HomeSponsoredReport Coinbase: quale sarà l'impatto dell’halving di Bitcoin e dell’aggiornamento Cancun di...

Report Coinbase: quale sarà l’impatto dell’halving di Bitcoin e dell’aggiornamento Cancun di Ethereum

*SPONSORED POST

Il recente rapporto sul panorama del mercato 2024 di Coinbase è stato seguito da un’analisi aggiornata, focalizzata sugli eventi di mercato cruciali legati a due principali criptovalute: Bitcoin ed Ethereum.

Questo nuovo rapporto, intitolato Q1 2024 Guide to Crypto Markets (Guida ai mercati cripto del primo trimestre 2024) sottolinea gli eventi chiave che sono destinati a influenzare la direzione futura di queste valute digitali.

Lo studio offre una visione completa degli aspetti critici del settore delle criptovalute, focalizzandosi sulle intricate meccaniche del mercato.

L’impatto del prossimo halving del Bitcoin

Secondo il rapporto, con il prossimo halving previsto nel secondo trimestre del 2024, il Bitcoin arriverà ad una fase cruciale.  

Storicamente, l’evento ha sempre avuto un impatto sul valore del BTC, per questo i trader lo attendono con trepidazione. Come si evince dal nome, l’halving dimezza le ricompense del mining del BTC, generando un ricambio dei miner e inducendo scarsità di BTC sul mercato.

Secondo il rapporto: “il prossimo halving di Bitcoin potrebbe avere un impatto positivo sulle performance del token”. Tuttavia, Coinbase avverte che al momento i dati storici limitati rendono gli esiti in parte speculativi.

Sempre stando al rapporto di Coinbase: “dopo solo tre halving non è stato possibile osservare un modello chiaro, in quanto gli eventi precedenti sono stati contaminati da fattori come misure di liquidità globali.”

L’aggiornamento Cancun di Ethereum

Ethereum si sta preparando per l’aggiornamento Cancun, previsto nel primo trimestre del 2024. A seguito del riuscito Shapella, l’aggiornamento migliorerà ulteriormente la scalabilità e la sicurezza di Ethereum.

L’introduzione di Proto-Danksharding è particolarmente significativa. La tecnologia, spiegano i ricercatori di Coinbase, mira a rendere le transazioni di layer two (L2) più economiche, aumentando allo stesso tempo la capacità della rete Ethereum.

Il rapporto di Coinbase fa luce anche sull’incremento dell’interesse generale per le criptovalute, sottolineando tendenze di mercato mature, evidenziate dalla diminuzione della volatilità e da una crescente preferenza per strategie di investimento sofisticate.

Questo cambiamento segna una nuova era negli investimenti in criptovalute, in cui i trader andranno oltre la mera speculazione, assumendo posizioni strategiche e a lungo termine.

Inoltre, l’halving del Bitcoin e l’aggiornamento di Ethereum hanno portato i trader ad investire su alcuni progetti derivati, come ETHETF Token e Bitcoin Minetrix.

ETHETF Token

Lanciato il 14 novembre su Uniswap, ETHETF Token ha catturato l’attenzione degli investitori grazie al suo lancio improvviso, senza presale o campagne di marketing.

Il progetto implementa una strategia di burning del 2% della tassa di acquisto per ogni transazione di ETHETF Token, in modo da aumentare la domanda dei token rimanenti sul mercato e il loro valore. Secondo il tracker sul sito ufficiale, il burning di ETHETF Token ha già raggiunto il 34,49%.

Il team di ETHETF ha suddiviso la roadmap in tre fasi ben definite. La fase 1 prevede un lancio discreto sul mercato e la creazione di una community impegnata a sostenere a lungo il progetto.

La fase 2 prevede la rimozione della tassa di acquisto e la crescita del token alimentata da Ethereum e dagli ETF Spot, mentre la fase 3 mira a consolidare la crescita del token sul mercato.

Per quanto riguarda la tokenomics, l’ETHETF Token ha un’offerta totale di 100.000.000 di token, di cui il 95% è destinato alla liquidità DEX e il restante 5% sarà utilizzato per le liste su CEX.

Pur non avendo alcuna utilità intrinseca, il token potrebbe interessare i trader che desiderano diversificare il loro wallet, considerando la potenziale crescita legata ad Ethereum e agli ETF.

Bitcoin Minetrix

Bitcoin Minetrix è una piattaforma di cloud mining basata sul token nativo BTCMTX. Il progetto ha raccolto più di 8,2 milioni di dollari in presale, con il BTCMTX venduto a 0,0128 dollari.

La caratteristica principale di Bitcoin Minetrix è lo Stake-To-Mine, una meccanica che consente agli utenti di mettere in stake i BTCMTX e ottenere in cambio dei crediti di mining, rappresentati da token ERC-20 non scambiabili.

Il burning dei crediti di mining genererà hashrate sul servizio di cloud mining Bitcoin Minetrix. L’hashrate è la potenza di calcolo necessaria per ricevere ricompense in BTC tramite la convalida dei blocchi sulla rete Bitcoin.

Quindi, gli utenti di Bitcoin Minetrix potranno ottenere un reddito passivo in BTC attraverso lo staking del BTCMTX, evitando di sottoporsi ai contratti vincolanti proposti dagli altri servizi di cloud mining sul web.

Inoltre, i titolari del token BTCMTX ne avranno la piena proprietà, pertanto potranno fare staking dei token, prelevarli e venderli senza l’interferenza di terze parti.

Fino al lancio della piattaforma, previsto nel corso del 2024, i token comprati in presale con ETH, USDT o carta di credito verranno messi in staking con un APY attuale del 78%.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS