ai suoi 50 principali creditori tra cui Gemini, Cumberland, Mirana, MoonAlpha Finance e il New Finance Income Fund di VanEck.

Winklevoss accusa il CEO di DCG Barry Silbert di “tattiche di stallo in malafede” 

Di recente, il co-fondatore dell’exchange crypto Gemini ha accusato il CEO di Digital Currency Group, Barry Silbert, di “tattiche di stallo in malafede” mentre le rispettive società si scontrano per un disaccordo commerciale precipitato dall’implosione multimiliardaria di FTX alla fine dello scorso anno.

Nello specifico, Cameron Winklevoss ha criticato Silbert in una lettera aperta pubblicata su Twitter sostenendo che il broker di criptovalute Genesis Global Capital e la sua società madre, DCG, devono ai clienti di Gemini $900 milioni. 

La lettera sostiene che Gemini abbia atteso inutilmente per sei settimane notizie su un accordo di rimborso. Silbert ha risposto, twittando che DCG ha consegnato ai consiglieri di Genesis e Gemini una proposta il 29 dicembre 2022, e non ha avuto alcuna risposta.

Winklevoss ha anche accusato il CEO di DCG di aver utilizzato 1,675 miliardi di dollari in denaro per scopi che hanno aiutato altre iniziative DCG invece di ripagare i creditori: 

“Hai preso questi soldi per alimentare avidi riacquisti di azioni proprie, investimenti di rischio illiquidi e operazioni kamikaze in scala di grigi [valore patrimoniale netto] che hanno gonfiato la generazione di commissioni [beni in gestione] del tuo Trust, tutto a spese di creditori e tutto per il tuo tornaconto personale.” 

Silbert, ovviamente, ha risposto, twittando che DCG “non ha preso in prestito 1,675 miliardi di dollari da Genesis.” Ha anche affermato che DCG non ha mai mancato un pagamento di interessi a Genesis ed è aggiornato su tutti i prestiti in essere.

Gemini, Genesis e i problemi in seguito al crollo di FTX 

DCG ha una cambiale da $1,1 miliardi relativa alle passività di Genesis relative al default di Three Arrows Capital. A novembre Silbert ha scritto in una nota agli azionisti che DCG aveva un debito di circa 575 milioni di dollari nei confronti di Genesis Global, dovuto a maggio.

Gemini Trust Co., di proprietà di Winklevoss e di suo fratello gemello Tyler, ha sospeso i rimborsi su un prodotto che genera interessi chiamato Earn a metà novembre, una settimana dopo che l’exchange di criptovalute rivale FTX ha presentato istanza di fallimento. 

Il prodotto ha offerto agli investitori l’opportunità di guadagnare fino all’8% di interesse sulle loro criptovalute prestando quei token digitali a Genesis. La pausa di riscatto di Gemini è arrivata sulla scia dell’annuncio di Genesis secondo cui la sua attività in derivati ​​​​aveva circa $175 milioni bloccati sulla piattaforma FTX ora insolvente. 

Genesis ha interrotto i prelievi e ha sospeso la creazione di nuovi prestiti quando FTX ha presentato istanza di fallimento. Da allora, i creditori di Genesis hanno lavorato con avvocati di ristrutturazione per prevenire l’insolvenza.

La lettera di Winklevoss arriva mentre la sua azienda deve affrontare gravi problemi finanziari, tra cui una causa contro il prodotto Earn dell’azienda per presunte frodi e violazioni della legge sui titoli e una folla di clienti Earn arrabbiati che non sono stati in grado di accedere ai propri account.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS