HomeSponsoredLe economie in via di sviluppo hanno più che mai bisogno di...

Le economie in via di sviluppo hanno più che mai bisogno di veicoli elettrici: come eTukTuk lo rende possibile e cosa significa per gli investitori

SPONSORED POST* 

I veicoli elettrici (EV) sono uno degli strumenti chiave per promuovere la sostenibilità ambientale. Non ci sono dubbi su questo.

Il loro impatto sul clima, tuttavia, è ora trascurabile poiché l’adozione dei veicoli elettrici rimane un lusso, disponibile principalmente per le persone benestanti nei paesi sviluppati. La diffusione dei veicoli elettrici in tutto il mondo è fondamentale poiché il cambiamento climatico è una sfida globale.

In altre parole, anche i paesi in via di sviluppo dovrebbero rientrare in questo concetto. 

I veicoli elettrici nei paesi in via di sviluppo ne trarranno beneficio in più modi

I veicoli elettrici sono vantaggiosi non solo perché sono rispettosi dell’ambiente. Eccellono anche quando si tratta di efficienza a lungo termine. Sì, richiedono un investimento iniziale comparativamente maggiore rispetto ai veicoli a combustibili fossili ma nel tempo, faranno risparmiare ai conducenti costi in termini di carburante e manutenzione. Ciò fa un’enorme differenza.

Sono un’opzione pratica per le persone che vivono nei paesi in via di sviluppo i cui vincoli finanziari ostacolano la loro capacità di possedere veicoli privati convenzionali, per non parlare dei veicoli elettrici. Non hanno altra scelta che affidarsi ai sistemi di trasporto pubblico, come autobus, treni e taxi. È una scelta lodevole dal punto di vista ambientale.

Ciò non esclude tuttavia il loro impatto sull’ambiente. Soprattutto dai veicoli pubblici piccoli e compatti come i taxi e i tuk-tuk.

I tuk-tuk, in particolare, sono la soluzione più utilizzata in paesi come India e Sri Lanka. Nonostante il loro aspetto, emettono una quantità maggiore di emissioni di carbonio rispetto alle auto tradizionali. Ma la loro struttura compatta e la capacità di ospitare da due a tre passeggeri consente loro di offrire un’alternativa comoda ed economica agli autobus, ai treni e ai taxi.

Il sostanziale aumento del numero di veicoli con motore a combustione interna (ICE) nel corso degli anni rappresenta una minaccia per l’ambiente: 270 milioni di Tuk-Tuk e altri veicoli a due e tre ruote occupano le strade di tutto il mondo.

eTukTuk offre un alternativa più ecologica ai Tuk-Tuk

Le sconcertanti statistiche relative ai TukTuk hanno spinto all’introduzione di eTukTuk. L’obiettivo del progetto è affrontare l’urgente necessità di una trasformazione eco-compatibile aiutando i conducenti di TukTuk a passare a un’alternativa più verde.

Dopo cinque anni di sviluppo, eTukTuk è pronto per entrare nel mercato con il suo token nativo, $TUK. A differenza delle criptovalute tipicamente volatili, $TUK tende alla sostenibilità e all’impatto a lungo termine.

La sua visione principale ruota attorno alla lotta all’inquinamento atmosferico, alla mitigazione dei problemi sanitari associati alle emissioni di CO2 e alla risoluzione delle disparità finanziarie. Il progetto raggiunge questi obiettivi creando una solida rete di veicoli elettrici (EV) potenziata da applicazioni AI e blockchain.

Il notevole aumento dei prezzi dell’energia (fino al 50% in alcuni casi) è un altro fattore che apre le porte alla crescita e all’espansione del fenomeno degli eTukTuk. I governi di molti paesi stanno anche adottando politiche per eliminare gradualmente i veicoli con motore a combustione interna (ICE).

La soluzione eTukTuk prevede l’implementazione di una rete economica di stazioni di ricarica e veicoli elettrici specializzati. Dà priorità agli interessi dei conducenti, dei passeggeri e di tutte le parti interessate coinvolte nell’ecosistema senza danneggiare il pianeta.

Stazioni di ricarica e Power Staking

eTukTuk fa affidamento sui partner territoriali per posizionare strategicamente le apparecchiature di fornitura di veicoli elettrici (EVSE) per la creazione e il funzionamento delle stazioni di ricarica. Il sistema garantisce agli utenti un accesso comodo e frequente alla ricarica con l’obiettivo di raggiungere la piena autosufficienza implementando stazioni di ricarica ad energia solare.

L’economia peer-to-peer (P2P) di eTukTuk è condivisa da tutti i suoi partecipanti. La componente fondamentale è responsabile dell’accesso alla rete di ricarica. La struttura non è riservata esclusivamente ai conducenti di eTukTuk e, ogni volta che i conducenti utilizzano la struttura di ricarica, i partner territoriali interessati vengono ricompensati.

Il successivo elemento integrante dell’economia P2P sono i Power Stakers, che ricevono ricompense per il loro contributo. Il Power Staking offre opportunità di staking che saranno disponibili in ciascuna giurisdizione operativa del progetto.

Oltre a questi, eTukTuk sta sviluppando un gioco “play-to-earn”, offrendo un canale per ottenere entrate extra. Il suo obiettivo è aumentare la awareness e coinvolgere gli utenti attraverso il gioco e il divertimento.

L’ampia infrastruttura blockchain BNB di eTukTuk funge da spina dorsale del progetto, facilitando la comunicazione tra i veicoli eTukTuk, le stazioni di ricarica, i conducenti, l’app mobile e il centro di controllo responsabile della gestione della rete.

I token $TUK mostrano potenziale

I token $TUK servono sia come token di pagamento che di investimento all’interno dell’ecosistema eTukTuk. Potrai investire nei token tramite la prevendita attualmente in corso. Il prezzo del token aumenterà con ogni fase successiva della prevendita.

TUK ha un elevato potenziale di adozione e un ROI importante, soprattutto per i primi investitori. Nel breve termine, questo potenziale sarà guidato dall’entusiasmo che circonda la proposta innovativa del token Web3. Ma la penetrazione del mercato e l’adozione dell’ecosistema gli conferiranno rilevanza a lungo termine.

Lo staking di $TUK è attivo fin dalla fase di prevendita, offrendo agli investitori l’opportunità di aumentare il proprio investimento nel tempo attraverso APY interessanti.

COMPRA TOKEN $TUK AL PREZZO DI PREVENDITA

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS