La Banca Centrale di Singapore (MAS) e il Singapore Exchange (SGX) stanno continuando a lavorare al Progetto Ubin. Nell’ultimo annuncio, le due autorità confermano di aver sviluppato il DvP – Delivery versus Payment per regolamentare e automatizzare scambi e liquidazioni delle risorse “tokenizzate” sulle diverse piattaforme blockchain.

Read this article in the English version here.

Nell’annuncio di domenica, il governo di Singapore ha infatti concretizzato la sua partecipazione proattiva in questo nuovo mondo tecnologico, confermando attraverso il progetto DvP ciò che aveva iniziato già 2 anni fa con il progetto Ubin che aveva preannunciato nell’agosto 2018.

Il progetto Ubin prevedeva la piena collaborazione con il settore per esplorare l’uso della tecnologia Distributed Ledger Technology (DLT) per la compensazione e il regolamento di pagamenti e titoli.

Mentre le prime due fasi del progetto Ubin si sono concentrate sul pagamento ed il regolamento interbancario domestico, oggi troviamo DvP, un prototipo sviluppato con i partner tecnologici Anquan, Deloitte e Nasdaq e permette di svolgere in simultanea attività di scambio e liquidazione finale dei token di monete digitali e di titoli su diverse piattaforme blockchain.

Secondo il governo, la capacità di svolgere queste attività contemporaneamente migliora l’efficienza operativa e riduce i rischi di regolamento.

Sopnendu Mohanty, Chief FinTech Officer MAS, ha dichiarato:

“La tecnologia blockchain e la tokenizzazione delle risorse stanno alimentando una nuova ondata di innovazione a livello globale. Questo progetto ha dimostrato il valore della tecnologia blockchain e dei vantaggi che può apportare all’industria finanziaria a breve e medio termine.”

Andando più nello specifico si può dire che il DvP è una procedura di regolamento che utilizza gli smart contract, in cui i titoli e i fondi vengono scambiati simultaneamente per assicurare che la consegna dei titoli avvenga solo se viene effettuato il pagamento corrispondente.

Tinku Gupta, Responsabile Tecnologia presso SGX e Project Chair, ha dichiarato:

“Siamo lieti di guidare questo importante sforzo del settore per accelerare l’innovazione nel mercato. Sulla base dell’esclusiva metodologia SGX sviluppata per consentire l’interoperabilità delle piattaforme in tempo reale, nonché lo scambio simultaneo di token e titoli digitali, abbiamo chiesto il nostro primo brevetto di tecnologia.”