banner
Iran e Russia potrebbero usare le criptovalute
Iran e Russia potrebbero usare le criptovalute
Criptovalute

Iran e Russia potrebbero usare le criptovalute

By Marco Cavicchioli - 17 Mag 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Il dollaro ad oggi rimane la valuta di riferimento mondiale.

Ma è anche la moneta degli Stati Uniti, controllata dalla FED, la Banca Centrale americana.

Il fatto che la valuta di riferimento mondiale sia a stelle e strisce rappresenta un privilegio di “signoraggio” per gli USA, ma può rappresentare un problema per altri Paesi e per le altre valute.

Russia e Iran

Secondo l’agenzia Interfax, l’Iran sta prendendo in considerazione l’ipotesi di utilizzare le criptovalute per uscire dalla sfera di influenza del dollaro.

A rivelarlo è il capo della commissione per gli affari economici del Parlamento iraniano Mohammad Reza Purebrakhimi che, durante un incontro con il capo del Comitato del Consiglio della Federazione Russa sulla politica economica, Dmitry Mezentsev, ha dichiarato:

L’uso delle criptovalute può essere uno dei modi migliori per aggirare l’utilizzo del dollaro, così come il sistema SWIFT. Abbiamo ordinato alla Banca Centrale in Iran di sviluppare di proposte per l’utilizzo di monete digitali“.

Una crypto di Stato?

Non si sa ancora se l’idea preveda o meno l’emissione di una criptovaluta di Stato, visto che sia la Russia che l’Iran si dichiarano ufficialmente scettici alla diffusione delle criptovalute in circolazione.

Negli ultimi tempi, infatti, soprattutto l’Iran si è mostrato decisamente contrario alle criptovalute.

Invece, l’atteggiamento della Russia è più controverso.

Visto anche che i rapporti tra Russia ed Iran sono abbastanza profondi, le parole di Purebrakhimi suonano come un vero e proprio annuncio ufficiale verso l’apertura alle crypto.

In realtà, il problema non riguarda solo il dollaro, ma il sistema comunemente utilizzato per spostare grosse cifre in giro per il mondo in questa valuta, ovvero SWIFT.

A tal proposito Purebrakhimi ha dichiarato che i russi “condividono la nostra opinione, abbiamo detto che se riusciremo a promuovere questo lavoro, allora saremo i primi paesi che utilizzano la criptovaluta nello scambio di beni“.

In questo scenario, le criptovalute servirebbero ai due Stati per eliminare qualsiasi limite sui pagamenti attualmente effettuati in dollari e ciò rende molto interessante questa collaborazione.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.