Israele, a tutta blockchain
Israele, a tutta blockchain
Blockchain

Israele, a tutta blockchain

By Fabio Lugano - 23 Mar 2018

Chevron down

Israele, certamente hub tecnologico del Medio Oriente, è da sempre all’avanguardia anche nelle crypto, ma la legislazione fiscale pare aver complicato le cose

Israele è sempre stata all’avanguardia nella tecnologia, non solo se confrontata coi suoi vicini.

Si può dire che per lo Stato ebraico la tecnologia e l’informatica rappresentato un notevole vantaggio competitivo, perseguito con tenacia, anche per ragioni di sicurezza del paese. Non a caso le software farm di Tel Aviv sono all’avanguardia, arrivando ad esportare dappertutto, compreso il Far East.

In questo ambiente così vivo e creativo non poteva che svilupparsi un fiorente ambiente per le criptovalute. Un elemento già sottolineato da Deloitte in un proprio report fn dal 2016.

Nel polo tecnologico israeliano si è sviluppata un’associazione molto viva relativa alla blockchain e ai suoi utilizzi potenziali. Si tratta di blockchainisrael.io, nella quale confluiscono decine di progetti, alcuni già operativi e altri in fase di sviluppo, che dimostrano l’ampio utilizzo di questa tecnologia nel Paese.

Va detto che non tutti i progetti si sono trasformati in token: molte aziende hanno utilizzato semplicemente l’aspetto tecnico della blockchain, senza entrare nell’aspetto economico-finanziario legato alle criptovalute.

Ci sono anche delle criptovalute con progetti molto avanzati, come ad esempio BANCOR, che da solo capitalizza 120 milioni di dollari, oppure BitJob e la ICO di Cannabium, il primo security token con alle spalle la cannabis, mentre un team israeliano è stato selezionato  per sviluppare una moneta statale per le isole Marshall.

Si parla anche di uno Shakel digitale lanciato dalla banca centrale. Anche KIK Coindash e Matchpool hanno dei team parzialmente israeliani.

Giuridicamente in Israele le criptovalute non sono considerate monete, ma asset. Questo ha causato alcuni problemi dal punto di vista fiscale, quando a gennaio è stata emessa la prima normativa relativa alle criptovalute. Se non sono considerate beni, la loro cessione dovrebbe essere sottoposta al pagamento dell’IVA.

Motivo per cui le ICO locali dovrebbero contabilizzare le loro vendite esattamente come quelle di beni, con i token non utilizzati registrati come dei riscontri passivi in contabilità e, tecnicamente, da sottoporre ad IVA, per lo meno per i soggetti interni.

Questa è una modalità unica che si temeva avrebbe portato dei danni all’ambiente e alle nuove iniziative. Comunque, sempre dal punto di vista fiscale, gli utili da trading vengono tassati con un’aliquota progressiva che può giungere al 47% e lo stesso avviene per gli utili derivanti dal mining.

Tutto questo fa sì che Israele sia un ambiente molto proficuo dal punto di vista tecnologico, ma con una certa ostilità per quanto riguarda la regolamentazione fiscale.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.