Kraken lascia il Sol Levante
Criptovalute

Kraken lascia il Sol Levante

By Fabio Lugano - 17 Apr 2018

Chevron down

Kraken, uno dei principali exchange al mondo con sede negli USA, ha annunciato di voler lasciare il mercato delle criptovalute giapponese a partire dalla fine di giugno 2018.

La società opera su questo mercato dal 2014 e, anche se non esclude di rientrare in seguito, per ora ha deciso di lasciare il Sol Levante.

“La sospensione dei servizi in Giappone permetterà di focalizzare meglio le nostre risorse per migliorare il servizio in altre aree geografiche”, sottolinea Kraken in una email inviata ai clienti.  “Questa sospensione localizzata del servizio colpirà solo i residenti in Giappone e non avrà impatti per i cittadini o le attività economiche domiciliate fuori dal Paese”.

Le cause indicate da Kraken sono di carattere economico: i costi per il mantenimento della piattaforma nel Sol Levante sarebbero troppo elevate, sebbene questo appaia in contrasto con il fatto che si tratta del secondo mercato mondiale per le criptovalute.

Probabilmente pesa anche la stretta normativa che progressivamente viene condotta dalle autorità locali.

Kraken opera senza una specifica autorizzazione da parte delle autorità locali che però, recentemente, hanno iniziato a condurre delle ispezioni sempre più approfondite sugli exchange, soprattutto dopo il furto di 500 milioni di dollari in NEM avvenuto sulla piattaforma di Coincheck.

Tutti gli exchange abbandonano il Giappone

Circa un mese fa anche Binance aveva deciso di lasciare il Giappone per trasferire la propria sede a Malta.

Non solo: il Giappone, allo scorso G20, è stato uno dei Paesi più attivi nel chiedere la definizione di standard di controllo internazionale per le valute virtuali.

Appare quindi probabile che la decisione dell’exchange sia influenzata anche dalla necessità di adattarsi a standard operativi.

Attualmente Kraken è il decimo exchange per dimensioni, con 187 milioni di dollari giornalieri transati.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.