HomeBlockchainTether lancia la Blockchain Education Initiative nelle Filippine

Tether lancia la Blockchain Education Initiative nelle Filippine

Tether, la celebre azienda che emette e gestisce la principale stablecoin al mondo (USDT), ha lanciato nelle Filippine la cosiddetta Blockchain Education Initiative.

L’iniziativa è organizzata in collaborazione con l’exchange crypto filippino Coins.ph.

La Blockchain Education Initiative, un’iniziativa firmata Tether

La Blockchain Education Initiative ha come obiettivo quello di promuovere l’educazione finanziaria delle tecnologie blockchain, di Bitcoin e delle stablecoin.  

Per quanto riguarda nello specifico l’iniziativa nelle Filippine, Coins.ph svilupperà una serie di programmi educativi su misura, per un pubblico diversificato, per consentire ai filippini di acquisire conoscenze finanziarie. 

Tra questi programmi educativi ci saranno workshop, campagne online e quiz interattivi progettati per aumentare la consapevolezza e la comprensione degli asset digitali e dei loro potenziali vantaggi.

La Blockchain Education Initiative nelle Filippine sarà rivolta a diversi segmenti della popolazione, tra cui anche i professionisti della finanza, come banchieri e società fintech, oppure lavoratori filippini d’oltremare alla ricerca di soluzioni efficienti per le rimesse. 

Sarà rivolta anche ai proprietari ed ai clienti dei banchi di pegno, oppure a semplici persone curiose dei fondamenti delle criptovalute. 

Tether e le Filippine

Da un po’ di tempo a questa parte Tether si è presa l’impegno di facilitare l’accesso alle risorse educative che promuovono la comprensione e l’utilizzo responsabile degli asset digitali basati su blockchain. 

Infatti sono già attivi con iniziative simili in Tailandia, Georgia, Uzbekistan ed in diverse parti dell’Africa, dove la società ha già attivato altre partnership con l’obiettivo di fa aumentare la consapevolezza e la comprensione della tecnologia blockchain e delle stablecoin. 

L’obiettivo è quello di fornire ai cittadini le conoscenze e le competenze necessarie per prosperare nel settore crypto, ed abbracciare tecnologie d’avanguardia come le stablecoin ed i sistemi peer-to-peer.

La scelta, per quanto riguarda le FIlippine, è ricaduta su Coins.ph perchè è uno dei principali exchange crypto del Paese. 

Da notare che in assoluto la coppia di scambio con i maggiori volumi su Coins.ph è proprio quella tra il peso filippino (la valuta locale) e USDT, che da sola fa registrare volumi maggiori della somma delle altre tre principali coppie di scambio, ETH/PHP, USDC/PHP e BTC/PHP.

Il commento dei due CEO

Il CEO di Tether, Paolo Ardoino, ha dichiarato: 

“Le Filippine sono una nazione ricca di potenzialità per l’adozione degli asset digitali. Attraverso questa collaborazione con Coins.ph, speriamo di fornire ai filippini le conoscenze e gli strumenti per navigare nell’entusiasmante mondo delle tecnologie blockchain. Tether è orgoglioso di guidare un movimento che combina tecnologia all’avanguardia, istruzione e inclusione finanziaria”. 

Il CEO di Coins.ph, Wei Zhou, ha aggiunto: 

“La nostra collaborazione con Tether segna un passo significativo verso la fornitura ai filippini delle conoscenze essenziali per partecipare alla crescente economia delle risorse digitali. Un focus chiave sarà l’uso di stablecoin come USDT per pagamenti e rimesse transfrontaliere. Questa collaborazione è in linea con la nostra missione di rendere i servizi finanziari accessibili e inclusivi per tutti nelle Filippine”.

Le Filippine e le criptovalute: Tether spinge l’innovazione con il Blockchain Education Initiative

Il rapporto tra lo Stato filippino e le criptovalute non è stato sempre idilliaco. 

Nonostante siano stati fatti diversi tentativi di attrarre aziende crypto e blockchain sul territorio, e nonostante le Filippine abbiano più di 115 milioni di abitanti, il Paese non è mai diventato un vero e proprio hub crypto.

Probabilmente soffre della concorrenza nel sudest asiatico di Singapore, che pur essendo molto piccolo ha però attratto molte aziende crypto dopo il ban cinese. 

Ad esempio la coppia di scambio USDT/PHP su Coins.ph raggiunge appena i 4 milioni di dollari al giorno, quindi quello filippino è un mercato nettamente marginale nel settore crypto. 

Tuttavia lo scopo di Tether è quello di diffondere la conoscenza delle nuove tecnologie blockchain e crypto proprio nei paesi dove queste ultime sono in crescita, come Tailandia, Georgia ed Uzbekistan, senza soffermarsi troppo sull’ampiezza del loro attuale utilizzo. 

In soli 10 anni il PIL delle Filippine è salito da 284 a 417 miliardi di dollari, e questo ne fa uno dei Paesi più in crescita del sudest asiatico, da questo punto di vista. 

È pertanto possibile che nei prossimi decenni possa diventare anche un mercato interessante per il settore crypto, soprattutto se continuerà a crescere di questo passo. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS

GoldBrick