Fin dai primi giorni di Bitcoin, ci sono stati molteplici tentativi di hard fork per replicare, almeno in parte, il suo successo copiando il suo codice con alcune variazioni.

Read this article in the English version here.

Il primo fork del codice Bitcoin ha avuto luogo nell’aprile 2011, generando un altcoin chiamato Namecoin, un progetto che mirava a creare un sistema DNS distribuito.

Seguirono subito dopo molte altre copie di Bitcoin, mirando invano a migliorare la blockchain di BTC, cambiando pochi parametri come il tempo di blocco (GeistGeld) o l’algoritmo di mining (Tenebrix).

Mentre la maggior parte di questi hard fork è morto nei mesi o anni successivi, alcuni di questi, grazie a più efficaci sforzi di marketing, sono riusciti a sopravvivere e sono ancora oggi vivi, anche se completamente privi di qualsiasi scopo o proposta di valore a lungo termine.

L’esempio più notevole è Litecoin che, cambiando ogni anno la narrazione delle pubbliche relazioni, è riuscito a mantenere alta l’attenzione e ad attirare gli investimenti di nuovi arrivati inesperti.

Tuttavia, mentre tutti gli esempi precedentemente citati sono tecnicamente fork di Bitcoin, il grande pubblico sembra considerare fork di Bitcoin solo gli altcoin che condividono il blocco genesi e parte della storia delle transazioni con la blockchain di BTC.

Sotto questa definizione, il primo fork di Bitcoin nella storia è Bitcoin Cash, anche perché parte della community che lavorava su Bitcoin ha deciso di continuare lo sviluppo con il progetto Bitcoin Cash.

Alcuni dicono che il fork di Bitcoin Cash si differenzia da altcoin come Litecoin solo per il fatto che durante il lancio ci fu un airdrop per i possessori di Bitcoin (ogni proprietario di BTC ha ricevuto una quantità uguale di BCH), che è un fenomeno che si erq già verificato in precedenza con Clamcoin, Stellar ed altri.

Ad ogni modo, per mantenere questo articolo semplice e conciso, si definiranno come fork di Bitcoin solo quelli che richiedono la convalida dei primi blocchi Bitcoin quando un nuovo nodo è sincronizzazione.

Il fork di Bitcoin Cash

Bitcoin Cash è diventato quindi il primo hard fork significativo di Bitcoin ed è riuscito ad attrarre una parte sostanziale della community di Bitcoin e degli investitori.

Le motivazioni alla base del fork derivavano da un dibattito nella community durato due anni sulla dimensione massima dei blocchi di Bitcoin, con un gruppo che sosteneva l’aumento della dimensione dei blocchi come soluzione di scalabilità e un hard fork non retrocompatibile come metodo di aggiornamento del protocollo.

Tuttavia, ciò si opponeva allo status quo, che utilizzava solo soft fork compatibili con la blockchain attuale per gli aggiornamenti e alla prudenza generale con le modifiche al protocollo che richiedono di affrontare i compromessi sulla sicurezza, come ad esempio un significativo aumento delle dimensioni del blocco.

A causa dell’incapacità di convincere il resto dei partecipanti della rete a seguire la loro proposta, un team di sviluppatori finanziato dal gigante minerario Bitmain decise quindi di rilasciare una nuova versione di Bitcoin, creando la hard fork Bitcoin Cash il 1° agosto 2017.

Dopo questo hard fork, Bitcoin Cash è riuscito a guadagnare un po’ di trazione e a raggiungere un valore di mercato oscillante tra il 10% e il 17% del valore di BTC.

Questo ha finito per creare una nuova tendenza di forkare Bitcoin, sperando di guadagnare valore di mercato e parte della sua base di utenti con poco sforzo. Così, tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, sono state lanciate molte nuove fork come Bitcoin Gold, Bitcoin Diamond, Bitcoin United, Bitcoin Private e molte altre.

Tuttavia, ogni nuova moneta ha sempre avuto un successo significativamente inferiore a quella precedente, in quanto mancava una proposta di valore che potesse attrarre utenti e investitori, facendo morire la tendenza nel giro di pochi mesi.

Il secondo fork di Bitcoin Cash

A metà del 2018 la situazione sembrava essersi stabilizzata, con Bitcoin Cash come unico fork significativa di Bitcoin.

Tuttavia, per smuovere un po’ la situazione, durante l’estate la community di Bitcoin Cash ha iniziato a dividersi su un controverso hard fork che doveva essere presentato a novembre dello stesso anno con due implementazioni alternative con diverse proposte incompatibili per l’aggiornamento.

Da un lato, Bitcoin ABC, il team di sviluppo originariamente sostenuto da Bitmain, ha spinto per un cambiamento nelle principali regole di consenso come un tentativo di rendere le transazioni con conferme zero meno rischiose.

Dall’altro lato, Bitcoin SV, un team sostenuto dalla società londinese nChain, si è opposto a questi cambiamenti e ha promosso un ulteriore aumento della dimensione dei blocchi a 128 MB.

Poiché le due parti non sono riuscite a trovare un compromesso, il 15 novembre la blockchain di Bitcoin Cash si è divisa, con più o meno lo stesso l’hash rate per il mining.

Ciò ha avuto un impatto terribile sul valore di mercato della moneta e sulla sua affidabilità.

La disastrosa divisione che è avvenuta con Bitcoin Cash è la conseguenza della stessa filosofia che ne ha sostenuto la creazione, ovvero l’idea che un hard fork è un modo per aggiornare un protocollo basato sul consenso, e le fork multiple che competono tra di loro sono qualcosa di desiderabile.

Per capire perché questo è un male, ricordiamoci che Bitcoin è nato con l’obiettivo di creare una forma di denaro digitale senza fiducia e l’unica utilità del denaro è quella di avere un unico prodotto intermedio utilizzato per scambiare ogni bene in un mercato. Se abbiamo più valute incompatibili, l’utilità del denaro diminuisce.

Quindi l’obiettivo di una criptovaluta dovrebbe essere quello di evitare divisioni, tenere tutti sullo stesso registro e massimizzare l’utilità.

Dividere una rete monetaria per ragioni inutili, come un diverso trade off di sicurezza/scalabilità a breve termine, come hanno fatto i promotori di Bitcoin Cash, distrugge un sacco di utilità monetaria senza alcun vantaggio tecnico, se non negativo.

L’idea di dividere una rete per ottenere compromessi leggermente diversi è molto poco saggio, soprattutto perché ogni utente avrà la sua preferenza di compromesso e, se questa diventa una tendenza, ci ritroviamo con centinaia di monete concorrenti, quasi identiche, senza effetto rete e quindi con poca utilità.

Anche se può sembrare ironico che Bitcoin Cash e Bitcoin SV si siano divisi per la stessa ragione per cui si è verificata la prima hard fork di Bitcoin, un cambio di trade-off non retrocompatibile in realtà era qualcosa di prevedibile e inevitabile per una rete nata con l’ideologia della “divisione per futili motivi”.

A causa della sua natura monetaria, Bitcoin non può essere trattato come qualsiasi altro progetto open source.

Se, ad esempio, desidero fare un fork del mio browser Firefox per aggiungere alcune funzioni extra non altrimenti disponibili, posso farlo pur essendo in grado di interagire con gli utenti del browser Firefox originale.

Con il denaro questo non succede, se una minoranza crea la sua forma di denaro proprio, perde la possibilità di commerciare con il resto del mondo, distruggendo la loro utilità.

La divisione è sempre un male?

Indipendentemente da quello che abbiamo detto, dividere non è sempre un male. Quando l’utilità derivata dalla divisione supera l’utilità persa per la mancanza di effetto rete, allora può avere senso.

Questo non è il caso di una diversa preferenza di trade-off come quello che è successo con Bitcoin Cash, tuttavia, nel caso di Bitcoin l’utilità della divisione era maggiore.

In un certo senso, Satoshi Nakamoto si è separato dal sistema monetario esistente e ha creato una propria forma di denaro incompatibile con il resto del mondo. Tuttavia, ha sacrificato l’effetto di rete di cui godono le valute fiat per qualcosa di prezioso: denaro digitale trustless e non censurabile.

Per la maggior parte delle persone, questa utilità extra del denaro trustless non è ancora sufficiente a compensare l’effetto di rete ridotto, ma un numero sempre crescente di utenti sta adottando Bitcoin, dimostrando che valeva la pena di separarsi dalla valuta fiat.

Quindi, dato che è successo in passato, è ancora possibile che in futuro avremo ragionevoli divisioni dallo standard monetario che, almeno per una nicchia, Bitcoin già lo è.

Tuttavia, Bitcoin ha rappresentato un enorme passo avanti tecnologico rispetto al passato standard monetario, e non vediamo qualcosa di paragonabile nemmeno leggermente per quanto riguarda i progressi tecnologici né dalle fork né dagli altcoin.