HomeSponsoredETF spot su BTC: ARKB entra nella top 5 del portafoglio di...

ETF spot su BTC: ARKB entra nella top 5 del portafoglio di Ark Invest

SPONSORED POST*

Mentra la SEC rimanda la decisione sugli ETF spot su ETH, Ark Invest disinveste da BITO e accumula attivamente il suo ETF spot basato su BTC, ARKB, elevandolo a una delle prime cinque posizioni all’interno del suo portafoglio ARKW.

Intanto Bitcoin sembra recuperare quota, oggi sopra i $40.000, mentre una prevendita a lui collegata vola oltre $9,4 milioni: Bitcoin Minetrix sta conquistando gli investitori con lo stake-to-mine, un nuovo modo per fare mining di BTC.

Ark Invest liquida BITO per gli ETF spot su BTC

Ark Invest ha acquisito 267.804 azioni di ARKB, per un valore di 12,3 milioni di dollari, sulla base del prezzo di chiusura del 24 gennaio di 46,27 dollari.

Allo stesso tempo ha liquidato 282.975 azioni ProShares Bitcoin Strategy (BITO), valutate a circa 5,4 milioni di dollari sulla base del prezzo di chiusura di 19,11 dollari.

Questa attività di trading segue la recente tendenza di Ark Invest di disinvestire da BITO e di accumulare attivamente il suo ETF spot basato su BTC. Recenti rapporti di CryptoSlate hanno rivelato come la società di investimento abbia effettuato acquisti significativi delle sue azioni ARKB dal momento in cui il fondo è stato attivato in questo mese.

Come risultato di queste mosse strategiche, ARKB si è ora assicurata la quinta posizione tra gli asset nel portafoglio di ARKW. Il fondo ARKW detiene attualmente 2,1 milioni di azioni ARKB, per un valore di oltre 87 milioni di dollari, che rappresentano il 5,64% del portafoglio totale. 

In particolare, ARKB supera le partecipazioni in entità ben note come Tesla, Robinhood e DraftKings, sebbene si collochi dietro alle aziende focalizzate sulle criptovalute, Block e Coinbase, all’interno del portafoglio ARKW.

ETF ARK Invest Bitcoin Al contrario, la partecipazione di Ark Invest in BITO è scesa a 566.285 azioni, per un valore totale di 10,8 milioni di dollari. BITO è il primo ETF sui futures BTC negli Stati Uniti, che è stato lanciato nell’ottobre 2021.

La riallocazione strategica dei fondi, da parte dell’azienda guidata da Cathie Wood, è in linea con le aspettative del mercato: gli esperti avevano previsto che l’azienda si sarebbe allontanata da BITO e avrebbe reindirizzato il capitale in ARKB, con la finalità di migliorare la base patrimoniale del fondo.

Questi movimenti hanno portato l’ETF spot su Bitcoin Ark 21Shares al terzo posto tra i  “Newborn nine”, dietro all’IBIT di BlackRock e all’FBTC di Fidelity. Secondo i dati di Bloomberg Intelligence, inoltre, il patrimonio gestito del fondo supera ormai i 500 milioni di dollari.

Se Ark Invest punta tutto sugli ETF spot su BTC, gli investitori non lasciano passare inosservata la prevendita di Bitcoin Minetrix, che ha superato $9,4 milioni e che mette a disposizione di tutti il mining di BTC grazie al nuovo concetto di stake-to-mine.

Bitcoin Minetrix raggiunge quota $9,4 milioni in presale grazie allo stake-to-mine

Gli ETF spot su BTC hanno portato grande scompiglio nel mercato, portando al dump di molti asset, con in testa Bitcoin: nonostante questo, BTC resta la crypto più importante del settore, tanto che molti si interessano al mining, fino a questo momento destinato solo a società in grado di acquistare macchinari e avere personale competente.

Bitcoin Minetrix introduce un nuovo concetto, quello dello stake-to-mine, che consente a tutti di accedere a questa pratica, acquistando in prevendita almeno $10 del suo token nativo, BTCMTX, mettendolo in stake e guadagnando così token ERC-20 non negoziabili, da bruciare per ottenere hashrate, potere di mining e, infine, i premi in BTC.

L’idea ha riscosso grande successo, infatti il progetto ha superato $9,4 milioni in prevendita e vede un BTCMTX al costo di $0,013 al momento. Bitcoin Minetrix consente di accedere al cloud mining certificato da Coinsult, che quindi risulta sicuro, per ottenere i premi in BTC senza dover emettere depositi in denaro.

Nonostante possa sembrare che si tratti di argomenti ostici, in realtà il progetto permette un facile accesso a tutti, grazie a una dashboard molto intuitiva. Inoltre gli utenti interessati alla prevendita possono approfittare anche delle ricompense fornite dallo staking, oggi con un APY del 70%.

Chi acquista in prevendita usando ETH può da subito fare staking e stake-to-mine, oppure usare USDT, MATIC, la BNB chain o una carta bancaria.

Gli esperti ritengono che, anche in vista dell’imminente halving di BTC, il token possa fare da 10x a 50x con il listing e proseguire su questa strada, per cui chi lo vuole può considerare questa come una buona opportunità da valutare per un investimento.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS