Slovenia cripto-friendly
Slovenia cripto-friendly
Blockchain

Slovenia cripto-friendly

By Rossana Prezioso - 12 Apr 2018

Chevron down

La rivoluzione apportata dalla tecnologia blockchain è innegabile.

La realtà sembra essere confermata anche dal fatto che la Cina, nazione particolarmente critica verso il trading di criptovalute, è anche la prima al mondo negli investimenti stanziati per progetti sulla blockchain.

Perché la Slovenia

A Brdo pri Kranju, in Slovenia, nazione tra le più cripto-friendly, si sta svolgendo la prima conferenza europea sul tema blockchain come base del web 3.0.

Lubiana, attraverso i suoi diversi progetti a supporto dell’universo cripto, è già stata soprannominata la Silicon Valley d’Europa. Dalla sua parte, infatti, sembrerebbero essere presenti tutti i maggiori punti a favore di Bitcoin&Co: piani per implementazione del blockchain, un forte senso della cultura bitcoin nella comunità e oltre 300 aziende (incluse quelle internazionali) che promuovono e utilizzano tecnologie decentralizzate e blockchain.

La dichiarazione è stata al centro anche del discorso d’apertura di Joseph Lubin, co-fondatore con Vitalik Buterin di Ethereum. Ad organizzare l’evento è stata Blockchain Alliance Europe, associazione specializzata nello sviluppo della tecnologia Blockchain.

Anche l’UE per la Blockchain

Il consenso intorno a questo nuova tecnologia sta aumentando anche a livello istituzionale.

Lo stesso vicepresidente della Commissione Europea (CE) Andrus Ansip, durante il Digital Day, ha considerato l’Europa come uno dei protagonisti meglio predisposti a svolgere un ruolo di primo piano nello sviluppo di questi progetti sempre più diffusi anche nelle realtà quotidiane.

Per questo motivo è necessario che l’uso della blockchain esca dai laboratori per diffondersi come opportunità di innovazione nella vita quotidiana a tutto vantaggio delle persone intesi come consumatori, utenti, pazienti e cittadini.

Una decisione che trova conferma in un progetto più ampio lanciato con l’Osservatorio e il Forum Blockchain da parte dell’UE, in collaborazione con la startup ConsenSys, che permetterà investimenti sui progetti relativi per oltre 300 milioni di euro in 10 anni.

Rossana Prezioso
Rossana Prezioso

Appassionatasi alle nuove frontiere dell’editoria online, ha deciso di approfondire ulteriormente le sue conoscenze dedicandosi allo studio dei cambiamenti culturali ed economici derivati dalla nascita della finanza hitech, sviluppando le tematiche riguardanti i nuovi modelli di business ad essa legati e le influenze geopolitiche della new economy criptovalute

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.