HomeBlockchainRegolamentazioneRegolamentazione crypto: è necessario un nuovo MiCA

Regolamentazione crypto: è necessario un nuovo MiCA

L’Unione Europea ha introdotto la legislazione sui mercati degli asset crittografici (MiCA), con l’obiettivo di fornire una regolamentazione completa del settore crypto. 

Tuttavia, poiché i conglomerati di criptovalute continuano a espandere la loro presenza a livello globale, ci si rende sempre più conto che la regolamentazione di queste entità richiede una cooperazione internazionale e una versione aggiornata del MiCA. 

Il governatore della Banca di Francia vuole un aggiornamento del MiCA per una nuova regolamentazione crypto

In un recente forum tecnologico tenutosi a Parigi, il governatore della Banca di Francia Francois Villeroy de Galhau ha sottolineato l’importanza della cooperazione internazionale nella regolamentazione dei conglomerati crittografici. 

Villeroy ha espresso la convinzione che non sia sufficiente regolamentare le singole entità legali all’interno di una giurisdizione e ha sottolineato la necessità di una collaborazione transfrontaliera.

Richiamando l’attenzione sull’esistenza di società crypto statunitensi con più entità legali che operano in diverse giurisdizioni, Villeroy ha sottolineato che la collaborazione internazionale è fondamentale per regolamentare efficacemente questi conglomerati di criptovaluta. 

La natura interconnessa di questi conglomerati richiede un approccio coordinato tra le autorità di regolamentazione di tutto il mondo.

Pur riconoscendo che l’Unione Europea (UE) ha compiuto progressi significativi in termini di regolamentazione delle criptovalute, Villeroy ha suggerito la necessità di una versione aggiornata della legislazione sui mercati degli asset crittografici (MiCA), definendola “MiCA 2”. 

Il MiCA è stato approvato dal Consiglio dell’UE a maggio ed è considerato il tentativo più completo al mondo di regolamentare il settore delle criptovalute

Tuttavia, presenta alcune limitazioni, lasciando fuori dal suo campo di applicazione attività come il prestito di criptovalute, la finanza decentralizzata (DeFi) e i token non fungibili (NFT).

Il crollo di importanti operatori di criptovalute, come il fallito exchange FTX, e le azioni di regolamentazione contro leader del settore come Binance hanno sottolineato l’urgenza di quadri normativi solidi. 

Per colmare le lacune del MiCA e garantire una supervisione completa, i politici e i funzionari, tra cui la Presidente della Banca Centrale Europea Christine Lagarde, hanno richiesto l’introduzione del MiCA 2.

Regolamentare gli attori principali dell’ecosistema crypto

Durante il forum tecnologico, il governatore Villeroy ha evidenziato la necessità di regolamentare gli attori che utilizzano la tecnologia finanziaria decentralizzata per i servizi finanziari. 

Ha sottolineato che, indipendentemente dalla tecnologia utilizzata, le stesse azioni e gli stessi rischi dovrebbero essere soggetti alle stesse regole e normative. La posizione di Villeroy riflette la convinzione che la finanza decentralizzata sia semplicemente una nuova tecnologia che richiede una regolamentazione adeguata per mitigare i rischi potenziali.

L’appello alla cooperazione internazionale e all’introduzione del MiCA 2 risuona con l’evoluzione del panorama dell’industria delle criptovalute. 

Poiché i conglomerati di criptovalute operano a livello transfrontaliero, un approccio normativo frammentato non sarebbe sufficiente a supervisionare efficacemente le loro attività. 

Un quadro normativo globale unificato e coordinato garantirebbe chiarezza, protezione dei consumatori e stabilità del mercato.

La regolamentazione dei conglomerati cripto è essenziale per proteggere gli investitori e salvaguardare il sistema finanziario. 

Stabilendo regole e linee guida chiare, le autorità di regolamentazione possono promuovere un ambiente che incoraggi l’innovazione, riducendo al minimo i potenziali rischi associati al settore delle criptovalute. 

Inoltre, una regolamentazione efficace può aiutare a prevenire attività illecite come il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo, che sono state associate ad alcuni aspetti del settore delle criptovalute.

La cooperazione internazionale nella regolamentazione dei conglomerati di criptovalute richiederebbe la collaborazione tra autorità di regolamentazione, responsabili politici e operatori del settore di diverse giurisdizioni. 

La definizione di standard e best practice comuni può facilitare lo scambio di informazioni e garantire la coerenza degli approcci normativi. Ciò garantirebbe una maggiore certezza per le imprese che operano nello spazio delle criptovalute e rafforzerebbe la fiducia degli investitori.

Il MiCA 2 dovrà includere nella sua regolamentazione del mondo crypto, anche la DeFi e gli NFTs

L’invito del governatore Villeroy a includere DeFi, NFT e altre attività correlate nell’ambito di applicazione del MiCA 2 riflette la necessità di adattare le normative all’evoluzione del panorama delle criptovalute. 

Con l’affermarsi di queste tecnologie e l’attrazione di ingenti flussi di capitale, diventa imperativo stabilire linee guida chiare per garantire trasparenza, responsabilità ed equo trattamento dei partecipanti.

Uno dei vantaggi principali della cooperazione internazionale nella regolamentazione dei conglomerati di criptovalute è la possibilità di condividere conoscenze ed esperienze. 

Le diverse giurisdizioni possono avere diversi livelli di competenza e di conoscenza dei rischi emergenti e delle migliori pratiche. 

Collaborando e scambiando informazioni, le autorità di regolamentazione possono migliorare collettivamente la loro comprensione del settore delle criptovalute, identificare i rischi potenziali e sviluppare quadri normativi efficaci.

Inoltre, la cooperazione globale può aiutare a prevenire l’arbitraggio normativo, in cui le entità sfruttano le lacune normative o migrano verso giurisdizioni con una supervisione poco rigorosa. 

Gli asset crypto hanno spesso una presenza globale e possono facilmente trasferire le loro operazioni in giurisdizioni con ambienti normativi più favorevoli.

Lavorando insieme, le autorità di regolamentazione possono colmare queste lacune e creare condizioni di parità che scoraggino l’arbitraggio normativo e promuovano pratiche commerciali responsabili.

Le sfide della cooperazione internazionale

Tuttavia, la cooperazione internazionale comporta delle sfide. Armonizzare le normative tra giurisdizioni con quadri giuridici diversi, sfumature culturali e vari livelli di infrastrutture tecnologiche può essere complesso. 

Richiede un ampio coordinamento, negoziazione e compromesso tra i Paesi partecipanti.

Tuttavia, i vantaggi di un approccio coordinato a livello globale alla regolamentazione delle criptovalute superano le sfide, in quanto forniscono un quadro normativo più efficiente ed efficace.

L’Unione Europea, con la legislazione MiCA recentemente adottata, ha compiuto un passo significativo verso la regolamentazione del settore delle criptovalute. Tuttavia, la natura in evoluzione del settore richiede un costante adattamento e miglioramento. 

Il MiCA 2, come proposto dal governatore Villeroy, potrebbe basarsi sul quadro esistente, affrontandone i limiti e incorporando le nuove tecnologie e gli sviluppi del mercato.

In conclusione, l’invito alla cooperazione internazionale nella regolamentazione dei cripto-conglomerati, come sottolineato dal governatore della Banca di Francia Villeroy de Galhau, sottolinea la necessità di un approccio globale e coordinato per sorvegliare il settore delle criptovalute. 

La proposta di legge MiCA 2 e l’inclusione di attività come DeFi e NFT riflettono la natura in evoluzione del settore e la necessità di adattare le normative di conseguenza. 

Lavorando insieme, le autorità di regolamentazione di diverse giurisdizioni possono creare un quadro normativo più solido e coerente a livello globale che promuova la protezione degli investitori, favorisca l’innovazione e garantisca l’integrità e la stabilità del sistema finanziario nell’era dei cripto-conglomerati.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS