La Consob ucraina: “Ok alle crypto”
La Consob ucraina: “Ok alle crypto”
Criptovalute

La Consob ucraina: “Ok alle crypto”

By Marco Cavicchioli - 12 Mag 2018

Chevron down

Timur Khromaev è il presidente della National Securities and Stock Market Commission (NSSMC) dell’Ucraina, ovvero l’ente governativo che vigila sui mercati finanziari (equivalente dell’italiana Consob).

Qualche giorno fa ha pubblicato un post sul suo profilo Facebook in cui dichiara:

Le questioni relative all’accettazione dello status [delle criptovalute], delle attività e delle conseguenze, richiedono l’adattamento e il riconoscimento dei controllori finanziari. C’è la necessità di nuove regole che considerino lo sviluppo molto dinamico di questo settore. […] In occasione della prossima riunione del consiglio di stabilità finanziaria sarà posta la questione del riconoscimento di alcune criptovalute come strumento finanziario“.

Da questo post – originariamente scritto in russo – cose si comprendono bene:

  1. L’Ucraina sembrerebbe in procinto di accettare ufficialmente le criptovalute (perlomeno alcune di esse) come “strumento finanziario”, anche se non si sa ancora bene quale;
  2. Per poterlo fare saranno necessarie nuove norme legali esplicite, che potrebbero generare di fatto un inevitabile riconoscimento ufficiale.

Ne discuteranno durante la prossima commissione per i valori mobiliari dell’Ucraina, che si terrà a Kiev nell’ambito dell’incontro del Consiglio per la stabilità finanziaria.

Khromaev sembrerebbe propenso ad accettare all’idea di consentire agli ucraini di partecipare liberamente al mercato delle criptovalute.

Inoltre, secondo le sue conclusioni, le criptovalute devono essere normate sia usando le regole già esistenti, basate su “principi e sostanza”, sia su nuovi regolamenti.

L’assenza di standard internazionali a riguardo implica che debbano essere i singoli stati a procedere con la creazione delle nuove norme.

Purtroppo non essendoci un consenso diffuso tra le varie nazioni su come vadano considerate queste nuove monete digitali non c’è modo per ora di fare riferimento a degli standard comuni.

Il governo ucraino sta cercando di affrontare da tempo la questione, tanto da aver già creato a gennaio un apposito gruppo di lavoro sulla regolamentazione delle criptovalute.

Se Khromaev prendesse in mano la questione si presuppone che il paese potrebbe fare progressi in questa direzione.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.